Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Dolo eventuale incompatibile con il reato tentato

La S.C. ribadisce che l'elemento psicologico nella forma del dolo eventuale è incompatibile con il tentativo di omicidio

Dolo eventuale incompatibile con il reato tentato - La S.C. ribadisce che l'elemento psicologico nella forma del dolo eventuale è incompatibile con il tentativo di omicidio

Con la sentenza n. 39328 del 18.07.2017 la Prima Sezione della Suprema Corte afferma il principio – ormai acclarato dalla giurisprudenza – secondo cui non sussiste l’ipotesi di tentato omicidio se manca il dolo omicida, essendo stato individuato l’elemento psicologico solo nel dolo eventuale, incompatibile con il tentativo.

Il caso è quello di tre uomini che, subito dopo aver compiuto un furto in abitazione, si davano alla fuga in auto, andando ad impattare frontalmente con quella dei Carabinieri intervenuti sul posto, cagionando loro forti lesioni. Il conducente del veicolo riusciva a darsi alla fuga, mentre gli altri due venivano tratti in arresto.
La Procura contestava a tutti gli imputati anche il reato di tentato omicidio, ipotesi questa confermata anche dal Tribunale del Riesame di Ancona, che riconosceva la responsabilità anche degli imputati che non erano alla guida del veicolo. Gli stessi proponevano così ricorso per Cassazione, asserendo che non potesse sussistere nel caso di specie l’ipotesi di omicidio tentato, sia perché il veicolo sul quale si trovavano i due indagati era condotto da un diverso soggetto datosi alla fuga, sia perché l’azione sarebbe priva di dolo omicida, essendo stato individuato dal Tribunale l’elemento psicologico nel dolo eventuale, incompatibile con il tentativo di omicidio, sia perché i ricorrenti non hanno tenuto alcun comportamento neppure in termini di istigazione.
La Suprema Corte, accogliendo il ricorso, scrive che emerge un vizio di motivazione concernente l’elemento psicologico del reato che è stato ritenuto sussistente quantomeno nella forma del dolo eventualeessendo tale figura del tutto incompatibile, per costante giurisprudenza, con il tentativo di omicidio (Sez. 1, sent. n. 25114 del 31.03.2010, Vismara, Rv. 247707), poiché l’ipotesi del tentativo richiede il dolo diretto, al più nella forma del dolo alternativo.
L’ordinanza impugnata, che adombra l’eventuale qualificazione della condotta degli indagati alla stregua del concorso anomalo di cui all’art. 116 c.p., non si confronta tuttavia con le conseguenze di tale asserzione da cui discende, a mente del comma secondo del citato articolo, un diverso titolo di responsabilità per il reato più grave non voluto che non sarebbe priva, nell’ipotesi data, di conseguenze per quello che concerne il titolo cautelare sotto l’angolo visuale della pena edittale e dei conseguenti termini di custodia cautelare (Sez. 5, sent. n. 7468 del 28.11.2013, Pisano, Rv. 258984).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Massimo Titi - Roma (RM)

AVV. MASSIMO TITI

Avvocati / Penale

VIA VITTORIO ARMINJON 8

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pregressi dissidi non integrano la premeditazione

Per i giudici di legittimità la premeditazione non può essere confusa con la semplice preordinazione di mezzi

Continua

Concorso di persone o connivenza non punibile?

Il Tribunale di Roma ha ribadito che la mera consapevolezza della presenza dello stupefacente non è reato, ma semplice connivenza non punibile

Continua

Nessuna misura se mancano concretezza e attualità

La S.C. conferma il principio secondo cui il pericolo di reiterazione deve essere concreto e attuale per legittimare l'adozione della misura cautelare

Continua

La sola ubriachezza in servizio non è reato

Secondo il Tribunale Militare di Roma non è sufficiente provare il solo stato di ubriachezza per configurare il reato ex art. 47 n. 2 e 139 co. 2 cpmp

Continua

Accesso abusivo nel profilo FB dell'ex: è stalking

Secondo gli Ermellini anche i reiterati accessi nel profilo FB altrui contribuiscono ad integrare le condotte previste dall'art. 612 bis c.p.

Continua