Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Tutela della maternità

La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Tutela della maternità - La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Le donne lavoratrici in gravidanza, qualora siano dipendenti, sia del settore privato che di quello pubblico, hanno diritto ad un periodo di astensione obbligatoria per maternità, ovvero un periodo retribuito di assenza dal lavoro, della durata di 5 mesi, più altri periodi facoltativi.

Astensione obbligatoria
L’astensione obbligatoria riguarda il periodo che intercorre tra i due mesi antecedenti al parto ed i tre mesi successivi. Tale diritto della madre costituisce un obbligo, per i datori di lavoro, sia privati che pubblici.
In alternativa, l'astensione dal lavoro può essere attuata, a scelta dell'interessata, per 1 mese prima del parto e i 4 successivi.
Occorre una "certificazione di flessibilità al congedo di maternità", attestante che tale scelta non pregiudica la salute della gestante e del bambino, rilasciata da un ginecologo del SSN sia da un medico competente per la salute nei luoghi di lavoro.

Prima dell’inizio dell’astensione obbligatoria, la lavoratrice deve presentare al datore di lavoro e all’INPS 2 documenti: la domanda di corresponsione dell’indennità di maternità, precisando la data di inizio dell’astensione obbligatoria e il certificato medico di gravidanza.
È possibile richiedere alla Direzione provinciale del lavoro l’astensione anticipata dal lavoro fin dall’inizio della gestazione, in caso di: gravi complicazioni della gestazione o condizioni di lavoro o ambientali pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino.

Licenziamento
La lavoratrice madre non può essere licenziata dall’inizio del periodo di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino.Il divieto opera anche nel caso in cui il datore di lavoro non conoscesse lo stato di gravidanza della lavoratrice al momento del licenziamento.
Trattasi di licenziamento nullo con diritto alla reintegra a prescindere dalle dimensioni aziendali.
Il divieto di licenziamento si estende anche ai casi di adozione e di affidamento, operando fino ad un anno dall’ingresso del minore in famiglia.
Il divieto di licenziamento gode di alcune eccezioni:
· colpa grave della lavoratrice, considerata giusta causa per la risoluzione del rapporto di lavoro;
· scadenza dei termini nei contratti a tempo determinato;
· cessazione attività aziendale
· esito negativo del periodo di prova.

Dimissioni
La lavoratrice ha diritto a percepire l’indennità di maternità anche se si dimette nel periodo che va dall’inizio della gestazione fino al compimento di un anno di vita del bambino.
Le dimissioni vanno comunicate per la loro convalida alla Direzione Provinciale del Lavoro competente per territorio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti

Con il Jobs Act il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

Continua

JOBS ACT, le nuove assunzioni

Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

Continua

Jobs act: le novità

Con il Jobs act viene mutata la normativa lavoristica semplificando la costituzione del rapporto di lavoro

Continua

Associazione in partecipazione

Contratto associativo con il quale si ricompensa una attività lavorativa con gli utili che possono derivare dalla partecipazione in associazione

Continua

Licenziamento disciplinare

La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

Continua

Contratto a termine, nuova formulazione

Il contratto a termine, recentemente, ha subito diverse modifiche. La più rilevante è data dalla possibilità di stipulare contratti privi di causa

Continua

Appalto e interposizione fittizia di manodopera

A quali condizioni può intendersi genuino un appalto con utilizzo di manodopera da parte del committente. Conseguenze e sanzioni per appalto illecito

Continua

Mobbing e dequalificazione

Svuotamento delle mansioni e configurazione del Mobbing

Continua

Obblighi del committente - Decreto Fare

Responsabilità del committente nei confronti del personale dipendente da altre aziende

Continua

Licenziamento e periodo di comporto

Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Continua