Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

CUD anche per gli autonomi a partire dal 2015

730 pre-elaborato: una pessima idea

CUD anche per gli autonomi a partire dal 2015 - 730 pre-elaborato: una pessima idea

A partire dal 2015, arriverà il Cud anche per le partite Iva che così dai primi mesi del nuovo anno dovranno adoperarsi per la compilazione del modello da consegnarsi entro il 7 marzo. Già il rispetto della scadenza pare impossibile se si considera che in febbraio c’è l’autoliquidazione INAIL e sempre entro il 7 marzo è prevista la consegna dei CUD dipendenti/collaboratori. 

 

Saranno circa 20 milioni i contribuenti investiti dalla novità, e dunque si prospettano mesi di super lavoro all’Agenzia delle Entrate, che dovranno presentare il nuovo 730 a tutti gli interessati entro la fine di marzo 2015. 

I sostituti d’imposta, quindi, qualsiasi soggetto che abbia operato ritenute fiscali a lavoratori autonomi, professionisti od occasionali, ma anche angenti rappresentanti etc.. dovranno compilare una certificazione unica (CU) indicando le ritenute operate e consegnarlo entro il 7 marzo a tali soggetti. 

 

Insomma, per ogni lavoratore che operi nell’orbita di un’impresa in modalità diversa dalla subordinazione classica, sarà richiesta la compilazione di un apposito documento, con relativa specifica dei compensi versati al lordo, che andranno differenziati dalle cifre corrisposte esentate dalla ritenuta, così come non andranno tralasciate le stesse ritenute d’acconto e di imposta, più le varie addizionali. Quindi, ci sarà un campo anche per i contributi pensionistici versati dallo stesso titolare della partita Iva; da ultimo, andranno indicate le cifre su spese soggette a rimborsi e le eventuali ritenute di ritorno. 

 

In sostanza sarà una sorta di 770 anticipato. Tuttavia, la bramosia del Governo di consegnare il 730 a casa ai contribuenti potrebbe essere un arma a doppio taglio: da un lato perché si aggiungono adempimenti, che costano, ad adempimenti già esistenti; dall’altro, perché il 730 sarà comunque povero di dati in quanto gli unici disponibili saranno i dati anagrafici, familiari a carico e dati reddituali, peraltro i più facili da reperire e compilare. 

Ciò determinerà il fatto che il contribuente dovrà comunque recarsi presso un CAF o un professionista abilitato che dovrà inserire i dati mancanti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

TFR in busta conveniente solo per redditi bassi

TFR in busta a tassazione ordinaria conveniente solo per reddito sino a 15.000 euro

Continua

Normato il contratto "affitto con riscatto"

Lo Sblocca Italia regola il rent to buy e di fatto introduce una nuova forma contrattuale

Continua

Obbligo dal 1 ottobre di F24 telematico

Il 1 ottobre scatta l’obbligo (quasi) generalizzato di utilizzo del modello F24 telematico

Continua

Obbligatoria la verifica in materia di sicurezza

Carcere per il committente che non verifica l’affidabilità dell’appaltatore in materia di sicurezza

Continua

Nuovo aumento del costo del lavoro

Aumenta il costo del lavoro per i datori di lavoro non rientranti nel campo di applicazione della cassa integrazione e busta paga meno pesante

Continua

L'importanza del controllo di gestione per le PMI

Cos'è il controllo di gestione e perché ora, con margini di redditività sempre più risicati, si rende indispensabile anche per le PMI

Continua