Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Il Fondo Patrimoniale

Il Codice Civile consente di destinare alcuni beni al soddisfacimento di “bisogni familiari”, così rendendoli insensibili a vicende debitorie

Il Fondo Patrimoniale - Il Codice Civile consente di destinare alcuni beni al soddisfacimento di “bisogni familiari”, così rendendoli insensibili a vicende debitorie

Ecco il “fondo patrimoniale”, disciplinato dagli articoli 167 – 171 del vigente Codice Civile: un metodo relativamente semplice ed economico (con riferimento ai beni immobili, l’imposta ipotecaria e catastale sarà dovuta in misura fissa, salvo vi sia trasferimento di proprietà) per attuare un effetto segregativo su propri assets, pur rimanendone proprietari: i beni in fondo patrimoniale, così come i loro frutti, non potranno essere oggetto di azione esecutiva o cautelare, né di iscrizione ipotecaria, né saranno ricompresi in un eventuale fallimento del proprietario, in quanto – come statuito dalla Corte di Cassazione – “patrimonio separato destinato al soddisfacimento di specifici scopi che prevalgono sulla funzione di garanzia per la generalità dei creditori”.
Il Fisco dovrà arrestarsi di fronte ad un fondo patrimoniale legittimamente costituito, (ma il contribuente dovrà fornire la prova dell’estraneità del debito fiscale ai bisogni familiari e della conoscenza della estraneità in capo al creditore, Cass. 1295/2012). Va sottolineato che il presupposto necessario per la costituzione di un fondo patrimoniale è la sussistenza di un vincolo matrimoniale: potrà pertanto costituire il fondo ciascuno dei coniugi, od entrambi (ed anche un terzo, per atto tra vivi o per testamento, in loro favore), ma non il “single”, né la “coppia di fatto”.
Importante è riconoscere che non tutti i beni possono essere destinati al fondo, bensì solamente gli immobili, i mobili registrati ed i titoli di credito (i quali, per poter essere vincolati, devono esser resi nominativi con annotazione del vincolo od in altro modo idoneo). Potranno quindi essere conferite azioni societarie, ed anche (ma la dottrina non è unanime sul punto) quote di società a responsabilità limitata; non potranno in alcun modo essere conferiti, invece, beni mobili non registrati (tra cui l’azienda) o crediti.
Va inoltre ricordato che il fondo patrimoniale implica limitazioni piuttosto rilevanti all’amministrazione dei beni conferiti: essa spetta ad entrambi i coniugi, in via disgiunta per quanto riguarda gli atti di ordinaria amministrazione ed in via congiunta per quelli di straordinaria amministrazione (o comunque relativi alla concessione od all’acquisto di diritti personali di godimento).
Nel corso della durata del fondo, salva diversa pattuizione, i beni potranno essere alienati, ipotecati o dati in pegno solo con il consenso di entrambi i coniugi ed, in presenza di figli minori, con autorizzazione concessa dal giudice “nei soli casi di necessità od utilità evidente”.
Il fondo verrà a cessare naturalmente con l’annullamento, lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio; mentre, se vi sono figli minori, con il compimento della maggiore età da parte dell’ultimo di essi (di recente la Cassazione, con sentenza 17811/2014, ha statuito che, in presenza di figli minori, o anche solo di concepiti, il fondo non può essere fatto cessare in via anticipata).
Massima attenzione nella scelta del Fondo Patrimoniale, dunque: le peculiarità dell’istituto, che da un lato pone rilevanti limiti alla facoltà di disporre dei beni, e dall’altro – con la cessazione “automatica” al verificarsi di determinati eventi (divorzio, morte, maggiore età del figlio) – potrebbe non rivelarsi utile a garantire appieno le esigenze di protezione patrimoniale del costituente, impone un’attenta riflessione prima della scelta a favore dello stesso piuttosto che di altri strumenti offerti dall’ordinamento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Dott. Andrea Citton - Venezia (VE)

DOTT. ANDREA CITTON

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

Fondazione Querini Stampalia Castello 5255

30122 - Venezia (VE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Post referendum in Catalogna: quali scenari?

La crisi in Catalogna, può impattare - e come - sullo scenario macroeconomico dell'Eurozona? E sui tuoi investimenti? Una mia riflessione

Continua

Come proteggersi dall’inflazione?

Cos’è l’inflazione? E` l’aumento generalizzato e prolungato dei prezzi, con diminuzione del potere d’acquisto della moneta e dei capitali

Continua

Le Minusvalenze

"Minusvalenze plusvalenze…” paroline dal grande effetto per i risparmiatori, ma dall’oscuro significato… Cosa sono? Come si realizzano?

Continua

La pressione fiscale in ambito finanziario

Riepiloghiamo le voci che costituiscono la pressione fiscale sugli strumenti finanziari utilizzati da investitori e risparmiatori italiani

Continua

5 temi per la fine di questo 2017

Sta per iniziare l’ultimo quadrimestre del 2017: delineiamo i temi chiave da affrontare, e con loro i rischi e le opportunità per i prossimi mesi

Continua

Quale pensione?

Ormai è chiaro per tutti che al giorno d’oggi non è più sufficiente versare i contributi all’Inps per sperare di avere una vecchiaia serena...

Continua

Donazioni: alcuni chiarimenti (parte seconda)

"Ma se mando un bonifico a mio figlio, mia moglie, fratello/sorella o altro parente, devo pagare l’imposta sulle donazioni?" Alcuni chiarimenti (2):

Continua

Donazioni: alcuni chiarimenti (parte prima)

"Ma se mando un bonifico a mio figlio, mia moglie, fratello/sorella o altro parente, devo pagare l’imposta sulle donazioni?" Alcuni chiarimenti (1):

Continua

Il “passaggio generazionale” in azienda

In Italia la successione aziendale viene vista come una vera e propria “tragedia” dal Proprietario e/o dal Fondatore, ecco gli errori più frequenti

Continua

“…E adesso come investo i miei soldi?”

Bassa inflazione e bassa crescita economica han portato i tassi dei titoli di Stato in negativo. Non parliamo poi dei rendimenti…

Continua

Vincolo di destinazione: mettere i beni al sicuro

Il “Vincolo di destinazione” prevede un’ulteriore eccezione al principio in base al quale il debitore risponde alle obblgazioni con beni propri

Continua

In banca o in posta: cosa è più sicuro?

Domanda che spesso mi viene fatta: i risparmi sono più al sicuro alla Posta o in Banca?”.

Continua