Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Minore straniero e permesso di soggiorno

Art. 31 d.lg. 286/98; minore straniero e permesso di soggiorno dei genitori; procedura

Minore straniero e permesso di soggiorno - Art. 31 d.lg. 286/98; minore straniero e permesso di soggiorno dei genitori; procedura

Minore straniero e permesso di soggiorno

L’art. 31 d.lg 286/1998 “Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero”, riconosce al Tribunale per i minorenni il potere di autorizzare il rilascio di un permesso di soggiorno ai genitori di un minore straniero, qualora sussistano particolari esigenze di tutela. Questo in deroga alle disposizioni in materia d’ingresso e soggiorno per gli stranieri. 

L’art. 31 così recita: “Il Tribunale per i minorenni, per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico e tenuto conto dell'età e delle condizioni di salute del minore che si trova nel territorio italiano, può autorizzare l'ingresso o la permanenza del familiare, per un periodo di tempo determinato, anche in deroga alle altre disposizioni del presente testo unico. L'autorizzazione è revocata quando vengono a cessare i gravi motivi che ne giustificano il rilascio o per attività del familiare incompatibili con le esigenze del minore o con la permanenza in Italia.”.
Questo tipo di autorizzazione, di durata determinato  con specifico decreto dal Tribunale per i minorenni,   consente al genitore di ottenere il rilascio di un permesso di soggiorno che permette di svolgere attività lavorativa in Italia. 

Sul punto è intervenuta la Cassazione a S.U., che risolvendo il conflitto sull’interpretazione dell’art. 31, comma 3, D.L.vo n. 286/98, con sentenza 25 ottobre 2010, n. 21799, ha accolto l’interpretazione estensiva della norma, enunciando il seguente principio di diritto: “La temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore, prevista dall'art. 31 del d.lgs. n. 286 del 1998 in presenza di gravi motivi connessi al suo sviluppo psico-fisico, non postula necessariamente l'esistenza di situazioni di emergenza o di circostanze contingenti ed eccezionali strettamente collegate alla sua salute, potendo comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obbiettivamente grave che in considerazione dell'età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equi-librio psico-fisico deriva o deriverà certamente al minore dall'allontanamento del familiare o dal suo definitivo sradicamento dall'ambiente in cui è cresciuto. Trattasi di situazioni di per sé non di lunga o indeterminabile durata, e non aventi tendenziale stabilità che pur non prestandosi ad essere preventivamente catalogate e standardizzate, si concretano in eventi traumatici e non prevedibili nella vita del fanciullo che necessariamente trascendono il normale e comprensibile disagio del rimpatrio suo o del suo familiare". 

La Corte di cassazione ha riconosciuto che il diritto in questione è un diritto soggettivo a titolarità multipla, avente ad oggetto quel particolare bene della vita costituito dall’unità della famiglia e della reciproca assistenza tra i suoi membri, sebbene in subordine ed in funzione del superiore interesse del minore. 

La presentazione dell’istanza, corredata da tutta una serie di documenti a sostegno della richiesta, non prevede l’obbligo di assistenza tecnica legale, può dunque essere presentata direttamente dagli interessati presso la Cancelleria Civile del Tribunale per i Minorenni, che fisserà una data per la convocazione dei genitori davanti al relatore designato. 

Normalmente l'istruttoria viene svolta mediante: 

- audizione dei genitori presenti sul territorio nazionale e dei minori capaci di discernimento (preadolescenti e adolescenti); 

- verifica del domicilio a mezzo di polizia locale, salvo che uno dei due genitori non sia già in possesso di permesso di soggiorno e sia allegato un regolare contratto di locazione; 

- acquisizione tramite la Questura di informazioni sulla pendenza di denunce a carico dei genitori o di altre informazioni utili. 

Se a fondamento del ricorso vi sono profili sanitari e sono allegate certificazioni se ne chiede conferma al medico curante.  

Se necessario vengono acquisite informazioni  e indagini dalle strutture scolastiche frequentate dai minori e dai servizi sociali. 

Il provvedimento viene dato con decreto, che potrà essere di accoglimento o di rigetto. In caso di accoglimento dell’istanza, il provvedimento ordina alla Questura territorialmente competente di rilasciare un permesso di soggiorno conforme alle necessità del caso, che abbia la durata stabilita nel decreto. Nel caso di rigetto del ricorso, invece, il rimedio è costituito dal reclamo alla Corte d'Appello per i minorenni, sezione specializzata della Corte d'Appello, che va proposto entro 10 giorni dalla comunicazione o notificazione del provvedimento negativo ed introduce un giudizio che si svolge in camera di consiglio. 

Il Collegio fissa una data in cui le parti personalmente, o il loro legale, esporranno le ragioni per cui ritengono che il decreto di rigetto fosse ingiusto. Dopo di che, il Collegio si riunisce in camera di consiglio e conclude la procedura con decisione non pubblica. 

 

Contro un eventuale ulteriore provvedimento negativo si può proporre ricorso per Cassazione.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Rosa Guardascione - Teverola (CE)

AVV. ROSA GUARDASCIONE

Avvocati / Civile

VIA DANTE ALIGHIERI 4

81030 - Teverola (CE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Estinzione anticipata del finanziamento. Rimborsi

Finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e/o con delegazione irrevocabile di pagamento; rimborso commissioni, oneri e premio assicurativo

Continua

Vendita della casa affidata all'ex moglie

separazione; casa affidata alla moglie e possibilità della vendita; il terzo acquirente

Continua

Riduzione di ipoteca

Ipoteca iscritta per una somma eccedente o quantità eccessiva di beni; art. 2872 c.c. e ss

Continua

Il valore probatorio del modulo C.A.I.

Le dichiarazioni contenute nel modulo C.A.I. non assurgono a piena prova, ma sono idonee a fondare una presunzione semplice

Continua

L’accertamento tecnico preventivo ex art. 696 bis

Ammissibilità e requisiti

Continua

Azione di manutenzione e decadenza

Chi subisce molestie nel possesso di un immobile può agire con l`azione di manutenzione entro un anno dalla turbativa

Continua

Illegittima segnalazione al CRIF

Provvedimento d'urgenza per l'illegittimità della segnalazione al CRIF

Continua

Notifica al terzo dell`ordinanza di assegnazione

Ordinanza di assegnazione: notifica al terzo prima del precetto

Continua

Decorrenza dei termini dell`iscrizione a ruolo

Pignoramento mobiliare di autoveicoli e termini di iscrizione a ruolo, art. 521cpc

Continua

Decorrenza termini iscrizione a ruolo:art. 521cpc

pignoramento mobiliare autoveicoli. termini di iscrizione a ruolo.

Continua