Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto internazionale

Mobilità: precedenza al docente "referente unico"

Il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

Mobilità: precedenza al docente "referente unico" - Il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

Il Tribunale di Busto Arsizio, sezione lavoro, ha riconosciuto il diritto alla precedenza nella procedura di trasferimento interprovinciale alla ricorrente “referente unica” del genitore in condizioni di disabilità grave ex art. 3 legge 104/1992. 

Con ordinanza pubblicata in data 27.12.2017, il Giudice ha accolto l’istanza cautelare avanzata da una docente di scuola secondaria, assistita degli avvocati Marco Lo Giudice e Luigi Serino, che aveva chiesto l’accertamento e il riconoscimento del diritto alla precedenza nelle operazioni di trasferimento interprovinciale, in quanto referente unica del proprio genitore versante in condizioni di disabilità grave ex art. 3 legge 104/1992. 

Nella “domanda di mobilità territoriale per assegnazione ambito a livello nazionale”, la ricorrente aveva indicato i titoli validi per l’attribuzione del punteggio ed anche il verbale della Commissione medica che accertava lo stato di disabilità della propria anziana madre. 

Il Tribunale di Busto Arsizio ha accertato la nullità delle disposizioni introdotte dagli artt. 6 e 13 del CCNI siccome in contrasto con la norma imperativa di cui all’art. 33 L. n. 104/1992 che testualmente cita “il genitore o il familiare lavoratore, con rapporto di lavoro pubblico privato, che assista con continuità un parente o un affine entro il terzo grado handicappato ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede” nonché il contrasto con l’art. 601 D. lgs. C. 297/94 che comporta un diritto di precedenza in sede di mobilità. 

La decisione del Tribunale evidenzia la non conformità del contratto collettivo rispetto al dato legislativo; il disposto normativo a tutela dei disabili, applicabile al comparto scuola, garantisce infatti una tutela ben più ampia di quella – inspiegabilmente – offerta dalla contrattazione. 

Non si spiega perché il CCNI, fonte in astratto migliorativa della legge, abbia compresso a dismisura le garanzie offerte dalla fonte superiore: la legge. 

Sulla base di tali argomentazione il Giudice del lavoro di Busto Arsizio ha accertato il diritto al trasferimento, in provincia di Palermo, in una delle prime sedi disponibili tra quelle indicate nella domanda di mobilità interprovinciale e condannato l’Amministrazione resistente a disporre il trasferimento della ricorrente in uno degli ambiti della provincia di Palermo in relazione ai quali la stessa godeva della precedenza prevista dalla normativa.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto internazionale

Avv. Luigi Serino - San Giorgio del Sannio (BN)

AVV. LUIGI SERINO

Avvocati / Civile

VIALE SPINELLI 156

82018 - San Giorgio del Sannio (BN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Violazione del termine di ragionevole durata

Ragionevole durata: non è necessario attendere la fine del procedimento presupposto per richiedere l'indennizzo ai sensi della legge n. 89/01

Continua

CEDU: sottrazione internazionale di minore

Condannata l’Ungheria per non aver adottato misure adeguate a garantire il ricongiungimento della minore con suo padre, cittadino italiano

Continua

Accesso al TFA e graduatoria unica nazionale

TFA Sostegno: Il Consiglio di Stato censura la mancata attivazione di una graduatoria unica nazionale

Continua

Mobilità scuola: prevale il punteggio

Mobilità scuola: gli idonei al concorso del 2012 non possono superare il docente con punteggio superiore

Continua

Prelievi arbitrari dal conto cointestato

Secondo il Tribunale di Roma vanno restituite le somme prelevate arbitrariamente dal conto cointestato in prossimità della separazione

Continua

Addebito anche per un solo episodio di violenza

Anche un solo episodio di violenza perpetrata da un coniuge nei confronti dell'altro fa scattare l'addebito a carico di chi lo pone in essere

Continua

No all'assegno divorzile se l'ex coniuge convive

Se l’ex coniuge che percepisce un assegno di divorzio instaura una nuova convivenza stabile, perde il diritto a tale assegno

Continua

Mantenimento figli maggiorenni: fino a quando?

La legge sancisce un generale obbligo per i genitori di mantenere i figli: ma fino a quando persiste tale obbligo?

Continua

Mantenimento alla moglie che rifiuta un lavoro

Legittimo il rifiuto della moglie opposto ad alcune offerte di lavoro se non commisurate alla sua professionalità o comunque precarie

Continua