Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Coaching

Taccagni ma creativi

Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

Taccagni ma creativi - Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

C’è stato un tempo in cui gli studiosi di pubblicità ritenevano che la comunicazione persuasiva avesse un potere assoluto sugli individui. La forza di condizionamento del messaggio determinava un comportamento di acquisto, con la stessa precisione di una siringa sulla pelle.
Questa visione nasceva dalla volontà di capire come Hitler avesse conquistato il potere: guardava alla propaganda ma si estendeva facilmente alla promozione dei prodotti commerciali.
Più tardi l’automatismo tra invio di un messaggio e risposta dei singoli, è stato ridimensionato. Oggi sappiamo che c’è una notevole possibilità di influenzare le scelte, amplificata da alcune tecnologie, ma le persone pongono barriere dinanzi alle nuove informazioni, le filtrano.
Lo studioso Manuell Castells sostiene, infatti, che siamo dei “taccagni cognitivi”. Andiamo alla ricerca di conferme su quanto già pensiamo, sui modi di vedere il mondo e le relazioni. Lo facciamo per non dover rimettere in discussione quanto assodato. La disposizione naturale rispetto ai messaggi è esporci in maniera selettiva, percepire in maniera selettiva, memorizzare in maniera selettiva (Bazzoffia).
Quando cambiamo canale per non ascoltare quel giornalista antipatico, quando recepiamo una sola parte del discorso dell’interlocutore, quando manteniamo nel ricordo solo ciò che è più vicino alla nostra sensibilità, stiamo selezionando.
Sembriamo talmente guidati dalle convinzioni che, spesso, vediamo ciò che crediamo! Così, dopo aver ascoltato venti talk show sull’ultimo referendum, restiamo ancora dello stesso parere della nostra parte politica.
Lungi dall’essere aperti al cambiamento, risparmiamo. Tutto ciò non riguarda solo le scelte forti che costituiscono la nostra identità, i valori elaborati nel tempo, la missione e lo scopo più significativo di un’opera: anche le credenze che si sono sedimentate senza un’attenta elaborazione critica, vengono difese strenuamente! L’espressione “sono fatto così” ci protegge dalla fatica del cambiamento.
Allo stesso tempo, per fortuna, la creatività è una potenzialità di base esistenziale degli esseri umani (Stanchieri). L’abilità di trovare nuove idee per migliorare la vita va, però, allenata. È frutto di un processo e di un contesto che ne favoriscono lo sviluppo. Ha bisogno di una palestra, di sfide crescenti, obiettivi, percezione di efficacia, volontà. Eppure siamo abituati a pensare che giunga come un dono elargito a pochi.
Prendiamo dieci persone che in azienda non hanno mai offerto alcun suggerimento per migliorare un prodotto sulla base delle informazioni recepite dal cliente; costruiamo con loro una relazione aperta di alleanza, inseriamole in un contesto in cui non hanno timore di rischiare: guidiamole con qualche domanda a tirar fuori ciò che non hanno mai espresso per paura o pigrizia o perché ritenevano non iteressasse a nessuno ascoltarle: così quel gruppo poco creativo tirerà fuori quattro o cinque idee su come migliorare il prodotto, il servizio, il lavoro.
Mettere in discussione opinioni già formate sugli altri e su noi stessi è difficile ma non impossibile.
Stephen Gilligham chiamava “campo del coach” la condizione di colui che si connette ad uno spazio aperto di nuove possibilità. Sapeva benissimo che per raggiungere una diversa consapevolezza su se stessi e gli altri bisogna saper fare qualche domanda e tollerare il silenzio della non risposta, in attesa dell’emersione di quella più utile. Anche la replica immediata, infatti, è una forma di risparmio.
Per allenare la creatività bisogna aprire l’uscio per far entrare qualcosa di diverso, mettere in discussione qualche nostra competenza, usare differenti potenzialità: coraggio, apertuta mentale, leadership, intelligenza sociale, umiltà. Per decidere di farlo può essere di aiuto il simpatico ammonimento fornito da Oliver Wendell Holmes: “Il segreto del mio successo è che da giovane ho scoperto di non essere Dio”.
Tutta la vita è allenamento.

Riferimenti bibliografici:
Manuell Castells, Comunicazione e potere, UBE, 2014
Umberto Eco, Pape Satàn Aleppe, La nave di Teseo, 2016
Armando Floris, La passione di comunicare, Historica, 2015  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Coaching

Dott. Armando Floris - Avezzano (AQ)

Dott. Armando Floris

Counseling e coaching / Sviluppo e benessere

Via Antonio Gramsci 21

67051 - Avezzano (AQ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Quattro domande più una per prendersi sul serio

Un filosofo e un allenatore aziendale alle prese con il tema del cambiamento

Continua

Come affronti le tue battaglie?

L’atteggiamento giusto per tirar fuori risorse e soluzioni

Continua

L’autogoverno con l’aiutino

Tattiche per darsi un po' di disciplina

Continua

Altro che meraviglia!

La filosofia di vita cambia grazie ad un atto di ribellione

Continua

La risposta corretta alla domanda sbagliata

Riflessioni sul coaching per gli adolescenti

Continua

Il valore del lavoro genera alleati

Migliora il prodotto e difinisci il significato dell’ opera: avrai solidarietà e supporto

Continua

La fiducia

Costruire un’alleanza forte andando oltre le tattiche di comunicazione

Continua

Lo scettico credulone

Paradossi della credibilità tra comunicazione e autogoverno

Continua

E' credibile?

L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

Continua

Persone di carattere

Dimensioni, fascino e allenamento di un concetto dai molteplici significati

Continua

L’avvocato antifragile

Distinguersi nella professione forense allenandosi con il coaching

Continua

Lasciatemi vendere in pace

Cosa precede le tecniche di comunicazione

Continua

Le due verità sugli obiettivi

Elaborare un buon piano d’azione per il 2017. Parte 1

Continua

Pensieri a trazione integrale

L’ultimo giorno dell’anno alcune riflessioni tentano la scalata

Continua

La montagna del conflitto

Perdere la faccia. Come si passa dalla tensione alla guerra totale

Continua

Allenamento o adattamento?

La sfida del Coaching formativo

Continua

Il discorso efficace: come trovare l'idea forza

Oltre le tecniche del public speaking: cosa fa veramente la differenza nel parlare in pubblico? Tre spunti pratici per un intervento memorabile

Continua

In azienda non esistono bugie

Quale verità mi racconta quella fandonia?

Continua

Perchè non si deve avere l’auto più bella del capo

Coloro che mettono alla prova il senso di autostima dell’interlocutore rischiano molto

Continua