Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Privati: come difendersi da usura e anatocismo - La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Conti correnti e mutui sono i pressoché unici servizi richiesti dai privati cittadini alle banche finalizzati alla gestione delle finanze personali, nel primo caso, e al finanziamento, nel secondo. Sono servizi ampiamenti diffusi e regolati da apposite norme e regolamenti.    

 

In particolare, il conto corrente è definito dall’art. 1823 del Codice Civile come un “contratto col quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse, considerandoli inesigibili e indisponibili fino alla chiusura del conto”, mentre il mutuo è descritto dall’art. 1813 del Codice Civile come un “contratto col quale una parte consegna all'altra una determinata quantità di danaro o di altre cose fungibili, e l'altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità”. 

 

Molto frequentemente, purtroppo, tali contratti sono viziati dalle cosiddette anomalie bancarie o finanziarie, ovvero l’usura e l’anatocismo applicate dagli istituti di credito a danno del privato cliente che, ignaro, si ritrova a versare a titolo di interesse più di quanto realmente dovuto. 

 

Il risultato di entrambe le anomalie è sempre lo stesso, cioè il maggior esborso finanziario del cittadino, ma il meccanismo è differente. L’usura consiste nell’applicazione di tassi di interesse che superano la soglia massima consentita per legge, mentre l’anatocismo è la capitalizzazione degli interessi in forma composta e non semplice, ovvero il calcolo degli interessi passivi non soltanto sul capitale finanziato, ma sul montante composto dal capitale finanziato più gli interessi passivi già maturati. Si tratta, in sostanza, di un pratica che consiste nel calcolare gli interessi sugli interessi, un circolo vizioso che grava pesantemente e illecitamente sulle finanze del privato. 

 

Un’ulteriore differenza tra usura e anatocismo è rappresentata dal diverso carattere di illiceità tra le due pratiche. L’usura è un reato penale, introdotto nell’articolo 644 del Codice Penale e ridisegnato in chiave contemporanea e oggettiva dalla Legge 108/96. Le sanzioni a carico di chi applica gli interessi usurai sono la reclusione da due a dieci anni e una multa compresa tra i 5.000 e i 30.000 euro. Le pene, tra l’altro, possono essere aumentate da un terzo alla metà nei casi specifici elencati dallo stesso art. 644 del Codice Penale. 

 

L’anatocismo, invece, è una pratica che, entro determinate condizioni, è permessa dalla legge. Nel caso di mancato rispetto normativo si sfocia in un illecito civile, ma mai in illecito penale. Purtroppo, solo dopo appena sei mesi dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2014, che aveva vietato alle banche il ricorso all’anatocismo, tale pratica è stata riammessa con l’art. 31 del D.L. 91/2014 che recita, al secondo comma: “Fino all'entrata in vigore della delibera del CICR prevista dal comma 2 dell'articolo 120 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, continua ad applicarsi la delibera del CICR del 9 febbraio 2000, recante "Modalità e criteri per la produzione di interessi sugli interessi scaduti nelle   operazioni poste in essere nell'esercizio dell’attività bancaria e finanziaria”. 

 

Nonostante i paletti della normativa, anche l’anatocismo, così come l’usura, viene praticato in maniera illecita dagli istituti di credito. Basti pensare che soltanto l’usura è praticata sulla maggior parte dei mutui stipulati negli ultimi 5/6 anni. 

 

Il cittadino come fa a difendersi allora? Scovare le pratiche illecite di anatocismo e di usura è possibile attraverso un’analisi puntuale dei documenti bancari al fine di poter richiedere il rimborso delle somme ingiustamente versate alla banca. Sono numerose, infatti, le cause intentate dai privati contro gli istituti di credito per ottenere un equo risarcimento. 

 

I documenti e gli elementi da mettere sotto la lente di ingrandimento per controllare la regolarità della tenuta dei conti correnti e dei mutui sono, tra gli altri, gli scalari trimestrali, i tassi di interessi debitori applicati, la durata del conto corrente, i saldi annuali e gli estratti conto trimestrali…tutte informazioni facilmente reperibili. Effettuata un’indagine contabile sulla documentazione bancaria è possibile sapere con certezza se è stato compiuto un illecito e, in caso affermativo, quanto è stato ingiustamente sottratto. 

 

Il nostro studio offre la possibilità di ottenere una pre-analisi, totalmente gratuita, su eventuali anomalie bancarie. Per ulteriori chiarimenti, non esitate a contattarci.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua