Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Cos'è il Disturbo da Alimentazione Incontrollata

Mangiare tanto e frettolosamente non è sempre attribuibile alla golosità, alla base possono esserci specifiche dinamiche emotive disfunzionali

Cos'è il Disturbo da Alimentazione Incontrollata - Mangiare tanto e frettolosamente non è sempre attribuibile alla golosità, alla base possono esserci specifiche dinamiche emotive disfunzionali

Sempre più attenzione è rivolta all'alimentazione e alla salute, questo perché siamo un popolo amante dei piaceri della tavola e della buona compagnia, ma è anche purtroppo vero che cresce continuamente il numero delle persone affette da patologie dovute a scorrette abitudini alimentari. Il campo diagnostico dei disturbi del comportamento alimentare (DCA) è ampio e complesso, le alterazioni comportamentali più conosciute dalla cultura comune sono l'Anoressia Nervosa e  la Bulimia Nervosa, ma oltre a  queste problematiche oggi è sempre più probabile sentire anche parlare del Disturbo da Alimentazione Incontrollata o Binge Eating Desorder (BED). Il DSM V riporta tra i suoi criteri diagnostici la presenza ricorrente di crisi bulimiche senza il ricorso a comportamenti di compensazione per la gestione del peso e la sensazione di perdere il controllo prima e durante l'episodio bulimico.
Questa sindrome si caratterizza per i suoi attacchi di fame incontrollata che assumono la forma di vere e proprie "abbuffate", vale a dire ingerire una grande quantità di cibo in un tempo breve (ad esempio 2 ore), le quali possono ripetersi anche più volte a settimana.
Tipiche di questo comportamento alimentare sono l'impulsività e l'emotività, il che vuol dire che le dinamiche sottostanti sono di natura psicologica e non fisiologica, infatti le persone con disturbo da alimentazione incontrollata spesso presentano anche disturbi dell'umore e disturbi d'ansia.
Normalmente quando l'organismo si trova ad aver bruciato una certa quantità di energia induce un senso di fame nella persona così che tramite l'ingerimento di cibo possa recuperare quell'apporto calorico perduto. In questo caso al termine del pasto è normale avvertire un piacevole senso di sazietà e appagamento. Ben diverso è un comportamento alimentare smisurato, che non nasce come normale risposta alla fame, ma da esigenze di altra natura.
La qualità della vita è purtroppo disturbata da un'ossessione costante per il cibo con il quale si vive un rapporto profondamente ambivalente di amore ed odio, affiancato da una costante preoccupazione di ingrassare che a volte può anche condizionare la vita sociale e lavorativa. Anche il rapporto con il proprio corpo è vissuto con disagio, non solo perché in questi casi è spesso presente un'alterazione della propria immagine corporea, ma anche perché la persona non è più in grado di individuare e ascoltare i reali bisogni di fame e sazietà dell'organismo.
Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata è caratterizzato da abbuffate improvvise che impulsivamente portano a mangiare qualsiasi cosa, in grandi quantità e in un tempo relativamente breve che terminano solo quando si ha la sgradevole sensazione di "esplodere". In questi casi il mangiare incontrollato non avviene in risposta a necessità fisiologiche di tutela e mantenimento  dell'organismo, bensì su necessità psicologiche ed emotive, di cui la persona spesso non è consapevole.
Lo scopo che si cela dietro questo comportamento disfunzionale quindi non è più nutrirsi, ma mangiare qualcosa che prenda il posto, schiacci, allontani, distragga da un vissuto emotivo doloroso e spiacevole, troppo frustrante per poterlo sopportare senza "qualcosa di buono" che ne mitighi l'intensità. Le emozioni scatenanti possono essere molteplici, ad esempio rabbia, insicurezza, ansia, delusione, auto-svalutazione, solitudine, tristezza, vergogna e molte altre ancora. Inizialmente l'abboffata sopperisce a tali vissuti sostituendoli con un senso di piacere e appagamento, ma in realtà questo effetto fa presto a svanire lasciando il posto a un grande senso di colpa e impotenza.
Un percorso psicoterapeutico si rivela molto utile per la persona che soffre di questa difficoltà alimentare perché può essere d'aiuto su molti fronti, come riprendere il controllo sul proprio peso, apprendere strategie di gestione della fame, recuperare un rapporto pacifico con il proprio corpo e imparare ad interpretarne il linguaggio. Soprattutto il lavoro psicoterapeutico guida la persona ad approfondire i vissuti emotivi sottostanti le abbuffate e lo aiuta a sviluppare una nuova gestione di queste emozioni frustranti, così che possano rappresentare una risorsa vitale e non un nemico fastidioso dal quale fuggire.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Dr.ssa Ilaria Fontana - Napoli (NA)

Dr.ssa Ilaria Fontana

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Corso Vittorio Emanuele (Lato Quartiere Chiaia)

80122 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Parliamo di Attacchi di Panico

Che cosa è? Perché arriva? E a chi chiedere aiuto?

Continua

L'impatto emotivo di una malattia grave

Cosa genera la scoperta di una grave malattia nella persona e nei suoi famigliari? Che tutto il sistema accusa il colpo.

Continua

SOS Fame Nervosa

Il cibo, gioia e dolore di ognuno di noi, vale a dire che il più delle volte non si mangia per fame ma come tentativo di gratificazione

Continua

L'ansia e i suoi effetti

Lo stato ansioso è un sentimento di preoccupazione generalizzato che a causa dei suoi effetti sull'organismo può risultare molto invalidante

Continua