Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

La figura dell'amministratore di condominio

Se il condominio è costituito da più di otto condomini è obbligatoria la nomina di un amministratore

La figura dell'amministratore di condominio - Se il condominio è costituito da più di otto condomini è obbligatoria la nomina di un amministratore

Nell'ipotesi in cui un condominio sia costituito da più di otto condomini è obbligatoria la nomina di un amministratore, al di sotto di tale numero la nomina può essere facoltativa. L'amministratore deve essere votato a maggioranza dei condomini presenti all'assemblea stessa, rappresentanti almeno la metà del valore millesimale. 

Ciascun condomino è legittimato a ricorrere all'autorità giudiziaria affinchè in sede di volontaria giurisdizione provveda a nominarne uno. Anche l'amministratore dimissionario può rivolgersi all'autorità giudiziaria per la nomina di un nuovo amministratore o per la sua riconferma senza conseguire alcun risultato. 

L'amministratore è tenuto ad esporre in un luogo dell'edificio accessibile ai condomini, ai conduttori e a terzi una targa che riporti le sue generalità, il suo domicilio, l'indirizzo di studio e i suoi recapiti telefonici. 

Il compenso dell'amministratore deve essere deliberato dall'assemblea all'atto della nomina, il suo diritto al compenso unitamente alle spese sostenute si prescrive in cinque anni dalla scadenza di ogni gestione. 

Nel caso in cui nel condominio vi siano condomini morosi, l'amministratore ha l'obbligo di agire in giudizio nei loro confronti per il recupero del credito entro sei mesi da quando sia approvato il rendiconto consuntivo o quello preventivo, del resto il loro riparto rende il credito certo, liquido ed esigibile. 

L'amministratore dura in carica un anno, rinnovabile di un'ulteriore anno, può essere revocato dall'assemblea anche senza giusta causa o dall'autorità giudiziaria solo per giusta causa. 

L'amministratore è tenuto, alla cessazione dell'incarico, a consegnare al subentrante tutta la documentazione afferente il condominio e i singoli condomini. Qualora nelle more del passaggio di consegne, l'amministratore debba svolgere attività per evitare pregiudizi al condominio, questa deve essere prestata in forma gratuita. 

In caso di revoca giudiziaria dell'amministratore, il giudizio di volontaria giurisdizione si svolge in camera di consiglio con ricorso al Tribunale nella cui circoscrizione si trova il condominio e l'unico legittimato a contraddire una siffatta domanda da parte del condominio è l'amministratore. L'amministratore che ritenga di essere stato revocato senza un'adeguata motivazione da parte del Tribunale può proporre reclamo alla Corte di Appello, la cui decisione è definitiva non essendo impugnabile per Cassazione. L'amministratore revocato dall'autorità giudiziaria non può più essere nominato dall'assemblea. Nel caso di dimissioni dell'amministratore, il dimissionario è legittimato a ricorrere all'autorità giudiziaria per la nomina del suo successore. 

L'amministratore deve godere dei diritti civili, non deve essere condannato per delitti contro il patrimonio o per delitti non colposi per i quali è comminata una pene detentiva non inferiore a due anni e non superiore a cinque, non deve essere sottoposto a misure di prevenzione divenute definitive, come l'esercizio dei pubblici uffici, non deve essere interdetto o inabilitato, non deve essere annotato nell'elenco dei protesti cambiari, deve aver conseguito almeno il diploma di scuola media secondaria di secondo grado, deve aver frequentato un corso di formazione periodica e deve frequentare corsi di formazione continua. 

La perdita dei primi cinque requisiti determina la cessazione di diritto dell'incarico. La delibera riguardante la nomina ad amministratore di un soggetto privo dei riquisiti sopra richiesti è nulla, poichè contraria al disposto normativo imperativo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Studio Legale Avv. Sabrina Di Ianni - Castel di Sangro (AQ)

Studio Legale Avv. Sabrina Di Ianni

Avvocati / Civile

Via Cavalieri Di Malta, 2

67031 - Castel di Sangro (AQ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Separazione e divorzio

La riconciliazione tra i coniugi e il ripristino del regime di comunione precedentemente adottato

Continua

La negoziazione assistita

Negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio

Continua

Amministrazione di sostegno

Serve per affiancare un soggetto che si trovi nell'impossibilità, parziale o temporanea, di far fronte al soddisfacimento dei propri interessi

Continua

Consenso informato: responsabilità medica

Il medico deve fornire al paziente tutte le informazioni riguardanti le terapie o l'intervento chirurgico, salvo i rischi imprevedibili

Continua

Esecuzione immobiliare

Equitalia: limiti all'espropriazione immobiliare

Continua

Sospensione della patente

Guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Ricorso al Giudice di Pace

Continua