Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

I contributi silenti

Quando l'INPS prende e non restituisce

I contributi silenti - Quando l'INPS prende e  non restituisce

I contributi silenti sono fondi che l'Inps incamera per legge, senza dare indietro alcunché. Si calcola che  i lavoratori che hanno versato inutilmente siano diversi milioni e se l'INPS dovesse restituire quanto da loro versato probabilmente  rischierebbe la bancarotta.
 
Ma cosa sono i contributi silenti? Sono contributi versati da coloro che non hanno raggiunto i limiti previsti dalla legge e che pertanto non possono ottenere una rendita pensionistica. Quindi si trovano nella condizione di aver regalato allo Stato tutta la contribuzione versata.
I lavoratori che si trovano nel sistema misto e che hanno un requisito contributivo minimo di 20 anni possono andare in pensione a 66 anni e 7 mesi,  ma se hanno versato per un periodo inferiore restano a bocca asciutta a meno che non colmano il gap con versamenti volontari.  
Se ci sono carriere lavorative miste si possono sommare i periodi assicurativi, per cui non serve  che i contributi siano maturati per 20 anni tutti in una sola gestione previdenziale.  Tale possibilità può essere utilizzata, dal 2017, anche per valorizzare i contributi versati presso le casse professionali.
I lavoratori che hanno raggiunto i 15 anni di contributi entro il 1992 possono andare in pensione a 66 anni e 7 mesi unitamente ad un requisito contributivo di 15 anni anzichè 20 anni. 

L'unico modo per recuperare il versato è quello di procedere a versamenti volontari: così facendo si potrà  raggiungere il requisito minimo richiesto per la pensione di vecchiaia. Si tratta di una soluzione costosa e, quindi, non accessibile a tutti. Inoltre è onerosa in quanto i versamenti dipendono dall'ultima retribuzione percepita  durante il  rapporto di lavoro per cui il costo  è tanto più elevato quanto maggiore sarà stato  lo stipendio prima della perdita di lavoro.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Dott.ssa Linda Caroli Consulente Finanziario - Roma (RM)

DOTT.SSA LINDA CAROLI CONSULENTE FINANZIARIO

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIA CRESCENZIO 86/A

00193 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'esigenza previdenziale

La mutata gestione della ricchezza e le riforme pensionistiche

Continua

L'Anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Il grande occhio del Fisco

Continua

La forza dei Piani Individuali di Risparmio

La forza dei PIR e la debolezza del mercato delle PMI

Continua

Tutta colpa del VIX?

La miccia che ha fatto esplodere le turbolenze sui mercati

Continua

Il nuovo EURIBOR

Quale impatto per i mutui a tasso variabile?

Continua

Conto corrente quanto mi costi?

Siamo sicuri che venga premiata la fedeltà del cliente?

Continua

TFR in azienda: conviene?

Perchè accantonare nel fondo pensione anzichè in azienda

Continua

Il Bitcoin e il suo valore: la Blockchain

Il futuro del mercato dietro il Bitcoin

Continua

Più consulenti, meno impiegati bancari

La trasformazione in atto nel sistema distributivo bancario italiano

Continua

PSD2: rischio o opportunità per le banche?

Dall'Home-Banking all'Open-Banking

Continua

Il debito mondiale. Un debito "Monstre"

Siamo sommersi da un mare di debiti: 233 mila miliardi di dollari

Continua

Il contante? Questo sconosciuto, almeno in Cina

Analisi di un fenomeno che cambierà le abitudini di tutti, nessuno escluso

Continua

Banche e fintech

Una sfida destinata a lasciare molte vittime sul campo

Continua

La pianificazione patrimoniale

La strada che ogni imprenditore deve seguire se ha a cuore la sua azienda

Continua

Previdenza integrativa

Il miglior prodotto finanziario che esista

Continua

PIR - Piani Individuali di Risparmio

Un nuovo modo di investire nell'economia reale. Ora si può

Continua

Tasse di successione

Un'incognita per il futuro. Come affrontarla?

Continua