Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Omesso versamento dell’IVA

La nuova soglia per l’irrilevanza penale del fatto

Omesso versamento dell’IVA - La nuova soglia per l’irrilevanza penale del fatto

 

La Corte costituzionale  con sentenza 9 aprile 2014, n. 80 (Pres. Silvestri, rel. Frigo) è intervenuta sull'art. 10-ter del D.Lg. 10 marzo 2000, n. 74. 

 

Con le questioni di costituzionalità si era osservato come la norma dell'omesso versamento dell'Iva, da parte di chi avesse comunque effettuato una corretta dichiarazione del dovuto, fosse punita a partire da una soglia quantitativa più bassa (50.000 euro) di quella fissata per l'analoga condotta di chi non presentasse la dichiarazione Iva o ne presentasse una fraudolenta (rispettivamente, 77.468,53 e 103.291,38 euro). 

 

La situazione si è modificata dal 2011, allorquando, con il decreto-legge n. 138 del 2011, aggiunto dalla legge di conversione n. 148 del 2011, la soglia di punibilità dell'omessa dichiarazione è stata diminuita a 30.000 euro (lettera f) e quella della dichiarazione infedele a 50.000 euro (lettera d). 

 

Dunque, come rileva la Consulta, ad un importo inferiore, nel primo caso, e pari, nel secondo, a quello della soglia di punibilità dell'omesso versamento dell'Iva, rimasta per converso inalterata. Tuttavia, poiché le nuove soglie si applicano ai soli fatti successivi al D.L. 138/11, e, pertanto, la Corte Costituzionale ha deciso di «pareggiare» la soglia di irrilevanza penale della condotta di omesso versamento a quella vigente, nello stesso periodo, per i fatti di dichiarazione infedele. 

Ne è conseguita la dichiarazione di illegittimità costituzionale dell'art. 10-ter del decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, «nella parte in cui, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad euro 103.291,38».

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Voluntary Disclosure

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle nuove norme che favoriscono il rientro dei capitali dall’estero

Continua

Responsabilità dell'azienda ex D.LGS. 231/01

Nuovi reati presupposto

Continua

Appropriazione indebita per acquisto nominativi

Dieci i mesi di reclusione per chi compra in maniera illegale banche dati altrui. Importante sentenza del Tribunale di Milano per la protezione dati.

Continua