Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Rientro anticipato dalla malattia

Rientro anticipato dalla malattia solo con apposito certificato

Rientro anticipato dalla malattia - Rientro anticipato dalla malattia solo con apposito certificato

L’INPS, con il Messaggio n. 6973 del 12 settembre 2014, interviene per fornire un importante chiarimento in merito al rientro anticipato al lavoro di un dipendente assente per malattia.
Può capitare, infatti, che la malattia abbia un decorso più favorevole rispetto alla prognosi iniziale e che il dipendente, sentendosi bene, desideri rientrare al lavoro prima della scadenza indicata sul certificato medico.
A tal riguardo, l’Istituto previdenziale precisa che ogni dipendente assente per malattia che, considerandosi guarito, intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante, può essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica dell’originaria prognosi.  

 

Secondo l’INPS, infatti, il certificato medico di rettifica è necessario in quanto il datore di lavoro dispone solo dell’attestato di malattia (che non contiene la diagnosi, ma solo l’indicazione dei giorni di assenza accordati dal medico) e, pertanto, non è in grado di valutare se il dipendente che desidera rientrare al lavoro abbia effettivamente recuperato le proprie energie psicofisiche tali da garantire se stesso e l’ambiente di lavoro da qualsivoglia evento nocivo connesso ad una ridotta capacità lavorativa. 

Ne deriverebbe, diversamente, l’impossibilità per il datore di lavoro di assolvere agli obblighi imposti dalle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, di tutela dell’ambiente di lavoro e dell’integrità fisica dei prestatori di lavoro. 

 

La normativa prevede che l’assenza per malattia sia attestata dal medico curante mediante apposito certificato inoltrato per via telematica tramite il Sistema di Accoglienza Centrale (SAC).
Lo stesso medico può inviare, durante tutto il periodo di prognosi, certificati che annullino i precedenti (qualora vi siano, ad esempio, errori o refusi) o li rettifichino. Quest’ultima eventualità si verifica, appunto, quando il medico riscontra nel paziente un decorso più favorevole della malattia già certificata, tale da ridurre la durata della prognosi iniziale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Voucher: stretta sulle comunicazioni

Comunicazioni più rigide e sanzioni amministrative in caso di violazioni

Continua

Rimborsi Spese a LUL

Obbligo di inserimento a LUL dei rimborsi spese

Continua

Auto aziendale: comunicazione dell'utilizzatore

Obbligo di comunicazione alla motorizzazione civile dell'utilizzatore dell'auto aziendale

Continua

Incentivi alle assunzioni di disoccupati

Incentivi alle assunzioni di disoccupati effettuate nel 2012: al via le domande telematiche

Continua

Rinnovo CCNL Turismo

Sottoscritto il rinnovo del CCNL applicabile ai lavoratori del settore Turismo - Principali Novità

Continua