Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Obbligo dal 1 ottobre di F24 telematico

Il 1 ottobre scatta l’obbligo (quasi) generalizzato di utilizzo del modello F24 telematico

Obbligo dal 1 ottobre di F24 telematico - Il 1 ottobre scatta l’obbligo (quasi) generalizzato di utilizzo del modello F24 telematico

Dal 1 ottobre scatta l'obbligo di utilizzo dell'F24 per i privati, con qualche differenziazione. Non solo, anche per i titolari di Partita IVA cambia qualcosa. In particolare con riferimento alla presentazione del modello F24 a saldo zero che dal 1 ottobre dovrà necessariamente transitare tramite Entratel / Fisconline. 

 

In particolare, è previsto che a decorrere dal 1° ottobre 2014, fermi restando i limiti già previsti da altre disposizioni vigenti in materia, i versamenti di cui all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, sono eseguiti: 

a) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle entrate, nel caso in cui, per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale sia di importo pari a zero; 

b) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle entrate e dagli intermediari del la riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui siano effettuate del le compensazioni e il saldo finale sia di importo positivo; 

c) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a mille euro. 

 

I modelli F24 “saldo zero” in cui l’ammontare dei pagamenti (esposti nella colonna “importi a debito pagati”) è pari all’ammontare dei crediti utilizzati in compensazione (esposti nella colonna ”importi a credito compensati”) e, dunque, il saldo finale del modello (pagamenti meno compensazioni) è pari a zero, possono essere presentati : 

§ direttamente dal contribuente, utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel per il tramite di un intermediario abilitato. 

I modelli F24 contenenti crediti utilizzati in compensazione, con saldo finale maggiore di zero, oppure i modelli F24 con saldo superiore a 1.000,00 euro (a prescindere dalla presenza di crediti utilizzati in compensazione), potranno essere presentati esclusivamente per via  telematica 

§ mediante i servizi telematici messi a disposizione  dall'Agenzia delle entrate sopra richiamati; 

§ mediante i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’ Agenzia delle Entrate (banche , Poste Italiane e  Agenti della riscossione, prestatori di servizi di  pagamento). 

 

In pratica possono continuare ad utilizzare il modello cartaceo solo i privati, con riferimento ai modelli F24, con saldo inferiore ad € 1.000 che non presentino compensazioni.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

TFR in busta conveniente solo per redditi bassi

TFR in busta a tassazione ordinaria conveniente solo per reddito sino a 15.000 euro

Continua

Normato il contratto "affitto con riscatto"

Lo Sblocca Italia regola il rent to buy e di fatto introduce una nuova forma contrattuale

Continua

CUD anche per gli autonomi a partire dal 2015

730 pre-elaborato: una pessima idea

Continua

Obbligatoria la verifica in materia di sicurezza

Carcere per il committente che non verifica l’affidabilità dell’appaltatore in materia di sicurezza

Continua

Nuovo aumento del costo del lavoro

Aumenta il costo del lavoro per i datori di lavoro non rientranti nel campo di applicazione della cassa integrazione e busta paga meno pesante

Continua

L'importanza del controllo di gestione per le PMI

Cos'è il controllo di gestione e perché ora, con margini di redditività sempre più risicati, si rende indispensabile anche per le PMI

Continua