Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Prodotti pericolosi, quali garanzie post vendita?

Riferimenti normativi utili per orientarsi nella materia relativa alle garanzie post vendita con particolare riguardo ai prodotti potenzialmente pericolosi

Prodotti pericolosi, quali garanzie post vendita? - Riferimenti normativi utili per orientarsi nella materia relativa alle garanzie post vendita con particolare riguardo ai prodotti potenzialmente pericolosi

GARANZIE POST VENDITA CON PARTICOLARE RIGUARDO AI PRODOTTI POTENZIALMENTE PERICOLOSI 

Nella nostra esperienza professionale abbiamo riscontrato una scarsa attenzione da parte delle aziende produttrici e/o distributrici di prodotti (soprattutto macchine) in ordine a quelle che sono le loro responsabilità giuridiche e su quanto sia necessario approntare, a livello ad es. anche di modulistica e di procedura operativa, per rispettare la normativa in materia e per garantire tanto il consumatore, quanto l’azienda stessa, che, se avrà operato correttamente, potrà più facilmente andare esente da responsabilità. 

Questa trattazione, che non ha pretesa alcuna di esaustività, vuol essere solamente un supporto, peraltro realizzato in modo molto schematico, da cui prendere spunto per successivi approfondimenti. 

Normativa di riferimento 

Ai nostri fini la normativa di riferimento, oltre al codice civile, è il Codice del consumo (D.Lgs. 6 settembre 2006, n. 206), che è andato a sostituire ed integrare la direttiva comunitaria 25.7.85 n. 374 in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi (attuata in Italia con il D.P.R. 24.5.88 n. 224) e la direttiva comunitaria 2001/95/CE sulla sicurezza dei prodotti (che a sua volta sostituiva la precedente direttiva 95/59/CEE sulla sicurezza generale di prodotti). 

Nello specifico, le parti del predetto Codice che andremo a trattare sono quella relativa alla “Sicurezza dei prodotti” (artt. da 102 a 113), “Responsabilità per danno da prodotti difettosi” (artt. 115 127) e quella sulle “Garanzie legali di conformità e garanzie per i beni di consumo” (artt. da 128 a 135). 

Altra normativa che va considerata è la c.d. Direttiva macchine 2006/42/CE (sostitutiva della precedente direttiva 98/37/CE), entrata in vigore in Italia con D.lgs. n. 17/10. 

Va preliminarmente specificato che il Codice del Consumo si applica solo quando da un lato vi è il “consumatore o utente”, ossia la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale e dell’altro il “professionista”, ovvero la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale. 

Quindi, al di fuori di questo ambito, ad esempio quando si tratti di rapporti tra due operatori professionali, non si applicherà il codice del consumo, ma si applicheranno le norme del codice civile, che in ogni caso, rimangono sempre alternative ed integrative rispetto alla tutela prevista dal Codice del consumo, potendo il consumatore decidere di agire anche sulla base dei rimedi approntati dal codice civile in tema di responsabilità, risarcimento danni, vizi, ecc. 

Al fine di addivenire ad una illustrazione più chiara vale la pena riprendere alcune precise definizioni contenute nel predetto Codice del consumo

- produttore: è il fabbricante del prodotto stabilito nella Comunità e qualsiasi altra persona che si presenti come fabbricante apponendo sul prodotto il proprio nome, il proprio marchio o un altro segno distintivo, o colui che rimette a nuovo il prodotto; il rappresentante del fabbricante se quest’ultimo non è stabilito nella Comunità o, qualora non vi sia un rappresentante stabilito nella Comunità, l’importatore del prodotto; gli altri operatori professionali della catena di commercializzazione nella misura in cui la loro attività possa incidere sulle caratteristiche di sicurezza del prodotto. 

Tali soggetti sono stati individuati ad esempio nei rivenditori professionali ai quali il produttore delega espressamente un controllo o una messa a punto del prodotto prima della sua consegna oppure la sua messa in opera o ai prestatori d’opera che prima dell’applicazione del prodotto (cosmetici e simili) sono tenuti ad eseguire un test per scoprire eventuali allergie ed effetti collaterali. 

- distributore: qualsiasi operatore professionale della catena di commercializzazione, la cui attività non incide sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti. 

- prodotto sicuro: qualsiasi prodotto, che, in condizioni di uso normali o ragionevolmente prevedibili, compresa la durata e, se del caso, la messa in servizio, l'installazione e la manutenzione, non presenti alcun rischio oppure presenti unicamente rischi minimi, compatibili con l'impiego del prodotto e considerati accettabili nell'osservanza di un livello elevato di tutela della salute e della sicurezza delle persone in funzione, in particolare, dei seguenti elementi: 

1) delle caratteristiche del prodotto, in particolare la sua composizione, il suo imballaggio, le modalità del suo assemblaggio e, se del caso, della sua installazione e manutenzione; 

2) dell'effetto del prodotto su altri prodotti, qualora sia ragionevolmente prevedibile l'utilizzazione del primo con i secondi; 

3) della presentazione del prodotto, della sua etichettatura, delle eventuali avvertenze e istruzioni per il suo uso e la sua eliminazione, nonché di qualsiasi altra indicazione o informazione relativa al prodotto; 

4) delle categorie di consumatori che si trovano in condizione di rischio nell'utilizzazione del prodotto, in particolare dei minori e degli anziani; 

- prodotto pericoloso: qualsiasi prodotto che non risponda alla definizione di prodotto sicuro 

- prodotto difettoso: quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: 

a) il modo in cui il prodotto è stato messo in circolazione, la sua presentazione, le sue caratteristiche palesi, le istruzioni e le avvertenze fornite; 

b) l'uso al quale il prodotto può essere ragionevolmente destinato e i comportamenti che, in relazione ad esso, si possono ragionevolmente prevedere; 

c) il tempo in cui il prodotto è stato messo in circolazione. 

Il difetto, quindi, è strettamente connesso al concetto di sicurezza. Così come concepito dalla normativa, il difetto implica un’insidia, un pericolo per il soggetto che ne fa uso e per i terzi che si trovano a contatto con esso. In tale prospettiva il difetto non coincide con la nozione di vizio, che si identifica in una imperfezione del bene e che può anche non comportare un’insicurezza del prodotto. 

RESPONSABILITA’ QUALE PRODUTTORE - NORME 

La norma fondamentale è l’art. 104 del Codice del consumo (Obblighi del produttore e del distributore) che così recita: 

1. Il produttore immette sul mercato solo prodotti sicuri.  

2. Il produttore fornisce al consumatore tutte le informazioni utili alla valutazione e alla prevenzione dei rischi derivanti dall'uso normale o ragionevolmente prevedibile del prodotto, se non sono immediatamente percettibili senza adeguate avvertenze, e alla prevenzione contro detti rischi. La presenza di tali avvertenze non esenta, comunque, dal rispetto degli altri obblighi previsti nel presente titolo.  

3. Il produttore adotta misure proporzionate in funzione delle caratteristiche del prodotto fornito per consentire al consumatore di essere informato sui rischi connessi al suo uso e per intraprendere le iniziative opportune per evitare tali rischi, compresi il ritiro del prodotto dal mercato, il richiamo e l'informazione appropriata ed efficace dei consumatori.  

4. Le misure di cui al comma 3 comprendono:  

a) l'indicazione in base al prodotto o al suo imballaggio, dell'identità e degli estremi del produttore; il riferimento al tipo di prodotto o, eventualmente, alla partita di prodotti di cui fa parte, salva l'omissione di tale indicazione nei casi in cui sia giustificata;  

b) i controlli a campione sui prodotti commercializzati, l'esame dei reclami e, se del caso, la tenuta di un registro degli stessi, nonché l'informazione ai distributori in merito a tale sorveglianza.  

5. Le misure di ritiro, di richiamo e di informazione al consumatore, previste al comma 3, hanno luogo su base volontaria o su richiesta delle competenti autorità a norma dell'articolo 107. Il richiamo interviene quando altre azioni non siano sufficienti a prevenire i rischi del caso, ovvero quando i produttori lo ritengano necessario o vi siano tenuti in seguito a provvedimenti dell'autorità competente.  

6. Il distributore deve agire con diligenza nell'esercizio della sua attività per contribuire a garantire l'immissione sul mercato di prodotti sicuri; in particolare è tenuto:  

a) a non fornire prodotti di cui conosce o avrebbe dovuto conoscere la pericolosità in base alle informazioni in suo possesso e nella sua qualità di operatore professionale;  

b) a partecipare al controllo di sicurezza del prodotto immesso sul mercato, trasmettendo le informazioni concernenti i rischi del prodotto al produttore e alle autorità competenti per le azioni di rispettiva competenza

c) a collaborare alle azioni intraprese di cui alla lettera b), conservando e fornendo la documentazione idonea a rintracciare l'origine dei prodotti per un periodo di dieci anni dalla data di cessione al consumatore finale.  

7. Qualora i produttori e i distributori sappiano o debbano sapere, sulla base delle informazioni in loro possesso e in quanto operatori professionali, che un prodotto da loro immesso sul mercato o altrimenti fornito al consumatore presenta per il consumatore stesso rischi incompatibili con l'obbligo generale di sicurezza, informano immediatamente le amministrazioni competenti, di cui all'articolo 106, comma 1, precisando le azioni intraprese per prevenire i rischi per i consumatori.  

8. In caso di rischio grave, le informazioni da fornire comprendono almeno:  

a) elementi specifici che consentano una precisa identificazione del prodotto o del lotto di prodotti in questione;  

b) una descrizione completa del rischio presentato dai prodotti interessati;  

c) tutte le informazioni disponibili che consentono di rintracciare il prodotto;  

d) una descrizione dei provvedimenti adottati per prevenire i rischi per i consumatori.  

9. Nei limiti delle rispettive attività, produttori e distributori collaborano con le Autorità competenti, ove richiesto dalle medesime, in ordine alle azioni intraprese per evitare i rischi presentati dai prodotti che essi forniscono o hanno fornito”.  

Altre disposizioni rilevanti ai nostri fini sono le disposizioni del Codice del Consumo di cui appresso; 

Art. 96 (Prova): 

1. Il danneggiato deve provare il difetto, il danno, e la connessione causale tra difetto e danno.  

2. Il produttore deve provare i fatti che possono escludere la responsabilità secondo le disposizioni dell'articolo”. 

Art. 121 (Pluralità di responsabili): 

1. Se più persone sono responsabili del medesimo danno, tutte sono obbligate in solido al risarcimento.  

2. Colui che ha risarcito il danno ha regresso contro gli altri nella misura determinata dalle dimensioni del rischio riferibile a ciascuno, dalla gravità delle eventuali colpe e dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate. Nel dubbio la ripartizione avviene in parti uguali”. 

Art. 122 (Colpa del danneggiato): 

1. Nelle ipotesi di concorso del fatto colposo del danneggiato il risarcimento si valuta secondo le disposizioni dell'articolo 1227 del codice civile.  

2. Il risarcimento non è dovuto quando il danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto.  

3. Nell’ipotesi di danno a cosa, la colpa del detentore di questa è parificata alla colpa del danneggiato”. 

Art. 123 (Danno risarcibile): 

1. E' risarcibile in base alle disposizioni del presente titolo:  

a) il danno cagionato dalla morte o da lesioni personali;  

b) la distruzione o il deterioramento di una cosa diversa dal prodotto difettoso, purché di tipo normalmente destinato all'uso o consumo privato e così principalmente utilizzata dal danneggiato.  

2. Il danno a cose è risarcibile solo nella misura che ecceda la somma di euro trecentottantasette”. 

Art. 124 (clausole di esonero da responsabilità): 

E’ nullo qualsiasi patto che escluda o limiti preventivamente, nei confronti del danneggiato, la responsabilità prevista dal presente titolo” 

Art. 127 (Responsabilità secondo altre disposizioni di legge): 

1. Le disposizioni del presente titolo non escludono né limitano i diritti attribuiti al danneggiato da altre leggi.…..” 

Oltre alle disposizioni contenute nel Codice del Consumo, c’è da tenere presente anche la Direttiva Macchine 2006/42/CE, in particolare sono attinenti le seguenti norme dell’allegato I: 

Art. 1.1.2 (Principi di integrazione della sicurezza) lettera b), che prevede, fra le altre cose, di “informare gli utilizzatori dei rischi residui dovuti all’incompleta efficacia delle misure di protezione adottate, indicare se è richiesta una formazione particolare e segnalare se è necessario prevedere un dispositivo di protezione individuale”. 

Art. 1.7.4 (Istruzioni): 

Ogni macchina deve essere accompagnata da istruzioni per l'uso nella o nelle lingue comunitarie ufficiali dello Stato membro in cui la macchina è immessa sul mercato e/o messa in servizio. 

Le istruzioni che accompagnano la macchina devono essere "Istruzioni originali" o una 

"Traduzione delle istruzioni originali"; in tal caso alla traduzione deve essere allegata una copia delle istruzioni originali. 

In deroga a quanto sopra, le istruzioni per la manutenzione destinate ad essere usate da un personale specializzato incaricato dal fabbricante o dal suo mandatario possono essere fornite in una sola lingua comunitaria compresa da detto personale. 

Le istruzioni devono essere elaborate secondo i principi elencati qui di seguito”. 

Art. 1.7.4.1. (Principi generali di redazione): 

a) Le istruzioni devono essere redatte in una o più lingue ufficiali della Comunità. Il fabbricante o il suo mandatario si assume la responsabilità di tali istruzioni apponendovi la dicitura "Istruzioni originali". 

b) Qualora non esistano "Istruzioni originali" nella o nelle lingue ufficiali del paese di utilizzo della macchina, il fabbricante o il suo mandatario o chi immette la macchina nella zona linguistica in questione deve fornire la traduzione nella o nelle lingue di tale zona. Tali traduzioni devono recare la dicitura "Traduzione delle istruzioni originali". 

c) Il contenuto delle istruzioni non deve riguardare soltanto l'uso previsto della macchina, ma deve tener conto anche dell'uso scorretto ragionevolmente prevedibile. 

d) In caso di macchine destinate all'utilizzazione da parte di operatori non professionali, la redazione e la presentazione delle istruzioni per l'uso devono tenere conto del livello di formazione generale e della perspicacia che ci si può ragionevolmente aspettare da questi operatori”. 

Art. 1.7.4.2. (Contenuto delle istruzioni): 

Ciascun manuale di istruzioni deve contenere, se del caso, almeno le informazioni seguenti: 

a) la ragione sociale e l'indirizzo completo del fabbricante e del suo mandatario; 

b) la designazione della macchina, come indicato sulla macchina stessa, eccetto il numero di serie (cfr. punto 1.7.3); 

c) la dichiarazione di conformità CE o un documento che riporta il contenuto della dichiarazione di conformità CE, i dati relativi alla macchina ma non necessariamente il numero di serie e la firma; 

d) una descrizione generale della macchina; 

e) i disegni, i diagrammi, le descrizioni e le spiegazioni necessari per l'uso, la manutenzione e la riparazione della macchina e per verificarne il corretto funzionamento; 

f) una descrizione del o dei posti di lavoro che possono essere occupati dagli operatori; 

g) una descrizione dell'uso previsto della macchina; 

h) le avvertenze concernenti i modi nei quali la macchina non deve essere usata e che potrebbero, in base all'esperienza, presentarsi; 

i) le istruzioni per il montaggio, l'installazione e il collegamento, inclusi i disegni e i diagrammi e i sistemi di fissaggio e la designazione del telaio o dell'installazione su cui la macchina deve essere montata; 

j) le istruzioni per l'installazione e il montaggio volte a ridurre il rumore e le vibrazioni prodotti; 

k) le istruzioni per la messa in servizio e l'uso della macchina e, se necessario, le istruzioni per la formazione degli operatori; 

l) le informazioni in merito ai rischi residui che permangono, malgrado siano state adottate le misure di protezione integrate nella progettazione della macchina e malgrado le protezioni e le misure di protezione complementari adottate; 

m) le istruzioni sulle misure di protezione che devono essere prese dall'utilizzatore, incluse, se del caso, le attrezzature di protezione individuale che devono essere fornite; 

n) le caratteristiche essenziali degli utensili che possono essere montati sulla macchina; 

o) le condizioni in cui la macchina soddisfa i requisiti di stabilità durante l'utilizzo, il trasporto, il montaggio, lo smontaggio, in condizioni di fuori servizio, durante le prove o le avarie prevedibili; 

p) le istruzioni per effettuare in condizioni di sicurezza le operazioni di trasporto, movimentazione e stoccaggio, indicanti la massa della macchina e dei suoi vari elementi allorché devono essere regolarmente trasportati separatamente; 

q) il metodo operativo da rispettare in caso di infortunio o avaria; se si può verificare un blocco, il metodo operativo da rispettare per permettere di sbloccare la macchina in condizioni di sicurezza; 

r) la descrizione delle operazioni di regolazione e manutenzione che devono essere effettuate dall'utilizzatore nonché le misure di manutenzione preventiva da rispettare; 

s) le istruzioni per effettuare in condizioni di sicurezza la regolazione e la manutenzione, incluse le misure di protezione che dovrebbero essere prese durante tali operazioni; 

t) le specifiche dei pezzi di ricambio da utilizzare, se incidono sulla salute e la sicurezza degli operatori; 

u) - omissis - 

v) se la macchina può emettere radiazioni non ionizzanti che potrebbero nuocere alle persone, in particolare se portatrici di dispositivi medici impiantabili attivi o non attivi, le informazioni riguardanti le radiazioni emesse per l'operatore e le persone esposte”. 

Art. 1.7.4.3. (Pubblicazioni illustrative o promozionali): 

Le pubblicazioni illustrative o promozionali che descrivono la macchina non possono essere in contraddizione con le istruzioni per quanto concerne gli aspetti relativi alla salute e alla sicurezza. Le pubblicazioni illustrative o promozionali che descrivono le caratteristiche delle prestazioni della macchina devono contenere le stesse informazioni delle istruzioni per quanto concerne le emissioni”. 

RESPONSABILITA’ QUALE VENDITORE - NORME 

Un apposito titolo del Codice del Consumo è dedicato alla “Garanzia legale di conformità e garanzie commerciali per i beni di consumo”. 

Di seguito si riportano le disposizioni di maggior interesse. 

Art. 129 (Conformità al contratto) 

1. Il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita. 

2. Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze: a) sono idonei all'uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo; b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello; c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull'etichettatura; d) sono altresì idonei all'uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi 99 portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti. 

3. Non vi è difetto di conformità se, al momento della conclusione del contratto, il consumatore era a conoscenza del difetto non poteva ignorarlo con l'ordinaria diligenza o se il difetto, di conformità deriva da istruzioni o materiali forniti dal consumatore. 

4. Il venditore non è vincolato dalle dichiarazioni pubbliche di cui al comma 2, lettera c), quando, in via anche alternativa, dimostra che: a) non era a conoscenza della dichiarazione e non poteva conoscerla con l'ordinaria diligenza; b) la dichiarazione è stata adeguatamente corretta entro il momento della conclusione del contratto in modo da essere conoscibile al consumatore; c) la decisione di acquistare il bene di consumo non è stata influenzata dalla dichiarazione. 

5. Il difetto di conformità che deriva dall'imperfetta installazione del bene di consumo è equiparato al difetto di conformità del bene quando l'installazione è compresa nel contratto di vendita ed è stata effettuata dal venditore o sotto la sua responsabilità. Tale equiparazione si applica anche nel caso in cui il prodotto, concepito per essere installato dal consumatore, sia da questo installato in modo non corretto a causa di una carenza delle istruzioni di installazione. 

Art. 130 (Diritti del consumatore) 

1. Il venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. 

2. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione, a norma dei commi 3, 4, 5 e 6, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi 7, 8 e 9. 

3. Il consumatore può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all'altro. 

4. Ai fini di cui al comma 3 è da considerare eccessivamente oneroso uno dei due rimedi se impone al venditore spese irragionevoli in confronto all'altro, tenendo conto: a) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse difetto di conformità; b) dell'entità del difetto di conformità; c) dell'eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore. 

5. Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della 100 natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene. 

6. Le spese di cui ai commi 2 e 3 si riferiscono ai costi indispensabili per rendere conformi i beni, in particolare modo con riferimento alle spese effettuate per la spedizione, per la mano d'opera e per i materiali. 

7. Il consumatore può richiedere, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto ove ricorra una delle seguenti situazioni: a) la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose; b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo di cui al comma 5; c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore. 

8. Nel determinare l'importo della riduzione o la somma da restituire si tiene conto dell'uso del bene. 

9. Dopo la denuncia del difetto di conformità, il venditore può offrire al consumatore qualsiasi altro rimedio disponibile, con i seguenti effetti: a) qualora il consumatore abbia già richiesto uno specifico rimedio, il venditore resta obbligato ad attuarlo, con le necessarie conseguenze in ordine alla decorrenza del termine congruo di cui al comma 5, salvo accettazione da parte del consumatore del rimedio alternativo proposto (177); b) qualora il consumatore non abbia già richiesto uno specifico rimedio, il consumatore deve accettare la proposta o respingerla scegliendo un altro rimedio ai sensi del presente articolo. 

10. Un difetto di conformità di lieve entità per il quale non è stato possibile o è eccessivamente oneroso esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, non dà diritto alla risoluzione del contratto. 

Art. 131 (Diritto di regresso) 

1. Il venditore finale, quando è responsabile nei confronti del consumatore a causa di un difetto di conformità imputabile ad un'azione o ad un'omissione del produttore, di un precedente venditore della medesima catena contrattuale distributiva o di qualsiasi altro intermediario, ha diritto di regresso, salvo patto contrario o rinuncia, nei confronti del soggetto o dei soggetti responsabili facenti parte della suddetta catena distributiva. 

2. Il venditore finale che abbia ottemperato ai rimedi esperiti dal consumatore, può agire, entro un anno dall'esecuzione della prestazione, in regresso nei confronti del soggetto o dei soggetti responsabili per ottenere la reintegrazione di quanto prestato. 

Art. 132 (Termini) 

1. Il venditore è responsabile, a norma dell'articolo 130, quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene. 

2. Il consumatore decade dai diritti previsti dall'articolo 130, comma 2, se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del difetto o lo ha occultato. 

3. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità. 

4. L'azione diretta a far valere i difetti non dolosamente occultati dal venditore si prescrive, in ogni caso, nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene; il consumatore, che sia convenuto per l'esecuzione del contratto, può tuttavia far valere sempre i diritti di cui all'articolo 130, comma 2, purché il difetto di conformità sia stato denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza del termine di cui al periodo precedente. 

Art. 133 (Garanzia convenzionale) 

1. La garanzia convenzionale vincola chi la offre secondo le modalità indicate nella dichiarazione di garanzia medesima o nella relativa pubblicità. 

2. La garanzia deve, a cura di chi la offre, almeno indicare: a) la specificazione che il consumatore è titolare dei diritti previsti dal presente paragrafo e che la garanzia medesima lascia impregiudicati tali diritti; b) in modo chiaro e comprensibile l'oggetto della garanzia e gli elementi essenziali necessari per farla valere, compresi la durata e l'estensione territoriale della garanzia, nonché il nome o la ditta e il domicilio o la sede di chi la offre. 

3. A richiesta del consumatore, la garanzia deve essere disponibile per iscritto o su altro supporto duraturo a lui accessibile. 

4. La garanzia deve essere redatta in lingua italiana con caratteri non meno evidenti di quelli di eventuali altre lingue. 

5. Una garanzia non rispondente ai requisiti di cui ai commi 2, 3 e 4, rimane comunque valida e il consumatore può continuare ad avvalersene ed esigerne l'applicazione. 

Art. 135 (Tutela in base ad altre disposizioni) 

1. Le disposizioni del presente capo non escludono né limitano i diritti che sono attribuiti al consumatore da altre norme dell’ordinamento giuridico. 

2. Per quanto non previsto dal presente titolo, si applicano le disposizioni del codice civile in tema di vendita. 

Focalizzando la nostra attenzione proprio sull’aspetto delle istruzioni e di quant’altro necessario acchè l’utente possa utilizzare il bene in sicurezza, si può senza ombra di dubbio affermare che la normativa nel suo complesso attribuisce grande rilevanza, anche alla questione delle informazioni, delle istruzioni e, per estensione, della formazione. 

In effetti, l’informazione (intesa in senso molto lato) del produttore agli utenti sulle modalità di uso del prodotto è certamente da annoverare tra i mezzi mediante i quali rendere sicuro l’uso del prodotto medesimo. 

Proprio dalla disamina di cui sopra, appare evidente che l’azienda produttrice ha l’onere, non solo di stilare il libretto delle istruzioni secondo tutte le specifiche previste dalla legge, ma ha altresì l’obbligo di fare qualcosa in più per andare esente da responsabilità (ad esempio facendosi carico della anche della “formazione” degli operatori professionali che andranno a vendere il prodotto, qualora per l’utilizzo dello stesso sia necessario un apposito addestramento). 

Ancona, 2 settembre 2017. 

 

Avv. Paola Mazzocchi 

Avv. Alessio Stacchiotti

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Studio Legale Associato Mazzocchi & Stacchiotti - Ancona (AN)

STUDIO LEGALE ASSOCIATO MAZZOCCHI & STACCHIOTTI

Avvocati / Civile

VIA LEOPARDI, 2

60122 - Ancona (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il tutore dei minori (Parte seconda)

Compendio pratico sulla tutela dei minori

Continua

Il tutore dei minori (Parte prima)

Un compendio pratico sulla tutela del minore, di grande utilità in questo momento per la presenza notevole in Italia di minori non accompagnati

Continua

Villette a schiera e parti comuni

Criteri per capire se ci si trova di fronte a parti comuni o invece a porzioni di proprietà esclusiva con riguardo alle c.d. villette a schiera

Continua