Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Prelievi arbitrari dal conto cointestato

Secondo il Tribunale di Roma vanno restituite le somme prelevate arbitrariamente dal conto cointestato in prossimità della separazione

Prelievi arbitrari dal conto cointestato - Secondo il Tribunale di Roma vanno restituite le somme prelevate arbitrariamente dal conto cointestato in prossimità della separazione

Un uomo ha adito il Tribunale di Roma affinchè condannasse la moglie alla restituzione di somme arbitrariamente prelevate dal conto cointestato ai coniugi in prossimità della separazione.
La donna ha chiesto il rigetto della domanda sostenendo sostanzialmente che si trattasse: a. di somme utilizzate per la gestione del ménage familiare; b. di somme di proprietà di entrambi i coniugi; c. di somme messe a disposizione per spirito di liberalità.
Indubbia è risultata la circostanza che la moglie avesse prelevato le somme oggetto della domanda di restituzione: tale fatto è stato confermato sia dai documenti prodotti dal marito (estratti conto) sia dalla stessa donna che, in sede di interrogatorio formale, ha confermato di aver attinto del denaro dal conto cointestato.
Il Tribunale si è dunque pronunciato sulla legittimità dei prelievi operati dalla donna.
Nella sentenza in commento, il Giudice ha preliminarmente evidenziato che “la cointestazione di un conto corrente, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto (art. 1854 cod. civ.) sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la contitolarità dell’oggetto del contratto (art. 1298, secondo comma, cod. civ.) con la conseguente appartenenza ad entrambi i contestatari, ciascuno nella misura del 50%, delle somme ivi depositate. Tale presunzione, tuttavia, trattandosi di presunzione legale “juris tantum”, può essere superata attraverso presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti dalla parte che deduca una situazione giuridica diversa da quella risultante dalla cointestazione stessa (cfr. Cass. n. 28839/2008; n. 18777/2015; n. 1087/2000)”.
Nel caso in esame, la presunzione di pari comproprietà tra i cointestatari delle somme depositate sui conti correnti bancari è stata superata dalla prova dell’esclusiva provenienza del denaro ivi depositato dall’attività lavorativa del marito, unico percettore di reddito all’interno della famiglia (la donna era infatti casalinga).
Inoltre, è rimasta del tutto indimostrata la tesi della convenuta, secondo cui le somme prelevate dai conti comuni furono dalla stessa impiegate per l’adempimento di obbligazioni contratte nell’interesse della famiglia. Sul punto la giurisprudenza ha precisato che “se è pur vero che, ai sensi dell’art.191, 1 comma c.c., sono escluse dall’obbligo restitutorio in favore della comunione legale le somme prelevate dal coniuge dal patrimonio comune qualora impiegate per l’adempimento delle obbligazioni di cui all’art. 186 c.c., tra cui vi rientrano quelle per il mantenimento della famiglia, per l’istruzione e l’educazione dei figli e quelle contratte, anche separatamente, nell’interesse della famiglia, deve rilevarsi - nel caso in esame - che la prova del reimpiego di quanto prelevato per necessità familiari, a cui soggiaceva la convenuta (cfr. in tema di onere probatorio Cass. n. 20457/2016), non può dirsi in alcun modo raggiunta”. Allo stesso modo, non è stato provato che le somme prelevate siano state messe a disposizione della donna da parte del marito per spirito di liberalità.
Dunque, alla luce del ragionamento su riportato, il Tribunale ha condannato la donna alla restituzione delle somme indebitamente prelevate nonché al pagamento delle spese di lite.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Luigi Serino - San Giorgio del Sannio (BN)

AVV. LUIGI SERINO

Avvocati / Civile

VIALE SPINELLI 156

82018 - San Giorgio del Sannio (BN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Addebito anche per un solo episodio di violenza

Anche un solo episodio di violenza perpetrata da un coniuge nei confronti dell'altro fa scattare l'addebito a carico di chi lo pone in essere

Continua

No all'assegno divorzile se l'ex coniuge convive

Se l’ex coniuge che percepisce un assegno di divorzio instaura una nuova convivenza stabile, perde il diritto a tale assegno

Continua

Mantenimento figli maggiorenni: fino a quando?

La legge sancisce un generale obbligo per i genitori di mantenere i figli: ma fino a quando persiste tale obbligo?

Continua

Mantenimento alla moglie che rifiuta un lavoro

Legittimo il rifiuto della moglie opposto ad alcune offerte di lavoro se non commisurate alla sua professionalità o comunque precarie

Continua