Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Il nuovo Job Act: quale riforma? - Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Sembrerebbe essere tramontato l`inutile tentativo di modificare ulteriormente l`art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, norma che regolamenta i licenziamenti del personale impiegato nelle aziende con più di 15 dipendenti. In effetti, la “riforma” c.d. Fornero ha già sostanzialmente svuotato l’art. 18 della sua reale portata garantista posto che la reintegra del lavoratore nel posto di lavoro è possibile, con la nuova novella, soltanto nelle ipotesi di licenziamento discriminatorio o disciplinare sfornito di una giusta causa. Pertanto, a meno che non si voglia legittimare anche queste ultime forme di recesso, non è dato capire dove ed in quali punti, l’art. 18 possa essere ulteriormente mortificato, senza contare che, come ha dimostrato proprio la legge Fornero, l’attuale, perdurante crisi produttiva ed occupazionale, non ha nulla a che vedere con la riforma all’art. 18 o dei contratti a termine. Le “riforme” intervenute in questi anni in materia di lavoro, infatti, non hanno frenato la crisi, ma, al contrario, l’hanno alimentata producendo un numero sempre crescente di precari con pochi soldi da spendere. 

 

Messo, quindi, da parte l’art. 18, l’idea di questo nuovo Job Act sembrerebbe orientarsi sulla possibilità, per le aziende, di demansionare i propri dipendenti assegnando loro compiti inferiori, sotto l’aspetto professionale, rispetto all’inquadramento rivestito ed alle pregresse mansioni svolte. 

Nell’attesa di maggiori dettagli su come verrà disciplinata l’ipotesi in esame, va qui ricordato che non rappresenta una novità la possibilità, per il datore di lavoro, di demansionare un proprio dipendente, anche senza il suo consenso.
L’art. 2103 cod. civ. dopo avere, nel primo comma, vietato l’assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori a quelle per cui è stato assunto, stabilisce nel secondo comma che "ogni patto contrario è nullo".  

 

Sulla base di un oramai unanime orientamento dottrinale e giurisprudenziale, si ritiene che il divieto contenuto nel capoverso dell'art. 2103, giustificato nella sua rigidità quando lo stesso articolo venne novellato dall'art. 13 1. n. 300 del 1970 ossia in una situazione generalmente favorevole del mercato del lavoro, debba oggi essere interpretato nel senso che sulla tutela della professionalità debba prevalere quella dell'interesse al mantenimento del posto di lavoro (artt. 4 e 36 Cost.). Tale orientamento, favorevole al cd. "patto di dequalificazione" autorevolmente avallato dalla decisione delle sezioni unite n. 7755/98 quale unico mezzo per conservare il rapporto di lavoro, muove, dalla premessa che in realtà non si tratta di una deroga all'art. 2103 c.c., norma diretta alla regolamentazione dello ius variandi del datore di lavoro e, come tale, inderogabile secondo l'espresso disposto del secondo comma dell'articolo, ma di un adeguamento del contratto alla nuova situazione di fatto che, come tale, deve essere sorretto dal consenso, oltre che dall'interesse, dello stesso lavoratore, così come è richiesto dall'accordo collettivo per assegnare mansioni diverse, anche in deroga all'art. 2103, ai lavoratori ritenuti eccedenti dalle imprese che avviano la procedura per la dichiarazione di mobilità (art. 4, comma 11, l. 223/1991). 

 

Addirittura, qualora, a seguito di una riorganizzazione, non fosse più in azienda una determinata mansione, il datore potrebbe, al fine di evitare di licenziare il proprio dipendente addetto a quell’attività, demansionarlo anche senza il suo consenso.
L’assenza di una reale portata “riformista” della nuova versione del Job Act risiede altresì nel fatto che già con la c.d. manovra economica-bis, la Legge n. 148/2011 di conversione del Decreto Legge n. 138/2011 - “Misure a sostegno dell’occupazione”, ha previsto, con l’art. 8, la possibilità di definizione convenzionale di equivalenza delle mansioni e dell’inquadramento da parte della contrattazione collettiva di prossimità, anche in deroga alle previsioni dell’art. 2103, e dunque eventualmente consentendo anche il “demansionamento”del lavoratore e un inquadramento che prescinda dai titoli e dall’esperienza. 

Interessante, invece, sembrerebbe l’idea del contratto d’inserimento a tutele crescenti riservato ai giovani fino a 35 anni e alle persone con più di 50 anni. In pratica, i loro datori potranno per tre anni licenziarli senza vincoli (una sorta di lungo periodo di prova, forse troppo lungo), ma se li confermeranno riceveranno un bonus fiscale. 

Napoli 13.09.2014 

Avv. Ernesto Maria Cirillo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Continua

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Continua

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua