Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40%

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40% in ipotesi di grave violazione del Regolamento di Nettezza Urbana

Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40% - Tarsu: riduzione della tariffa fino al 40% in ipotesi di grave violazione del Regolamento di Nettezza Urbana

Il diritto dell’utente alla riduzione della Tarsu fino al 40% non richiede che il grave e non temporaneo disservizio sia imputabile a responsabilità dell'Amministrazione Comunale o comunque a causa che, rientrando nella sua sfera di controllo ed organizzazione, sia da questa prevedibile o prevenibile; tale presupposto si identifica invece nel fatto obiettivo che il servizio di raccolta: (i) non sia svolto nella zona di residenza o di dimora nell'immobile a disposizione o di esercizio dell'attività dell'utente; (ii) ovvero, sia svolto in grave violazione delle prescrizioni del regolamento del servizio di nettezza urbana, relative alle distanze e capacità dei contenitori ed alla frequenza della raccolta, in modo che l'utente possa usufruire agevolmente del servizio stesso.
E’ quanto affermato dalla Sezione Tributaria della Suprema Corte[1].
Fatto. La Hotel [x] ha proposto ricorso dinanzi alla Suprema Corte per la cassazione della sentenza con la quale la Commissione Tributaria Regionale della Campania, in riforma della prima decisione, ha ritenuto legittimo l'avviso di pagamento Tarsu 2008, negandole quindi la riduzione, in quanto, per quanto qui rileva, “- l'applicazione regolamentare da parte del Comune di una tariffa Tarsu diversificata tra stabili alberghieri e case di civile abitazione fosse legittima ex articolo 65 d.lgs. 507/93, stante la maggior produttività di rifiuti dei primi rispetto alle seconde; - non sussistesse il presupposto ex articolo 59 d.lgs. 507/93 per la riduzione dell'imposta a causa delle note disfunzioni del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti nella città di Napoli, dovendosi in proposito escludere ogni responsabilità del Comune”.
Diritto. La Sezione Tributaria del Palazzaccio, accogliendo il ricorso, ha motivato la decisione ricordando che: «Il quarto comma dell'articolo 59 d.lgs. 507/93 stabilisce che: "se il servizio di raccolta, sebbene istituito e attivato, non si è svolto nella zona di residenza o di dimora nell'immobile a disposizione ovvero di esercizio dell'attività dell'utente o è effettuato in grave violazione delle prescrizioni del regolamento di cui al primo comma, relative alle distanze e capacità dei contenitori ed alla frequenza della raccolta, da stabilire in modo che l'utente possa usufruire agevolmente del servizio di raccolta, il tributo è dovuto nella misura ridotta di cui al secondo periodo del comma 2" (cioè in misura non superiore al 40% della tariffa)».
In altre parole, la riduzione spetta, indipendentemente dalla responsabilità o meno dell'Amministrazione comunale, qualora l’utente subisca un disservizio «grave e protratto» nella raccolta dei rifiuti. E ciò in quanto la riduzione, spiegano gli Ermellini, «non opera, infatti, quale risarcimento del danno da mancata raccolta dei rifiuti né, men che meno, quale 'sanzione' per l'amministrazione comunale inadempiente; bensì al diverso fine di ripristinare - in costanza di una situazione patologica di grave disfunzione per difformità dalla disciplina regolamentare - un tendenziale equilibrio impositivo (entro la percentuale massima discrezionalmente individuata dal legislatore) tra l'ammontare della tassa comunque pretendibile ed i costi generali del servizio nell'area municipale, ancorché significativamente alterato».
La parola ora al Giudice del rinvio che dovrà accertare, con onere probatorio a carico della società contribuente che invoca la riduzione, tenuto conto del periodo, della zona di ubicazione dell'hotel, della tipologia dei rifiuti conferiti e, in generale, di ogni altro elemento utile a verificare la ricorrenza in concreto della richiesta riduzione, se l’erogazione del servizio di raccolta rifiuti è avvenuta in grave difformità dalle previsioni legislative e regolamentari.

[1] Cass. Civ., Ord. Sez. 5, 27.09.2017 n. 22531

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il Tutor e la soglia di tolleranza

Al tutor va applicata una tolleranza maggiore degli autovelox, ovverosia del 15%, tenuto conto della peculiarità di funzionamento dello stesso

Continua

Bollo auto, prescrizione

La tassa automobilistica si prescrive in tre anni, anche in caso di omessa impugnazione della cartella di pagamento

Continua

Guidare scalzi o a piedi nudi si può?

Cosa dice il nuovo Codice della Strada al riguardo?

Continua

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Continua

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Continua