Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Il risparmio fiscale è possibile?

Si può risparmiare almeno il 35% se si sfruttano tutte le opportunità fornite dalla normativa fiscale

Il risparmio fiscale è possibile? - Si può risparmiare almeno il 35% se si sfruttano tutte le opportunità fornite dalla normativa fiscale

In Italia, il "tax freedom day", ovvero la data oltre la quale le famiglie e le imprese cominciano a percepire una remunerazione destinata al risparmio e al consumo personale è il 4 giugno. Ciò significa che, fino a tale giorno si produce e si lavora esclusivamente per onorare il fisco. Sono infatti circa 105,6 i miliardi di euro che le attività italiane versano al fisco ogni anno.

I dati, poco confortanti, sono della Cgia di Mestre che registra come nel nostro Paese l’onore delle tasse sia gravoso e, come se non bastasse, pure maggiore rispetto agli altri Stati dell’Unione Europea.
Non è, dunque, un’esagerazione il paragone dello Stato come un “socio occulto”, dato che quasi la metà degli introiti delle società e dei proventi è destinata allo Stato.

In un periodo di crisi, dettato da congiunture economiche e sociali sfavorevoli, e causato da una serie di fattori, tra cui la globalizzazione che a volte, paradossalmente, può essere limitativa, concorrenza elevata, ma anche da scelte fiscali ed economiche nazionali discutibili e spesso intricate, è necessario che le imprese conoscano approfonditamente la normativa fiscale per poter scovare il bandolo della matassa che consenta, oltre alla sopravvivenza dell’attività, anche e soprattutto la redditività di impresa.

Gia! La redditività di impresa…come raggiungerla? La nostra normativa fiscale, si è detto, è complessa e labirintica. Ma è proprio scavando tra le pieghe delle norme stesse che si trova una soluzione adatta al singolo caso che consenta un risparmio fiscale rilevante e soprattutto legale (ricordiamo come in Italia l’evasione fiscale bruci milioni di euro ogni anno).

Lo studio della normativa, con la conseguente ricerca degli strumenti e opportunità fiscali più adatte al singolo caso aziendale, può essere definito come “ingegneria fiscale”.
Solitamente, chi si accinge a costituire un’impresa si rivolge a un commercialista che possa seguire sia la costituzione societaria, sia la contabilità negli anni a seguire. E il tutto avviene in maniera, diciamo, lineare (ovvero prevedibile e immediata): si costituisce una ditta individuale, oppure una società di persone o di capitale in base al numero delle persone che costituiscono la società e il probabile giro di affari. E in genere si costituisce una Srl.
Ma è molto raro, al contrario, che ci si interroghi su quali siano, invece, i passi da percorrere, magari meno lineari (nel senso non immediatamente presi in considerazione), per poter trovare soluzioni che permettano un risparmio fiscale.

E il risparmio fiscale, grazie all’ingegneria fiscale non è affatto trascurabile! Può raggiungere anche una percentuale del 35/40%!
L’ottica del nostro studio è proprio questa: cercare tra le pieghe della normativa fiscale le soluzioni più adatte al cliente avendo come obiettivo il risparmio dell’azienda, che significa maggior liquidita, magari maggiori investimenti e, dunque, maggiori incassi e crescita.
Per questo, chiunque si rivolga al nostro studio, sia privato che azienda, sia nel caso di impresa da costituire o già costituita, riceve innanzitutto e in maniera preliminare un servizio di studio approfondito sulla sua situazione finanziaria, patrimoniale e personale (redditi familiari, componenti della famiglia, ecc.), sulle varie agevolazioni possibili, ecc. E questo per capire come migliorare la situazione fiscale.

Un esempio che valga da spiegazione su cosa significhi in pratica l’ingegneria fiscale: costituire una S.a.s. (società in accomandita semplice) al posto di una ditta individuale, impatta notevolmente sul carico fiscale dovuto. Infatti, mentre nel caso di una ditta individuale, si pagano le spese Irpef e Inps al 100%, nel caso di una S.a.s., l’inps è a carico del solo accomandatario. E’ solo uno degli esempi per far intuire che, se si scelgono i passi giusti, anche se meno lineari, il risparmio fiscale è possibile.

Per chi volesse ottenere una consulenza sulla propria situazione societaria e finanziaria e desideri capire come poter risparmiare, può rivolgersi al nostro studio per una consulenza approfondita in studio. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare?

Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

Continua

Incentivi alle imprese con le assunzioni agevolate

Ecco quali sono i bonus destinati alle aziende che assumono giovani disoccupati, stagisti e tirocinanti

Continua

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua