Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Fonti delle norme sportive antidoping

Ecco cosa prevedono il WADA, la Convenzione Internazionale di Parigi e la Giunta Nazionale del CONI

Fonti delle norme sportive antidoping - Ecco cosa prevedono il WADA, la Convenzione Internazionale di Parigi e la Giunta Nazionale del CONI

A) WADA (World Anti-Doping Agency) è una Fondazione di diritto svizzero i cui fondatori sono Governi e Comitati Olimpici; è stata creata a Losanna nel 1999 e dal 2002 ha la sede principale a Montreal-Canada. 

Il Codice Mondiale Anti-Doping WADA è stato inserito, quale Appendice, all’interno della Convenzione Internazionale contro il Doping nello Sport di Parigi del 19.10.2005, adottata nel corso della 23^ Convenzione Generale Unesco ed entrata in vigore l’1.2.2007. 

Il Codice WADA nella sua ultima versione, in vigore dall’1.1.2015, è giunto alla  3^ edizione. 

L’art. 22.8 del Codice WADA ha fissato all’1.1.2000 il termine per la ratifica della Convenzione Internazionale 19.10.2005 da parte degli Stati sottoscrittori, pena l’impossibilità, per i Comitati Olimpici Nazionali e le Federazioni Nazionali degli Stati non aderenti, di organizzare e/o ospitare eventi e competizioni sportive internazionali (p.es. Olimpiadi, Campionati mondiali ed europei, ecc.). 

B) La Convenzione Internazionale di Parigi del 19.10.2005 è stata sottoscritta con il preciso scopo di ostacolare a livello internazionale la produzione, commercializzazione e vendita di Sostanze e Metodi dopanti. 

Tale Convenzione è molto importante in quanto ha costituito il “primo strumento giuridico a carattere obbligatorio, nella ricerca di una risposta globale e adeguata  alla complessità del fenomeno doping” (Fiormonte-Doping e Processo Antodoping-Maggioli, 2017, pg. 99); essa si compone di 43 articoli, da due Allegati (Lista delle sostanze proibite e Standard per il rilascio della TUE), e da tre Appendici (il Codice Mondiale Antidoping WADA, e gli Standard Internazionali WADA per i Laboratori e per i Controlli). 

“Le Appendici, a differenza degli Allegati, non sono parte integrante della Convenzione, costituendo pertanto linee guida, non obbligando quindi i Firmatari alla loro adozione” (Fiormonte-cit-pg.100). 

Va aggiunto che il Codice Mondiale Antidoping e la stessa WADA sono il prodotto di iniziative private, che a stretto rigore non potrebbero vincolare le politiche dei governi; ciononostante “il loro richiamo nella Convenzione di Parigi 19.10.2005 ha consentito di definire l’attività statale dei soggetti Firmatari in materia di Doping e di articolare meglio una strategia Antidoping coordinata e standardizzata su scala mondiale” (Fiormonte-cit.-pg.100). 

Di grande importanza sono gli articoli 3 e 4 della suddetta Convenzione Internazionale; l’art. 3 contiene il richiamo ai Principi del Codice WADA e l’art. 4 contiene il riconoscimento della leadership dell’Agenzia Mondiale Antidoping WADA nella lotta contro il Doping nello Sport. 

L’Italia con la L. n. 230 a data 26.11.2007 ha ratificato la Convenzione Internazionale contro il Doping nello Sport del 19.10.2005 ed ha istituito NADO Italia quale Organizzazione Nazionale Antidoping; NADO Italia costituisce derivazione funzionale di WADA e la sua attività è sottoposta a vigilanza e verifica da parte di WADA. 

NADO Italia è articolata nei seguenti organismi: 

- Comitato Controlli Antidoping (CCA); 

- Comitato per le Esenzioni ai Fini Terapeutici (CEFT); 

- Procura Nazionale Antidoping (PNA); 

- Tribunale Nazionale Antidoping (TNA). 

C) La Giunta Nazionale del CONI, in data 17.1.2017 ha emanato le NSA (Norme Sportive Antidoping), le quali costituiscono il Documento Tecnico Attuativo del Codice WADA e dei relativi Standard Internazionali all’interno dello Stato Italiano. 

Le Norme Sportive Antidoping (NSA) sono composte da: 

- Codice Sportivo Antidoping (CSA); 

- Disciplinare dei Controlli e Investigazioni (D-CI); 

- Disciplinare Esenzioni per Fini Terapeutici (D-EFT). 

Le NSA sono adottate da NADO Italia e disciplinano, nell’ambito dell’Ordinamento Sportivo Italiano, in via esclusiva, la materia Antidoping e le condizioni da rispettare nell’esercizio dell’attività sportiva.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Avv. Agnello Fioravante - Verona (VR)

AVV. AGNELLO FIORAVANTE

Avvocati / Civile

Corso Porta Nuova 61

37122 - Verona (VR)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Ordinamento sportivo e diritto UE

Rapporti tra Ordinamento Sportivo e Ordinamento dellUnione Europea alla luce della Sentenza Corte UE Meca-Medeina e I. Majacen

Continua

Ordinamento sportivo e Costituzione

Rapporti tra Ordinamento Sportivo e Ordinamento Statale alla luce della Sentenza della Corte Costituzionale n. 49/2011

Continua

Codice WADA, nessun riferimento agli atleti dilettanti

Gli atleti dilettanti possono essere sanzionati per il solo fatto di essere Tesserati per l’Ordinamento Sportivo italiano

Continua

Lista delle sostanze e metodi proibiti

Le sostanze proibite o i metodi proibiti da inserire nella lista non possono essere contestati né dagli Atleti né da terzi

Continua