Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Risarcimento diretto e litisconsorzio

La Cassazione, per la prima volta, chiarisce che anche nella procedura di risarcimento diretto, il responsabile del danno è litisconsorte necessario

Risarcimento diretto e litisconsorzio - La Cassazione, per la prima volta, chiarisce che anche nella procedura di risarcimento diretto, il responsabile del danno è litisconsorte necessario

La Sesta Sezione della Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza del 20 settembre 2017 n. 2189, per la prima volta afferma a chiare lettere che nella procedura di risarcimento diretto, ex art. 149 Cod. Ass., la domanda va proposta non solo contro la compagnia assicurativa dello stesso danneggiato, ma anche contro il responsabile del danno, che è litisconsorte necessario. 

  

La S.C. afferma che la ratio del vecchio art. 23 della Legge 990/1969, ora confluito nell’art. 144 del Cod. Ass. – norma che nel regolare l’azione diretta contro la compagnia assicurativa del responsabile del danno prevede che, nel giudizio, deve essere chiamato anche il responsabile del danno – è quella di rafforzare la posizione processuale dell’assicuratore, consentendogli di opporre l’accertamento di responsabilità al proprietario del veicolo quale soggetto del rapporto assicurativo, in particolare ai fini dell’eventuale azione di rivalsa. 

  

La S.C. – dopo aver preso atto della mancanza di un pronunciamento in ordine alla questione se anche nella particolare procedura di risarcimento diretto di cui all’art. 149 Cod. Ass. continui a sussistere il litisconsorzio necessario del danneggiante – afferma che l’azione che art. 149 Cod. Ass. offre al danneggiato nei confronti del proprio assicuratore è identica a quella contro la compagnia del responsabile e presuppone, quindi, anch’essa un accertamento di responsabilità, che deve essere oggetto di discussione nel giudizio. 

  

La S.C. conclude quindi che - essendo l’azione ex art. 149 Cod. Ass. identica a quella ex art. 144 Cod. Ass. contro il responsabile – ne consegue che anche nella prima è necessaria la partecipazione al giudizio del responsabile del danno, al fine di evitare che il danneggiante responsabile possa affermare l’inopponibilità, nei suoi confronti, dell’accertamento giudiziale operato verso l’assicuratore del danneggiato. 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Avv. Vinicio Longo - Milano (MI)

AVV. VINICIO LONGO

Avvocati / Civile

VIALE REGINA MARGHERITA 30

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Accettazione tacita e denuncia di successione

La denuncia di successione seguita da voltura catastale costituisce o no accettazione tacita dell`eredità?

Continua

Niente 15% spese generali all'arbitro avvocato

Le spese generali ex art. 2 D.M. 55/2014 non spettano all'arbitro avvocato

Continua

Nullo il trasferimento di denaro a mezzo bonifico

Il trasferimento di somme rilevanti ai figli a mezzo bonifico bancario, configurando una donazione diretta, è atto nullo per difetto di forma solenne

Continua