Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Revoca dell’amministratore di una Srl

Devono sussistere gravi irregolarità nella gestione della società. Ecco un caso

Revoca dell’amministratore di una Srl - Devono sussistere gravi irregolarità nella gestione della società. Ecco un caso

L’art. 2476 del codice civile disciplina la “Responsabilità degli amministratori e controllo dei soci”, il quale, al primo e al terzo comma prescrive: 

1. Gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall'inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall'atto costitutivo per l'amministrazione della società. Tuttavia la responsabilità non si estende a quelli che dimostrino di essere esenti da colpa e, essendo a cognizione che l'atto si stava per compiere, abbiano fatto constare del proprio dissenso. 

3. L'azione di responsabilità contro gli amministratori è promossa da ciascun socio, il quale può altresì chiedere, in caso di gravi irregolarità nella gestione della società, che sia adottato provvedimento cautelare di revoca degli amministratori medesimi (…)

  

In base ai commi citati dell’articolo 2476 del codice civile, gli amministratori sono responsabili del loro operato, sia nei confronti della società intesa come l’insieme dei soci, sia nei confronti di ogni singolo socio. Responsabilità che, se infrante, danno il diritto all’assemblea dei soci così come al singolo socio, di revocarne il mandato. 

Non solo. L’amministratore, oltre che nei confronti della società e dei soci, è responsabile anche verso i terzi (clienti e fornitori, Stato, banche, ecc…). Una condotta dannosa dell’amministratore può generare responsabilità civili, amministrative o penali a seconda della gravità dell’azione operata ai danni della società. 

  

Ma quale deve essere la condotta dell’amministratore? 

La rilevanza del ruolo ricoperto da un amministratore è tale in ambito societario, ma anche economico e sociale, per cui all’amministratore è richiesta una diligenza superiore a quella del buon padre di famiglia prevista per il debitore generico in un qualsivoglia rapporto obbligazionario. Infatti, nell’articolo 1176 del codice civile sono previsti due ordini di diligenza nei rispettivi due commi della norma, che afferma: 

1.       Nell'adempiere l'obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. 

2.       Nell'adempimento delle obbligazioni inerenti all'esercizio di un'attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell'attività esercitata

  

Ed è proprio al secondo comma che occorsi rifarsi per giudicare la condotta dell’amministratore di una società, essendo questa un'attività professionale e raffrontata con il delicato ruolo dell’amministrazione della gestione societaria. 

Nel caso i soci riscontrassero una diligenza non rapportata al ruolo ricoperto, possono chiedere la revoca dell’amministratore

  

Uno dei casi seguiti dal mio studio è emblematico (si riporta il caso, ma per motivi di privacy i nomi degli attori sono di fantasia). 

Il Sig. Mario Rossi è ricorso al Tribunale affinché venisse accolta la domanda di revoca dalla carica di amministratrice della Sig.ra Gaia Bianchi, che si opponeva alle dimissioni spontanee, adducendo gravi irregolarità nella gestione della società. Domanda che, come vedremo a breve, è stata accolta. 

  

Il Sig. Mario Rossi e la Sig.ra Gaia Bianchi erano entrambi amministratori, con poteri disgiunti (ovvero entrambi con potere di firma nei rapporti giuridici senza la necessità dell’apposizione della firma dell’altro socio) della società X. La Sig.ra Gaia Bianchi, però, aveva poi costituito una nuova società Y (di cui era ugualmente amministratrice), in diretta concorrenza con la società X. 

Non solo. Il Sig. Mario Rossi aveva lamentato anche altre casi di mala gestio posti in essere dalla signora Sig.ra Gaia Bianchi (per brevità di esposizione non li riportiamo), che non solo dimostravano la mancanza di diligenza nello svolgimento delle mansioni di amministratrice, ma che facevano paventare un “periculum in mora”, ovvero ulteriori imminenti ed irreparabili danni in capo alla società X nel caso di mancata revoca da amministratrice della Sig.ra Gaia Rossi. La gravità degli illeciti comportamenti posti in essere dalla Sig.ra Gaia Rossi, infatti, era stata tale “da rendere necessaria ed urgente la sua revoca dalla carica di amministratore pena l’aggravamento irreparabile del danno subito dalla società e la compromissione della sua attività”. 

Il Tribunale, viste le irregolarità, ha accolto la domanda di revoca sottolineando due aspetti importanti: 

1.       Era necessaria la sola infrazione al divieto di concorrenza per accogliere la domanda, poiché il solo fatto che la Sig.ra Gaia Bianchi ricoprisse la carica di amministratrice in una società concorrente era sufficientemente grave come irregolarità da giustificarne la revoca 

2.       Di fronte a gravi irregolarità, l’amministratore revocato deve pagare i danni subiti dalla società a causa della sua negligenza e degli atti dannosi compiuti. 

Il nostro studio offre la sua consulenza nel caso abbiate necessità di ulteriori chiarimenti sull’argomento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale - Bergamo (BG)

Madonna Avv. Gianluca Studio Legale

Avvocati / Civile

Via Jacopo Palma Il Vecchio 45

24122 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Precetto: mancato avviso di composizione crisi

Precetto valido: commento a Tribunale di Milano, n. 4347/2016

Continua

Convivente more uxorio: opposizione dell`archiviazione

Il convivente more uxorio può presentare opposizione nel caso in cui la persona offesa sia deceduta in conseguenza del reato

Continua

Immobile assegnato al coniuge

Quale tutela per il terzo acquirente di immobile assegnato al coniuge non proprietario ma affidatario dei figli minori?

Continua

Stepchild adoption a due papà

L`istituto è di fatto già esistente nel nostro ordinamento. Sentenza storica del Tribunale per i Minorenni di Roma

Continua

Minori: omessa corresponsione mezzi sostentamento

Lettura critica del delitto: è necessario un inadempimento serio e sufficientemente protratto a prescindere da un provvedimento del giudice civile

Continua

Direttiva 2014/17/UE

Con l`attuazione della Direttiva 2014/17/UE, l`abrogazione del divieto di patto commissorio?

Continua

Incostituzionale la legge pinto

La Consulta boccia il termine per il procedimento volto all’equo indennizzo determinato da irragionevole durata del processo

Continua

Identità genere: cambio di sesso senza operazione

La Suprema Corte interviene sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico quale presupposto per la rettifica anagrafica del sesso

Continua

Consegna all'ufficiale giudiziario dell'atto

Azione revocatoria: la prescrizione è interrotta dalla consegna all’ufficiale giudiziario dell’atto, indipendentemente dalla ricezione

Continua

Opposizione a D.I.: a chi spetta la mediazione

Spetta all`opponente, a pena di improcedibilità, esperire il tentativo di mediazione obbligatoria

Continua

Ristrutturazione: edifici crollati o demoliti

Rassegna della giurisprudenza sull'art. 3, d.p.r. 380/2001 così come modificato dal c.d. Decreto del Fare.

Continua

Gestione dei rifiuti: natura del FIR

Brevi precisazioni in merito alla sentenza della Corte di Cassazione N. 43613 del 29/10/2015 sulla distinzione tra il FIR e il certificato di analisi dei rifiuti

Continua

La compensazione delle spese di lite

Come la compensazione delle spese premierebbe la contumacia dei debitori di crediti “irrisori” – Quali diritti per chi agisce?

Continua

SCIA: luci e ombre anche dopo la riforma della PA

Lettura critica della segnalazione certificata di inizio attività

Continua