Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Non di solo PIR vive l’uomo

Vale la pena investire nel PIR? Nell'articolo tutte le informazioni a riguardo e la mia considerazione con i dati sugli altri paesi già attivi nei Pir

Non di solo PIR vive l’uomo - Vale la pena investire nel PIR? Nell'articolo tutte le informazioni a riguardo e la mia considerazione con i dati sugli altri paesi già attivi nei Pir

E’ da circa 8 mesi che andando dai miei clienti mi dicono di aver sentito parlare di una operazione molto interessante soprattutto per i vantaggi di natura fiscale.
Già sapevo di cosa stavano parlando, questo perché si è fatto un gran parlare dei “Piani Individuali di Risparmio”, sia dal telegiornale che dai giornali. 

Per questo, la prima domanda al quale voglio dare risposta è:
Ma che cosa è un PIR? 

I Piani individuali di risparmio hanno visto la luce con lo scopo di convogliare il risparmio degli investitori verso le piccole e medie imprese italiane a fronte di interessanti vantaggi in termini fiscali

Caratteristiche principali dei PIR (non si pagano le tasse sui guadagni se detenuti per almeno 5 anni):
• 30.000 € Investimento massimo PIR annuale;
• 150.000 € Investimento massimo PIR totale;
• 70% del patrimonio del PIR investibile in titoli di imprese italiane o europee con stabile organizzazione in Italia (30% su titoli di imprese ex-FTSEmib o indice equivalente, SMALL & MID CAP);
• 30% del patrimonio del PIR investibile in qualsiasi strumento senza vincoli;
• 10% del patrimonio del PIR limite di concentrazione per emittente. 

Le agevolazioni fiscali sono tra le maggiori attrattive dei PIR, infatti, nel rispetto di determinate condizioni, concedono l’esenzione totale dalle imposte sui redditi generati dall’investimento stesso e dalla tassa di successione (venuto a mancare il sottoscrittore). Questa esenzione è da considerarsi a condizione che gli investimenti siano mantenuti per 5 anni.
Si può sempre disinvestire prima del termine, ma in tal caso il beneficio fiscale si perde e le tasse vengono pagate.
Il vantaggio, comunque, è che ai PIR si applica un’aliquota pari allo 0% sui guadagni, per meglio capire, se investo 30.000 € oggi e alla fine dei 5 anni il loro controvalore è di 40.000 €, non pagherei il 26% sul guadagno di 10.000 € (2.600 €).
È importante, tra l’altro, sottolineare che gli investimenti in questione possono essere effettuati in modo indiretto, tramite fondi comuni italiani o esteri (SICAV incluse). Quello che mi preme sottolineare è che i PIR dovrebbero aiutare gli italiani ad investire con un orizzonte temporale più lungo rispetto alla media attuale di 2,6 anni, portando benefici a se stessi, al mercato e all’economia. 

ATTENZIONE:
è vero che i PIR hanno dei vantaggi ma occhio alle commissioni d’ingresso che si attestano su un valore medio del 2-3% e potrebbero vanificare l’eventuale vantaggio fiscale sui guadagni. 

RISULTATI ALTRI PAESI (per i cugini dei PIR):
in Francia i PEA, nati nel 1992, contano circa 120 miliardi di euro di masse in gestione mentre nel Regno Unito gli ISA, nati nel 1997, gestiscono circa 518 miliardi di sterline.
In Francia hanno finanziato molte small e mid cap anche se ora gli investimenti in tali strumenti sono diminuiti.
Differente invece la situazione inglese che vede gli ISA in crescita con una raccolta annua di circa 12.5 milioni, infatti circa il 43% della popolazione adulta detiene un ISA (oltre 21 milioni di persone).
L’esperienza straniera ci fa ben sperare visto che in questi anni potrebbe affluire molta liquidità nel mercato delle piccole e medie imprese italiane

Ma questi PIR allora si devono fare o no?
Per tali strumenti sono favorevole ma con delle riserve:
• Investire con consapevolezza: non posso investire tutti i miei risparmi su tali prodotti o una percentuale elevata, per questo opterei per il 5/10% del portafoglio;
• C’è un tempo dell’investimento che è di 5 anni e se voglio il beneficio fiscale devo rispettarlo;
• Ricordo sempre che è un investimento rischioso con una oscillazione del valore molto elevata;
• C’è una forte scommessa sul mercato italiano e quindi sul PIL italiano che, giusto per darvi qualche dato, rappresenta l’1% del PIL mondiale. 

Prendete in considerazione la possibilità di investire in PIR con moderazione, ne vale la pena…

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Bartolini Michele Consulente Finanziario - Perugia (PG)

BARTOLINI MICHELE CONSULENTE FINANZIARIO

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIA GIOVANNI BATTISTA PONTANI 39

06128 - Perugia (PG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Busta arancione: c’è posta per te…

La Busta Arancione contiene informazioni sul momento ipotizzato della pensione e sull'importo dell’assegno pensionistico. Ecco cosa contiene

Continua

Rischio Liquidità: rischio nascosto di un cliente

Il Rischio Liquidità è avere nel portafoglio dei titoli “congelati”

Continua

La morte dei titoli di Stato italiani: i 3 motivi

I titoli di stato sono stati per anni il principale investimento delle famiglie italiane, il bene rifugio per eccellenza ma oggi non è più così

Continua