Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La Responsabilità Sociale negli appalti pubblici

Oggi la responsabilità sociale delle imprese diventa sempre più un elemento importante per garantire prodotti e servizi "sostenibili" dal mercato e dalla collettività...

La Responsabilità Sociale negli appalti pubblici - Oggi la responsabilità sociale delle imprese diventa sempre più un elemento importante per garantire prodotti e servizi "sostenibili" dal mercato e dalla collettività...

...ma negli appalti di opere pubbliche come si può declinare questo aspetto su opere di così elevato impatto sulla collettività come ad esempio opere infrastrutturali quali strade, ponti, ferrovie? 

Premesso che la legislazione al riguardo - ovvero il codice degli appalti (D.lgs 163/2006) ed il regolamento attuativo DPR 207/2010 - prevede che per le opere da realizzare sia valutato l'impatto territoriale, sociale ed ambientale già nella progettazione preliminare e che durante l'iter progettuale siano sviluppati appositi documenti sull'impatto ambientale delle opere (Valutazione di Impatto Ambientale), si sottolinea che numerosi capitolati per l'affidamento degli incarichi di verifica del progetto di opere pubbliche (secondo l'art. 112 del D.Lgs 163/2006) indicano elementi riconducibili alla responsabilità sociale. Riportiamo, ad esempio, un estratto di capitolato prestazionale di una gara per la verifica di un progetto predisposto da un Ente Pubblico.  

«Il controllo del progetto deve essere svolta tenendo presenti le seguenti finalità: 

 accertamento della qualità concettuale, sociale, ecologica, ambientale ed economica della soluzione; 

 prescelta e la sua conformità alle specifiche disposizioni funzionali, prestazionali e tecniche contenute nel Progetto Preliminare dell'Intervento; 

 fattibilità tecnica dell'Intervento, intesa come assenza di errori od omissioni che possano pregiudicare, in tutto o in parte, la realizzazione delle opere o il loro utilizzo; 

 rispetto della normativa di legge e regolamentare; 

 attendibilità delle programmazione temporale di realizzazione in coerenza alle esigenze specifiche dell'Intervento in oggetto e alla programmazione degli interventi limitrofi previsti nell'area; 

 coerenza e completezza del quadro economico in tutti i suoi aspetti; 

 minimizzazione del rischio di introduzione di varianti e di richieste di riserve dovute a progettazione non esaustiva o incompleta; 

 immediata appaltabilità del progetto; 

 presupposti per la durabilità e di manutenibilità delle opere nel tempo; 

 garanzia della sicurezza delle maestranze nel corso dei lavori di realizzazione e degli utilizzatori finali durante l'esercizio. » 

Sicuramente occorre capire cosa si intenda per "qualità sociale, ecologica, ambientale ed economica della soluzione", in ogni caso si percepisce l'intendimento della Pubblica Amministrazione di concepire opere che abbiano un giusto equilibrio fra gli obiettivi che ci si è proposto di perseguire con la loro realizzazione, i relativi costi e gli impatti, sia positivi, sia eventualmente negativi sulla collettività e sull'ambiente che ci circonda. 

Oltre a questo anche altri punti sopra elencati (derivanti dall'art. 42 del DPR 207/2010) si pongono come obiettivo della verifica della progettazione (e quindi come requisiti del progetto) la durata delle opere nel tempo, la loro manutenibilità, la sicurezza delle persone che le realizzeranno, il rispetto dei programmi temporali dei lavori, anche dovuti a varianti non richieste. 

Ovviamente se un'opera - pensiamo ad esempio ad una strada, un ponte, una ferrovia - serve a migliorare la vita delle persone che appartengono ad una comunità, è anche vero che durante la sua realizzazione ci sono spesso dei disagi per molti e sarebbe opportuno ridurre tali disagi al minor tempo possibile; così come quanto più l'opera dura nel tempo e necessita di manutenzioni poco invasive, tanto meglio è per la collettività. 

Ma quali sono gli stakeholder nell'intero processo di realizzazione di un'opera pubblica? Quali sono i loro interessi? Quali sono gli impatti sulla società/collettività che derivano da decisioni ed azioni degli stakeholder? 

I soggetti coinvolti nella realizzazione di un'opera pubblica sono evidentemente numerosi: oltre all'Ente Pubblico - che determina la realizzazione dell'opera secondo i requisiti di legge sopra citati attraverso la redazione di un Documento Preliminare alla Progettazione (DPP) - vi sono i progettisti, l'organismo di ispezione a cui è affidata la verifica del progetto ai fini della sua validazione (in capo al Responsabile del Procedimento), l'impresa appaltatrice a cui vengono affidati i lavori di esecuzione dell'opera con tutti i suoi fornitori/subappaltatori, il direttore dei lavori, il collaudatore ed infine gli utenti che usufruiranno dell'opera (automobilisti e pedoni che percorrono una strada, dipendenti che lavorano in un ufficio pubblico ed eventuali cittadini che vi accedono per usufruire di servizi, ecc.). Tutti questi soggetti hanno degli interessi (prevalentemente economici) nella realizzazione dell'opera e quasi tutti - a parte l'Ente promotore dell'intervento e gli utenti - traggono vantaggi da un importo dei lavori superiore rispetto ad un importo inferiore. Naturalmente l'Ente (e la collettività che gli paga le tasse) ha l'interesse che il budget di spesa venga rispettato e che i soldi vengano spesi bene, ovvero che non vi siano sprechi dovuti ad inefficienze del processo ed impiego di prodotti di qualità scarsa.  

Tutto ciò rappresenta il ciclo virtuoso previsto dal legislatore, ma la realtà è spesso un'altra.  

La gestione delle gare di appalto per la progettazione, per la verifica del progetto e per l'affidamento dei lavori spesso riduce alcune spese, ma ne incrementa altre e, soprattutto, aumenta gli impatti negativi sulla collettività in termini di opere mal realizzate (talvolta perché mal progettate), ritardi nel completamento dei lavori, durata delle opere inferiore al previsto, manutenzioni più costose e più invasive del previsto, ecc.. Per non parlare poi del tempo perso dagli automobilisti in coda durante l'esecuzione di lavori di realizzazione di una strada o per la sua manutenzione a causa delle deviazioni del traffico. Dunque la "qualità sociale" viene calpestata dagli interessi di parte. Sicuramente i bandi di gara al massimo ribasso non agevolano il perseguimento degli obiettivi di qualità, anche sociale, di tempi e di costi delle opere. 

Infatti per aggiudicarsi un appalto per la progettazione, per la verifica del progetto o per l'esecuzione dei lavori i partecipanti alla gara sono spesso costretti a sconti eccessivi che portano ad una serie di conseguenze negative in termini di responsabilità sociale. I professionisti incaricati della progettazione e della relativa verifica saranno pagati peggio e quindi dedicheranno meno tempo alle loro attività intellettuali, si favorirà il lavoro precario e l'ingaggio di personale con meno esperienza, meno motivato, disposto a guadagnare meno pur di lavorare. Se i professionisti dedicheranno meno tempo all'attività loro assegnata e se saranno meno competenti in quanto meno esperti inevitabilmente i requisiti stabiliti per l'opera potranno essere disattesi. Oltretutto nella maggior parte dei casi l'Ente Pubblico non definisce il DPP, dunque non stabilisce in modo chiaro quali sono i suoi desiderata per l'opera in appalto e ciò permette maggiori gradi di libertà - al risparmio - in fase di progettazione e relativa verifica (se non hai stabilito requisiti di dettaglio molte soluzioni vanno bene comunque). 

Passando alla fase realizzativa, la gara di appalto al massimo ribasso porta sempre le imprese a fare sconti stratosferici, quindi favorendo situazioni di mancato rispetto dei diritti di tutela dei lavoratori (sicurezza, lavoro nero, precariato,...) e induce al subappalto della maggior parte delle lavorazioni, riducendo anche - per motivi di costi - l'impegno per il coordinamento dei numerosi subappaltatori, il tutto a discapito della qualità dell'opera. Anche le lavorazioni dureranno di più a causa della gestione al risparmio della manodopera e le opere procederanno "a singhiozzo" in base alla disponibilità del personale della ditta subappaltatrice. Infine i materiali acquistati: impresa e subappaltatori saranno "costretti" a risparmiare il più possibile, preferendo fornitori che offrono i materiali a prezzo più basso, ma che spesso non garantiscono i medesimi requisiti qualitativi, talvolta sfociando nella vera e propria truffa (materiali non conformi alle caratteristiche previste e di qualità inferiore, marcature CE fasulle, materiali radioattivi, ecc.). In tal modo i materiali saranno più facilmente prodotti in Paesi ove i diritti dei lavoratori non sono rispettati, il trasporto sarà più lungo con conseguente maggiore impatto ambientale negativo. 

Evidentemente i costi "sociali" della realizzazione di un'opera non vengono calcolati (tempo perso dagli automobilisti, maggiore inquinamento, danni arrecati da lavorazioni mal eseguiti o causate dall'utilizzo di materiali difettosi, ecc.) altrimenti si conoscerebbero i costi reali, compresi quelli occulti, di realizzazione delle opere che sono a carico della collettività che paga le tasse. 

In conclusione Qualità delle opere, in termini di soddisfacimento dei requisiti stabiliti fin dalle fasi di concepimento delle stesse, significa anche impatto sociale positivo e, dunque, qualità sociale, ecologica, ambientale ed anche economica. È infatti evidente che solo remunerando equamente tutti i soggetti coinvolti (non solo alcuni) nel processo di realizzazione dell'opera e controllando assiduamente ogni fase del processo è possibile garantire il rispetto degli interessi della collettività, che è poi la finalità principale per la quale si realizzano opere pubbliche.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Cloud computing e PMI

Il Cloud computing, se usato con moderazione e giudizio può essere veramente utile alla piccola e media impresa, ma le micro-imprese devono essere guidate all'approccio più corretto.

Continua

Il Regolamento di attuazione degli appalti pubblici

Il nuovo regolamento di attuazione ed esecuzione del D.Lgs 196/2006 – emanato come DPR 207/2010 - Regolamento di esecuzione e attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presenta alcune interessanti novità per i progetti di opere pubb

Continua

Il costo "vero" del prodotto

In questi tempi di cristi o di lenta ripresa è molto importante riuscire a valutare nel modo corretto il costo reale del prodotto, soprattutto per la piccola e media impresa (PMI) manifatturiera.

Continua