Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Patrocinio a spese dello Stato: requisiti e novità

Il c.d. Gratuito Patrocinio è un importante istituto che attua il precetto Costituzionale di cui all'art. 24 (Diritto alla tutela giurisdizionale)

Patrocinio a spese dello Stato: requisiti e novità - Il c.d. Gratuito Patrocinio è un importante istituto che attua il precetto Costituzionale di cui all'art. 24 (Diritto alla tutela giurisdizionale)

Come indicato dal Ministero della Giustizia, la rappresentanza giudiziale, sia per agire sia per difendersi, della persona non abbiente può esercitarsi attraverso la nomina e l'assistenza di un Avvocato a spese dello Stato, purché le pretese non risultino manifestamente infondate. 

L’istituto del Patrocinio a spese dello Stato, conosciuto dai più come “Gratuito Patrocinio”, vale sia nell’ambito di un processo civile, ivi incluse le procedure di volontaria giurisdizione (quali: separazioni consensuali, divorzi congiunti, ecc.), sia nel processo amministrativo, contabile e tributario, nonché nel processo penale. 

Tale ammissione è valida per ogni grado del processo e per le procedure connesse. 

Per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore ad euro 11.528,41

Se l'istante convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente di codesto nucleo. 

Si tiene conto del solo reddito personale quando sono oggetto della causa diritti della personalità, ovvero nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi. 

La domanda, in ambito civile si presenta, presso la Segreteria del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati, competente rispetto al: 

- luogo dove ha sede il magistrato davanti al quale è in corso il processo; 

- luogo dove ha sede il magistrato competente a conoscere del merito, se il processo non è ancora in corso; 

- luogo dove ha sede il giudice che ha emesso il provvedimento impugnato per i ricorsi in Cassazione, Consiglio di Stato, Corte dei Conti. 

Nel caso in cui la domanda non venga accolta, l'interessato può proporre la richiesta di ammissione al giudice competente per il giudizio, che decide con decreto. 

E se la decisione da parte del Consiglio dell'Ordine non pervenga entro termini ragionevoli, l'interessato può inviare una nota al Consiglio dell'Ordine stesso e per conoscenza al Ministero della Giustizia – Dipartimento Affari di Giustizia – Direzione Generale della Giustizia Civile - Ufficio III. 

Purtroppo a volte gli Avvocati si trovano nella scomoda posizione di dover rinunciare al cliente che chieda di essere difeso con il c.d. «gratuito patrocinio» perché i compensi liquidati dallo Stato all’esito della causa sono spesso molto esigui e distanti da un giusto compenso per l'impegno professionale profuso a favore dell'assistito. 

Fortunatamente una recentissima Ordinanza della Suprema Corte [1] ha statuito che il magistrato nel determinare la liquidazione del compenso legale di un Avvocato patrocinatore a Spese dello Stato non possa quantificare tale compenso in via forfettaria, ma debba attenersi alla nota spese che l’avvocato medesimo ha presentato, e se ritenesse di discostarsi dalle richieste del professionista sia tenuto a motivare le ragioni dell’esclusione di alcune voci ed a fornire esplicite spiegazioni sui criteri di calcolo seguiti, di modo che sia possibile controllare ed eventualmente impugnare la decisione sul punto. 

Avv. Marcella Burlando 

 

[1] Cass. ord. n. 20325 del 23.08.2017.  

[2] Riferimenti normativi: Legge 29 marzo 2001 n. 134; D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115: articoli dal 74 al 141

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Studio Legale Burlando - Concorezzo (MB)

STUDIO LEGALE BURLANDO

Avvocati / Civile

Via Ozanam N. 8

20863 - Concorezzo (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritti dei titolari di contrassegno per disabili

Quali prerogative sono concesse ai titolari di "Pass Invalidi" e come impugnare le contravvenzioni stradali elevate ingiustamente

Continua

Mobbing: come dimostrare le vessazioni e vincere

Mobbing: la persecuzione esercitata sul posto di lavoro da colleghi o superiori nei confronti di un individuo, che gravemente lede chi la subisce

Continua

Multe all’estero: improbabile non pagarle

E' divenuto rischioso non pagare le contravvenzioni al Codice della Strada commesse all'Estero. Le multe con ogni probabilità arriveranno a casa

Continua

Consumatori: diritti per prodotti non conformi

La garanzia legale e convenzionale a tutela del Consumatore nel caso in cui il prodotto acquistato non sia conforme o sia difettoso

Continua

Cosa fare se il debitore non paga?

La deduzione dei crediti di difficilissimo se non impossibile recupero, e la detrazione Iva

Continua

Chi ha diritto alla pensione di reversibilità

Pensione di reversibilità: cosa è e chi ne ha diritto? E... se il pensionato muore lasciando una ex moglie e una moglie superstite, cosa succede?

Continua

Differenza tra prima casa e abitazione principale

Prima casa ed Abitazione principale: cerchiamo di fare chiarezza su due concetti spesso confusi nel linguaggio corrente

Continua