Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Come aprire un bar - Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

I bar rientrano per legge negli “esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande” e sono definiti come “locali di vendita per il consumo sul posto”. Aprirne uno può sembrare semplice, soprattutto dopo l’abolizione delle licenze, così come erano intese anni fa, che ne regolamentavano la libera concorrenza. Eppure, i requisiti da rispettare e gli adempimenti da assolvere sono comunque diversi e il muoversi tra le maglie della burocrazia può risultare complesso. 

 

Burocrazia a parte, però, la considerazione iniziale e originaria da farsi è quella sulla effettiva convenienza ad aprire un bar tenuto conto dell’ubicazione del locale: occorre preventivare e confrontare, cioè, l’ammontare dell’investimento iniziale (generalmente sui 70/150 mila euro a seconda della tipologia del locale) con la capacità reddituale dell’attività legata proprio al suo posizionamento commerciale e territoriale. E’ una scelta oculata di costo-opportunità da non sottovalutare poiché è alla base di ciò che potrebbe rivelarsi un successo o un fallimento. Fatta tale importante premessa, vediamo da un punto di vista strettamente burocratico quali sono i passi da compiere. 

 

Si è già citata, innanzitutto, l’abolizione delle restrizioni dettate dai Comuni al rilascio delle licenze legate al contingentamento numerico, legate cioè al numero di bar presenti sul territorio e alla distanza minima tra le attività. Oggi, è possibile aprire un bar anche a breve distanza l’uno dall’altro e senza limitazioni di numero. Unica eccezione è il centro storico o i punti di particolare interesse artistico, dove i Comuni (soprattutto le città d’arte) possono ancora imporre vincoli e divieti. La svolta liberalizzatrice del Decreto Bersani 223/2006 (convertito con Legge 248/2006), non ha tuttavia eliminato tutti i vincoli. 

 

Perché si possa aprire un bar è necessario rispettare alcune condizioni urbanistiche ed edilizie e alcuni requisiti professionali e formativi

Tra questi ultimi ci sono: 

- ottenimento di un diploma presso una scuola alberghiera o un corso professionale riconosciuto 

- certificato di frequenza a un corso SAB (Somministrazione Alimenti e Bevande) o PIA (nel Lazio, Percorsi Integrati Assistiti) 

- certificato di partecipazione a un corso HACCP 

- aver esercitato in proprio, per almeno due anni nell’ultimo quinquennio, un’attività di vendita di prodotti alimentari oppure aver lavorato come addetti alla somministrazioni o alla vendita, sempre per almeno due anni nell’ultimo quinquennio, presso un’impresa del settore alimentare. 

 

I requisiti urbanistici ed edilizi variano da Regione a Regione e, spesso, anche da Comune a Comune. In linea generale, il locale che si vuole adibire a bar deve: 

- avere una destinazione d’uso commerciale o una destinazione che possa trasformarsi in commerciale 

- rispettare i vincoli paesaggistici e storici comunali: nel centro storico o in punti di rilievo paesaggistico, come si è già scritto, il Comune può negare il permesso 

- rispettare alcuni requisiti urbanistici in base alla metratura (parcheggi, presenza di mezzi pubblici…) 

- ottemperare alle norme sulla sicurezza sul lavoro (uscite di sicurezza, presenza di vetrate, rapporto equo tra area di somministrazione e area di preparazione…). 

- essere adeguatamente isolato acusticamente nel caso si voglia diffondere la musica; occorre, in tale ipotesi, un documento di idoneità 

 

Una volta rispettate tutte le condizioni urbanistiche ed edilizie e tutti i requisiti professionali, si dovrà ottemperare a diversi adempimenti, tra cui la presentazione della Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) al Comune di competenza. E’ un modello reperibile al Suap (Sportello Unico per le Attività Produttive) oppure online nel sito del Comune interessato. Dopo 30 giorni dalla presentazione della Scia è possibile aprire le porte del bar. 

E’ necessario sapere che se si vogliono vendere alcolici e superalcolici all’interno del bar, sarà necessario richiedere anche una licenza specifica all’Agenzia delle Dogane

 

L’iter burocratico non si è esaurito in quanto, trattandosi di un esercizio di somministrazioni di alimenti, è anche necessario ottenere dall’Asl di competenza una Notifica sanitaria: è un codice che l’Azienda Sanitaria Locale rilascia dopo il via libera da parte del Comune.  

 

La forma societaria più conveniente va vagliata caso per caso anche perché quella che di primo acchito potrebbe sembrare più conveniente in sede di avviamento, potrebbe invece nascondere risvolti fiscali più onerosi. 

Come è evidente, aprire un bar è tutt’altro che semplice. Per ulteriori informazioni il nostro studio è a vostra disposizione.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare?

Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

Continua

Incentivi alle imprese con le assunzioni agevolate

Ecco quali sono i bonus destinati alle aziende che assumono giovani disoccupati, stagisti e tirocinanti

Continua

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua