Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

La tassazione dell'eredità

L'imposizione attuale - Le nuove tasse di successione

La tassazione dell'eredità - L'imposizione attuale - Le nuove tasse di successione

L'Italia è uno dei paesi con la tassazione più bassa sulle imposte di successione, al punto da poter essere considerati un vero paradiso fiscale. Le imposte di successione furono soppresse nel 2001 dal governo Berlusconi e ripristinate nella misura attuale (molto inferiore rispetto alla misura vigente ante abrogazione) nel 2006 (governo Prodi).
La normativa vigente prevede le seguenti ulteriori agevolazioni:
-  applicazione dell’imposta sul valore catastale degli immobili e non sul valore effettivo;
-  applicazione dell’imposta sulle partecipazioni in base al valore del patrimonio netto contabile, anziché al valore effettivo;
-  esenzione dall’imposta per polizze assicurative sulla vita, anche se di contenuto finanziario;
-  esenzione dall’imposta per i titoli del debito pubblico o altri titoli equiparati dichiarati esenti da norme di legge (solo per successioni e non per donazioni);
-  esenzione dall’imposta in caso di trasferimenti di aziende e di partecipazioni di controllo al coniuge o ai discendenti, nel caso di proseguimento dell’attività o di mantenimento del controllo per almeno cinque anni da parte dei successori;
-  esenzione dall’imposta  nei casi di donazioni o di altre liberalità collegate a compravendite immobiliari o trasferimenti di aziende, qualora per l'atto sia prevista l'applicazione dell'imposta di registro, in misura proporzionale, o dell'imposta sul valore aggiunto.
Per questo motivo da tempo si spinge per un aumento delle aliquote ed una diminuzione delle franchigie, e giace da diverso tempo in Parlamento una proposta di legge in tal senso.
L’imposta di successione  viene calcolata sul valore totale dell’eredità del defunto.
Il coniuge e ciascun figlio possono usufruire di una franchigia di un milione di euro a testa; sulla quota di eredità che superi questa soglia, si paga un’aliquota del 4%; per i fratelli e sorelle la franchigia è 100.000 euro e l’aliquota è del 6%; per i parenti sino al 4° grado (zii, nipoti, cugini, suoceri e cognati) l’aliquota è il 6% senza franchigia; agli altri soggetti si applica l’aliquota del’8%
Per eredi disabili la franchigia è di 1.500.000 euro.
Per quanto riguarda i beni immobili, vanno pagate le imposte catastali e ipotecarie, come in una normale compravendita. Le imposte vanno pagate prima di inoltrare la dichiarazione di successione.
Con l’entrata in vigore del Decreto semplificazione sono stati modificati gli obblighi di dichiarazione di successione. Non è più previsto l’obbligo di presentare la dichiarazione di successione quando il patrimonio del defunto non supera 100.000 euro e se nel patrimonio non sono compresi beni immobili e diritti immobiliari.
Da tempo si ipotizza un intervento anche sul fronte delle imposte di successione e donazione.
La nuova imposta sulle successioni e donazioni prevede delle franchigie (cioè delle soglie esenti da tassazione) molto più basse rispetto alle attuali soglie e un innalzamento delle aliquote per tutti i contribuenti. Se il valore dell’eredità supera 5 milioni di euro, le aliquote arrivano fino al 45%.
La base imponibile della nuova imposta di successione sarà sempre costituita dal valore complessivo dell’eredità. L’ammontare della tassa, però, si determinerà applicando le seguenti aliquote:
7% per il coniuge ed i parenti in linea retta (genitori e figli), con una franchigia massima di 400.000 euro;8% per fratelli e sorelle con una franchigia di 100.000 Euro;10% senza franchigia per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado;15% senza franchigia per gli altri soggetti.
Se il valore del patrimonio ereditario supera i 5 milioni di euro, le aliquote saranno pari al:
21% per coniuge, genitori e figli;24% per fratelli e sorelle;30% per tutti gli altri parenti sino al 4° grado;45% per gli altri soggetti.
Devono inoltre essere effettuate sugli immobili caduti in successione le volture catastali e saldate le imposte ipotecarie e catastali. Tra l’altro, mentre la dichiarazione di successione può essere presentata entro 1 anno dal decesso, e la relativa imposta è liquidata dall’Agenzia delle Entrate entro 3 anni, le imposte ipotecarie e catastali (la prima pari al 2%, e la seconda all’1% del valore dell’immobile) devono essere liquidate prima della presentazione della dichiarazione di successione. Eccezioni sono previste per la prima casa. 
Infine va ricordato che la presentazione della dichiarazione di successione, in quanto obbligatoria, non vale come accettazione dell'eredità.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Brunetti Giovanni Consulente Finanziario - Napoli (NA)

BRUNETTI GIOVANNI CONSULENTE FINANZIARIO

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIA RIVIERA DI CHIAIA 185

80121 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La previdenza integrativa Guida ai fondi pensione

La pensione integrativa. I fondi pensione: caratteristiche e tassazione. Agevolazioni

Continua

Pianificazione successoria

Con il previsto aumento della tassazione diventerà sempre più importante pianificare e anticipare gli effetti della successione

Continua