Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Confusione Tasi - Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Si discute tanto di semplificazione, ma pare che le nostre istituzioni facciano fatica a concretizzarla. Ultimo lampante esempio di mancata chiarezza e linearità di direttive è l’ormai famigerata Tasi, la tassa sui servizi indivisibili, necessaria ai Comuni per poter affrontare le spese correnti legate ai servizi di utilità pubblica come l’arredo urbano, l’illuminazione o la manutenzione stradale. 

 

Chiaro, verrebbe da dire, se non fosse che la sua introduzione è stata accompagnata da ritardi, dubbi e confusione. Il risultato è che molti cittadini, dopo la prima tornata di giugno, sono ancora alle prese con delibere, aliquote, rendite, informazioni e scadenze da capire. E i professionisti, commercialisti in prima linea, hanno dovuto rincorrere le informazioni su scadenze, proroghe e delibere, a discapito della primaria essenza della professione, ovvero la consulenza. 

 

Se, dunque, il buon giorno si vede dal mattino, l’introduzione della Tasi ha subito mostrato alcune turbolenze. Basti pensare che soltanto 2.163 Comuni italiani, sugli oltre 8000 totali, hanno deliberato le aliquote e le detrazioni per tempo (la scadenza fissata per la pubblicazione delle delibere era il 23 maggio). Per tutti, infatti, la tassa doveva essere versata in due rate: l’acconto il 16 giugno e il saldo il 16 dicembre, in concomitanza con le scadenze IMU. Ciò non è stato possibile, proprio perché la maggioranza degli enti locali non si è messa in regola per tempo. Il risultato è stato, solo per i Comuni inadempienti, uno slittamento obbligato inizialmente previsto per settembre, poi per ottobre. Oltre a creare un primo motivo di caos tra i contribuenti divisi tra chi doveva pagare l’acconto a giugno e chi doveva attendere la fine dell’estate, si sono levate in coro le proteste delle associazioni degli imprenditori e dei consumatori che hanno lamentato la discriminazione dei contribuenti chiamati a pagare anticipatamente, il 16 giugno. 

 

L’estate, probabilmente, ha portato consiglio e quasi la totalità dei Comuni ritardatari hanno deliberato entro la scadenza fissata per il 10 settembre. Sono circa 600 i Comuni che sono ancora senza delibera: i loro concittadini, almeno, potranno avere tre certezze: la prima è che pagheranno l’intera tassa il 16 dicembre; la seconda è che l’aliquota applicata è quella standard dell’1 per mille senza il rischio che venga applicata l’addizionale dello 0,8 per mille; la terza, è che, però, non avranno la possibilità di usufruire di detrazioni. 

 

Tutti gli altri contribuenti, invece, dovranno avere a che fare con le delibere locali. Considerando che ogni Comune ha pubblicato le sue e considerando che i Comuni italiani sono oltre 8 mila, è facile intuire la mole della parcellizzazione tributaria, per non parlare della moltiplicazione dei costi in termini di tempo e denaro. Non solo: ogni Comune, poi, ha scelto diverse tipologie di aliquote e detrazioni, in base al tipo di contribuente (proprietario o inquilino, prima casa o seconda casa…) generando una complessità difficilmente dipanabile dal cittadino. Sia da esempio il Comune di Milano, con la sua delibera di ben 63 pagine… 

 

Un capitolo a parte, poi, lo merita la Tasi destinata agli inquilini. Intanto, è la prima volta che un affittuario deve sostenere una tassa sulla proprietà (non era mai successo prima di oggi dato che l’affittuario non può vantare alcun diritto reale sugli immobili). Inoltre, ogni Comune ha avuto la facoltà di applicare una quota percentuale a carico dell’inquilino compresa nel range tra il 10 e il 30%, così come previsto dal comma 681 dell’art. 1 della Legge di Stabilità. Anche su questo fronte, però, ci sono stati dei dubbi sull’applicazione. Qualche Comune, ad esempio, ha applicato un’aliquota nulla sulle case affittate, generando, dunque, una Tasi azzerata per il proprietario. E l’inquilino come deve comportarsi, dato che il succitato articolo prevede il pagamento di una quota tra il 10 e il 30%? Dopo le prime interrogazioni, sono arrivate le spiegazioni: anche per l’inquilino, in questi casi, la Tasi è nulla dato che una cifra pari a zero moltiplicata per una qualsiasi percentuale (ad esempio il 30%), genera comunque una cifra nulla. 

 

In conclusione: tra nove giorni scadrà il termine ultimo per pagare l’acconto della Tasi e, allora, tutti i nodi verranno al pettine. Si capirà quanto i cittadini siano stati informati o abbiano capito se, cosa e quanto pagare. Anche perché, a voler essere maliziosi fino in fondo, i mancati pagamenti genererebbe ulteriori maggiori introiti nelle casse comunali: la sanzione per ritardati o mancati pagamenti è pari al 30% dell’importo della Tasi dovuta più gli ulteriori interessi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il risparmio fiscale è possibile?

Si può risparmiare almeno il 35% se si sfruttano tutte le opportunità fornite dalla normativa fiscale

Continua

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare?

Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

Continua

Incentivi alle imprese con le assunzioni agevolate

Ecco quali sono i bonus destinati alle aziende che assumono giovani disoccupati, stagisti e tirocinanti

Continua

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua