Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Doppio cognome per i figli

Dal 2017 è possibile per i neogenitori scegliere di aggiungere al cognome paterno del proprio figlio anche quello materno

Doppio cognome per i figli - Dal 2017 è possibile per i neogenitori scegliere di aggiungere al cognome paterno del proprio figlio anche quello materno

Con la sentenza n. 286/2016 la Corte costituzionale ha chiarito che è illegittima la norma che impone l'attribuzione automatica ed esclusiva del solo cognome paterno. 

I nuovi nati hanno pertanto la possibilità di vedersi attribuito dai lori genitori entrambi i cognomi. 

Fondamentale a questo punto è la circolare 1/2017 del Ministero dell’Interno con la quale sono state dettate le linee guida applicative della sentenza della Corte Costituzionale modificativa della precedente normativa. La circolare ha specificato che: “Con la richiamata pronuncia e dal giorno successivo alla sua pubblicazione, viene definitivamente rimossa dall'ordinamento la preclusione, implicita nel sistema di norme delibate dalla Corte Costituzionale, della possibilità di attribuire, al momento della nascita, di comune accordo, anche il cognome materno. L'applicazione della sentenza della Corte Costituzionale è immediata per cui, in attuazione della pronuncia, sostanzialmente innovativa della disciplina della materia di che trattasi, l'ufficiale dello stato civile dovrà accogliere la richiesta dei genitori che, di comune accordo, intendano attribuire il doppio cognome, paterno e materno, al momento della nascita o al momento dell'adozione”. 

Praticamente: 

o   I genitori potranno manifestare all’ufficiale dello stato civile la volontà di appore al figlio anche il cognome della madre; 

o   Il cognome della madre sarà conseguente a quello del padre; 

o   Il cognome della madre sarà aggiunto e non alternativo a quello del padre; 

o   L’aggiunta del cognome materno potrà avvenire sia per i figli adottati che per i figli nati fuori dal matrimonio. 

o   La dichiarazione di volontà per l’apposizione del cognome materno può avvenire dopo la nascita. 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina - Latina (LT)

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina

Avvocati / Civile

Via Sisto V 19

04100 - Latina (LT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assicurazione obbligatoria avvocati

Le nuove disposizioni normative in tema di assicurazione professionale per gli avvocati

Continua

L'obbligo del preventivo scritto per l'avvocato

Il DDL concorrenza ha introdotto l'obbligo per l'avvocato di redigere sempre un preventivo di spesa scritto, anche se non richiesto dal cliente

Continua

Fisco e canoni di locazione non percepiti

Se il conduttore non paga i canoni, il locatore è comunque obbligato a pagare le corrispondenti tasse?

Continua

Come ci si separa o si divorzia consensualmente?

La legge attualmente vigente mette a disposizione delle coppie che intendono separarsi o divorziare diverse procedure per raggiungere questi obiettivi

Continua

Prevenire è meglio che sfrattare

Le procedure di sfratto di conduttori morosi sono lunghe e farraginose. Per evitarle si può solo prevenire e minimizzare il rischio della morosità.

Continua

La ex moglie ha perso il diritto al mantenimento?

In caso di separazione o divorzio, se l’ex-coniuge è in grado effettivamente di lavorare, l’altro coniuge non dovrà più versare il mantenimento

Continua

La cittadinanza italiana per discendenza da donne

Il diritto alla cittadinanza deve essere riconosciuto anche a tutti i discendenti delle donne italiane nate prima del 1948 ed emigrate in altri paesi

Continua