Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza fiscale e tributaria

La mini voluntary disclosure (o mini scudo)

Con il decreto fiscale del 2017 è stato previsto per alcuni soggetti la possibilità di sanare, tra l'altro, le somme detenute oltre frontiera

La mini voluntary disclosure (o mini scudo) - Con il decreto fiscale del 2017 è stato previsto per alcuni soggetti la possibilità di sanare, tra l'altro, le somme detenute oltre frontiera

In sede di conversione del decreto legge n. 148/2017, ad opera della legge 4 dicembre 2017, n. 172, è stata introdotto, con l’art. 5-sexpties, un mini scudo (o mini voluntary disclosure), mediante il quale è possibile sanare, corrispondendo oneri contenuti, specifiche situazioni oggettive debitamente indicate nella norma de qua. 

È consigliato a tutti coloro che intendano avvalersi di tale concessione di esperire apposito confronto con l’istituto del ravvedimento operoso, con il precipuo scopo di valutare quale delle due opportunità risulti più conveniente. 

Prima di proseguire, è doveroso precisare che il presente contributo: 

1) ha il mero scopo di riassumere il contenuto della norma partendo da una lettura puntuale della stessa senza entrate, non essendo questo il luogo preposto, in un’analisi critica concernente alcuni aspetti iniqui che la medesima presenta; 

2) è stato redatto prima dell’emanazione del relativo provvedimento del diretto dell’Agenzia delle Entrate mediante il quale saranno rilasciate le ulteriori disposizioni necessarie per l’attuazione delle norme. Sarà cura dello scrivente implementare l’articolo con le relative precisazioni. 

 

1. AMBITO OGGETTIVO 

È possibile sanare le attività depositate e le somme detenute al 31 dicembre 2016 su conti correnti e libretti di risparmio derivanti: 

1) dall’attività di lavoro dipendente oppure di lavoro autonomo; 

2) dalla vendita di beni immobili detenuti nello Stato estero ove l’attività lavorativa è stata prestata in via continuativa. 

Con l’adesione alla procedura è possibile sanare le violazioni: 

1.  per omessa presentazione nel quadro RW delle consistenze delle somme detenute all’estero che derivano: 

a) dall’attività di lavoro dipendente o di lavoro autonomo prestato oltre frontiera, oppure 

b) dalla cessione onerosa di immobili nel Paese estero 

2.  per omessa tassazione delle somme scaturenti dai suddetti redditi esteri. 

Con successivo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate saranno rilasciate le ulteriori disposizioni utili per l’attuazione della norma in argomento. 

 

2. AMBITO SOGGETTIVO 

I soggetti interessati dalla disposizione agevolativa, sono individuati in tutti coloro: 

1) che risultano fiscalmente residenti in Italia che precedentemente erano iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE); 

2)  che hanno svolto la propria attività lavorativa in via continuativa all’estero in zona di frontiera ovvero in Stati limitrofi (cosiddetti frontalieri). 

La regolarizzazione può essere eseguita anche dagli eredi. 

La norma, quindi, individua due macro aree di soggetti: 

1. coloro che erano all’estero ed iscritti all’AIRE, e 

2. chi rientra nella categoria dei frontalieri, come stabilito dall’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate: il soggetto frontaliero è colui che, quotidianamente, si reca al lavoro all’estero e rientra sul territorio nazionale. Tale concetto, secondo l’esonero delineato dall’impianto normativo del 2010, è di fatto ricompreso in quello del lavoratore in Stato limitrofo all’Italia. 

 

3. REQUISITO DELL’ATTIVITA’ LAVORATIVA 

Per attività lavorativa, la norma ha puntualmente stabilito che deve trattarsi dei redditi di lavoro individuati dall’art. 6, comma 1, lettere c) e d) del DPR n. 917/1986 (di seguito Tuir), con la conseguenza che rientrano in tale alveo: 

a) il reddito di lavoro dipendente (art. 6, comma 1, lettera c) ); 

b) il reddito di lavoro autonomo (art. 6, comma 1, lettera d) ). 

 

4. SOGGETTI ESCLUSI 

Non sono ricompresi nella procedura tutti coloro che hanno precedentemente aderito alla voluntary disclosure. Inoltre non è stata prevista la possibilità di rimborso delle maggiori somme già versate in sede di voluntary disclosure. 

 

5. ARCO TEMPORALE PER L’ADESIONE E PROCEDURA 

L’istanza deve essere presentata entro il 31 luglio 2018 e il pagamento della somma pari al 3% del valore delle attività detenute all’estero al 31 dicembre 2016, importo che comprende: 

1) le maggiori imposte, 

2) le sanzioni, e 

3) gli interessi, 

deve essere versato: 

· in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2018, oppure 

· in tre rate di pari importo con la prima avente scadenza al 30 settembre 2018. 

In relazione alle somme che sono oggetto della procedura, i termini di accertamento che scadono a decorrere dal 1° gennaio 2018 sono state prorogate al 30 giugno 2020. 

 

6. CONCLUSIONE 

Lo scrivente consiglia di aderire immediatamente all’istituto agevolativo oggetto del presente articolo, anche se non è stato ancora emanato il relativo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate. La motivazione di presentare in via preventiva l’istanza è da ricercarsi nella probabilità che il provvedimento de quo possa contenere cause ostative, come già accaduto in precedenza per la voluntary disclosure, che negherebbero l’accesso alla sanatoria, mentre l’immediata partecipazione aumenterebbe le probabilità di non essere esclusi avendo, appunto, preventivamente presentato la relativa adesione. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza fiscale e tributaria

Dott. Ernesto Cherici Tributarista Fiscalita' Internazionale Consulenza Aziendale - Como (CO)

Dott. Ernesto Cherici Tributarista Fiscalita' Internazionale Consulenza Aziendale

Consulenti Fiscali e Tributari / Fisco e Tributi

Via Cigalini 1

22100 - Como (CO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La nuova circolare 1/2018 della GdF

Verifiche fiscali: la Guardia di Finanza ha pubblicato le istruzioni contenute nella nuova circolare n. 1/2018

Continua

Cambi di residenza sotto la lente del fisco

L'Amministrazione Finanziaria ha iniziato a chiedere i dati ai Comuni per indagare in merito alle fittizie residenze fiscali

Continua

L'internazionalizzazione: introduzione

L'internazionalizzazione è una risorsa importante per tutti coloro che vogliono iniziare la propria avventura oltre confine

Continua

Residenze all'estero e Provvedimento A.E.

Residenze all'estero e Provvedimento Agenzia delle Entrate. Iscrizione all'Aire e controllo residenze sulla base di elementi precisi

Continua

Prestito tra privati

Il prestito tra privati è lecito. Ecco come prestare soldi con una procedura perfettamente legale

Continua

Tassazione dei marittimi italiani all'estero

Il marittimo italiano imbarcato su navi estere per più di 183 giorni ha l`esenzione dall`obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi

Continua

Reddito da meretricio (prostituzione)

Importanti considerazioni fiscali in merito al reddito da attività di prostituzione

Continua

Costi indeducibili Black-list e DTA (ultima parte)

Le Convenzioni contro le doppie imposizioni e l'art. 110, comma 10, del Tuir

Continua

Costi indeducibili Black-list e DTA (prima parte)

Le convenzioni contro le doppie imposizioni fiscali e la struttura delle fonti nel diritto italiano

Continua