Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Accesso abusivo nel profilo FB dell'ex: è stalking

Secondo gli Ermellini anche i reiterati accessi nel profilo FB altrui contribuiscono ad integrare le condotte previste dall'art. 612 bis c.p.

Accesso abusivo nel profilo FB dell'ex: è stalking - Secondo gli Ermellini anche i reiterati accessi nel profilo FB altrui contribuiscono ad integrare le condotte previste dall'art. 612 bis c.p.

Con la sentenza n. 25940 del 13.02.2017 la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha stabilito che risponde del reato di stalking chi ossessiona la propria vittima anche mediante reiterate e costanti intrusioni nel suo profilo Facebook, essendo in tal caso sussistente il nesso causale tra la propria condotta e lo stato di ansia della vittima, costretta a cambiare le proprie abitudini di vita. 

 

Nel caso di specie, il ricorrente si era rivolto ai Giudici di legittimità affermando che detto nesso causale difettasse ma il Supremo Collegio - dichiarando inammissibile il ricorso - ha ribadito che il principio secondo cui il reato di stalking ha natura abituale, e l'evento deve essere il risultato della condotta persecutoria nel suo complesso e la reiterazione degli atti tipici costituisce elemento unificante ed essenziale della fattispecie facendo assumere a tali atti un'autonoma e unitaria offensività, in quanto è proprio dalla loro reiterazione che deriva nella vittima un progressivo accumulo di disagio che infine degenera in uno stato di prostrazione psicologica in grado di manifestarsi in una delle forme prescritte dalla norma incriminatrice.  

 

Tra l'altro, secondo il Supremo Collegio (circostanza non da poco), la vittima proprio a seguito degli accessi abusivi sul proprio profilo Facebook era stata costretta a cambiare il profilo stesso, oltre che al proprio numero di telefono ed indirizzo email. 

Per la configurabilità del reato ex art. 612 bis c.p., infatti, è sufficiente la consumazione anche di uno solo degli eventi alternativamente previsti dalla norma. La prova del nesso eziologico tra la condotta e gli eventi (o l'evento) deve essere concreta e specifica tenendo conto della condotta posta in essere dalla vittima e dei mutamenti derivanti a quest'ultima nelle abitudini e negli stili di vita. 

 

Nel caso concreto, ribadisce la Suprema Corte, il perdurante stato di ansia e paura e l'alterazione delle abitudini di vita sono stati determinati proprio dalle condotte persecutorie dell'imputato, consistite non solo in minacce e molestie, ma anche nelle continue intrusioni nella posta elettronica ordinaria e nel profilo Facebook della vittima.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Massimo Titi - Roma (RM)

AVV. MASSIMO TITI

Avvocati / Penale

VIA VITTORIO ARMINJON 8

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pregressi dissidi non integrano la premeditazione

Per i giudici di legittimità la premeditazione non può essere confusa con la semplice preordinazione di mezzi

Continua

Dolo eventuale incompatibile con il reato tentato

La S.C. ribadisce che l'elemento psicologico nella forma del dolo eventuale è incompatibile con il tentativo di omicidio

Continua

Concorso di persone o connivenza non punibile?

Il Tribunale di Roma ha ribadito che la mera consapevolezza della presenza dello stupefacente non è reato, ma semplice connivenza non punibile

Continua

Nessuna misura se mancano concretezza e attualità

La S.C. conferma il principio secondo cui il pericolo di reiterazione deve essere concreto e attuale per legittimare l'adozione della misura cautelare

Continua

La sola ubriachezza in servizio non è reato

Secondo il Tribunale Militare di Roma non è sufficiente provare il solo stato di ubriachezza per configurare il reato ex art. 47 n. 2 e 139 co. 2 cpmp

Continua