Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Quanto dura una psicoterapia?

La durata di una terapia è prevedibile?

Quanto dura una psicoterapia? - La durata di una terapia è prevedibile?

La domanda relativa alla durata della psicoterapia è una delle più comuni. Porta con sè molte implicazioni, alcune di natura personale (se dura molto, significa che sono grave? Potrò mai smettere?). Altre di natura pratica (quanto mi costa?).

Questi interrogativi, più che legittimi, possono scoraggiare o indurre alla rinuncia. Dunque è bene fare chiarezza.

La durata di una terapia non è prevedibile. Le variabili sono molte, e la brevità dell’intervento non è sempre sinonimo di efficacia. Anzi, talvolta, si verifica proprio l'opposto.

Quando si affrontano questioni importanti riguardanti la propria vita, difficilmente si possono ottenere risultati durevoli in meno di 4/6 mesi. Alcune ricerche condotte da Robert Elliott, in Gran Bretagna, hanno dimostrato che le terapie brevi sono meno efficaci rispetto a quelle di più lunga durata. Più precisamente, con le terapie brevi si possono avere delle ricadute dopo tre anni dal termine del percorso terapeutico, mentre le terapie più lunghe hanno effetti più durevoli (anche oltre cinque anni dal termine).

Questi però sono numeri… che, per quanto importanti, non aiutano il cliente a capire bene la situazione.

Vorrei fare luce su alcuni fattori che possono rivelarsi determinanti per quanto riguarda la durata della terapia.

Portare avanti un percorso terapeutico con un professionista con il quale non si è creato l’adeguato feeling terapeutico, certamente allunga i tempi e, spesso, non produce risultati positivi. Non è in questione la capacità del terapeuta. E nemmeno la complessità del caso. Il punto cruciale è proprio la sintonia tra cliente e operatore. Può crearsi o meno… e l’efficacia della terapia, dipende molto da questo. Spesso si ha il timore di cambiare e di ricominciare il proprio percorso terapeutico con un altro professionista. In questo caso c’è il rischio di non ottenere i risultati sperati e, conseguentemente, di perdere fiducia nella psicoterapia.
Ognuno di noi ha una diversa capacità introspettiva. Per i più introspettivi, il lavoro terapeutico risulta più agevole. Ciò non significa che solo chi ha questa attitudine può avere giovamento dalla terapia. In effetti è sempre possibile imparare ad orientare di più e meglio, l’attenzione su di sé: sulle proprie emozioni e sulla propria vita affettiva e relazionale. D’altra parte è vero che i più introspettivi, spesso traggono piacere dalla relazione terapeutica e dunque preferiscono non concluderla. Piuttosto cambiano la cadenza delle sedute e continuano a lavorare su di sé.
L’elemento fondamentale, quello che fa la differenza nel determinare la durata della psicoterapia, è il modo (certamente non prevedibile) in cui il cliente vive l’esperienza delle sedute. Ogni incontro dura circa 50-60 minuti. È un tempo oggettivamente misurato, ma il cliente lo misura con un orologio proprio. Può essere lunghissimo o brevissimo. Confortevole o tormentato. A volte pensieri ed emozioni fluiscono liberamente, a volte si creano muri difficili da abbattere.

Ogni cliente (unico e irripetibile) porta in terapia tutto se stesso: la propria storia, le convinzioni, i pregiudizi, i talenti, … luci e ombre. Ed è il cliente che decide quando e come rivelarsi. Di cosa parlare e quali temi affrontare. Compito del terapeuta è quello di essere presente in modo autentico ed empatico, per aiutare il cliente a ristrutturare quelle parti di sé non più funzionali.

In conclusione, la domanda più importante non è “Quanto durerà la mia terapia?”, ma piuttosto “Come sto?”. È necessario rispondere a se stessi in modo sincero. Non con il solito “Bene, grazie” che tiriamo fuori convenzionalmente con amici e parenti. Se siamo sinceri con noi stessi e ci accorgiamo che c’è una sofferenza, e che abbiamo perso il nostro equilibrio, allora è utile iniziare un percorso di psicoterapia che durerà quanto necessario. Sarà il cliente a decidere.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Studio Associato Psicoauryn - La Spezia (SP)

STUDIO ASSOCIATO PSICOAURYN

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

PIAZZA VERDI 19

19121 - La Spezia (SP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Quanto ti insegna un Sogno

Estratto dal libro "Sogni - i viaggi dell'anima"

Continua