Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Terapia del Dolore

La nevralgia post-erpetica

E’ una patologia secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. Spesso dura 12 mesi, talvolta però può persistere per sempre

La nevralgia post-erpetica - E’ una patologia secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. Spesso dura 12 mesi, talvolta però può persistere per sempre

La nevralgia post-erpetica è una patologia secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. La prima infezione, generalmente in età pediatrica, causa la Varicella, una malattia esantematica molto comune, al termine della quale però il virus non viene eradicato dall’organismo, ma rimane quiescente nei neuroni del sistema nervoso periferico, in particolare nei gangli dei nervi spinali e/o nelle strutture equivalenti dei nervi cranici. Qualsiasi fattore in grado di indebolire le difese immunitarie, quali l’assunzione di cortisone o di farmaci immuno-soppressivi oppure ancora intensi stress emotivi o fisici, può favorire la riattivazione del virus, causando quello che comunemente viene detto Zoster o Fuoco di Sant’Antonio. 

  

Lo Zoster ha una fase prodromica (incubazione) caratterizzata da dolore a carico della cute o delle strutture profonde. Il dolore è profondo, costrittivo e spontaneo, spesso associato ad una spiccata ipersensibilità cutanea (il paziente spesso riferisce che il semplice contatto con i vestiti gli causa dolore o molto fastidio). In questa fase il dolore è dovuto ad una ganglio-radicolite, cioè l’infiammazione delle strutture nervose interessate dalla riattivazione del virus. La fase prodromica ha in media una durata di 7-15 giorni, ma in alcuni casi può essere molto più lunga. Il virus si replica nei neuroni infetti e contestualmente viene trasportato lungo le fibre nervose stesse sia verso la periferia (la cute), che verso il sistema nervoso centrale. Quando il virus raggiunge la cute si ha un’eruzione vescicolare del tutto simile alle manifestazioni cutanee della Varicella. Le bolle hanno l’aspetto di piccole vescicole, circondate da un cercine eritematoso (piccolo bordo rosso). All’interno delle vescicole è presente un contenuto liquido contenente il virus. In questa fase la malattia è contagiosa per i soggetti non immunizzati verso la Varicella. Le bolle hanno inoltre una tipica distribuzione, talvolta lineare, che ricalca la distribuzione anatomica dei nervi ed interessano la stessa sede dove il paziente precedentemente avvertiva dolore. Possono localizzarsi nel tronco, seguendo spesso la distribuzione dei nervi intercostali, sul volto (frequentemente sono interessate le diramazioni del nervo Trigemino) o sugli arti. In questa fase al dolore neuropatico, secondario alla ganglio-radicolite che caratterizza la fase prodromica, si sovrappone un dolore nocicettivo infiammatorio, dovuto alle eruzioni cutanee. I soggetti immunocompetenti (non con una grave depressione del sistema immunitario), poiché possiedono già gli anticorpi contro il virus, riescono a limitare l’infezione, che nel giro di alcuni giorni si risolve spontaneamente. 

  

Una volta esauritesi le manifestazioni cutanee, frequentemente termina anche il dolore. La mancata risoluzione del dolore è invece indice di un danno a carico delle strutture nervose, che configura la Nevralgia post-erpetica. In alcuni casi si può avere anche una fase iniziale in cui il dolore sembra risolto, oppure francamente diminuito, per poi avere una recrudescenza dello stesso. L’incidenza della Nevralgia post-erpetica nei paesi occidentali è di circa 25 casi su 100.000 persone. Non ci sono differenze significative legate al sesso, mentre sono colpiti soprattutto i pazienti in età medio-avanzata (òa Nevralgia post-erpetica è molto rara al di sotto dei 40 anni). 

  

Il sintomo principale della Nevralgia post-erpetica è il dolore. Sempre molto forte, talvolta insopportabile, il dolore interessa sempre le stesse aree colpite dall’eruzione cutanee. Rispetto alla fase prodromica è più superficiale, descritto come un bruciore o come puntura di spilli, può essere spontaneo o scatenato dal tatto, dagli sbalzi termici (spesso dal caldo) o da stress emotivi (forti emozioni). Spesso è assente di notte. Ha una durata variabile, da poche settimane a mesi. Molto frequentemente dura 1 anno, per questo lo Zoster è stato definito la “malattia delle 9 lune”. Talvolta tuttavia, se non trattato, non passa mai.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Terapia del Dolore

Dr. Michele Naclerio - Milano (MI)

Dr. Michele Naclerio

Medici legali / Medicina del Dolore (Terapia del Dolore)

Via G.b. Grassi 74 C/o A.o. Ospedale L. Sacco

20100 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La cefalea a grappolo e il nervo grande occipitale

L’infiltrazione con steroide del nervo Grande Occipitale riduce la frequenza delle crisi cefalgiche

Continua

La sindrome delle Faccette Articolari

Costituisce una delle cause più comuni di mal di schiena. La neuromodulazione con radiofrequenza o con crio-analgesia permette di ridurre significativamente il dolore

Continua

Il mal di schiena

Dietro il termine di “mal di schiena” si nascondono differenti tipi di patologie. Solo una corretta diagnosi può portare a individuare il corretto trattamento

Continua

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua