Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Geometri

Cambio di destinazione d'uso di un fabbricato

Semplificazioni per l’edilizia privata nel decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133

Cambio di destinazione d'uso di un fabbricato - Semplificazioni per l’edilizia privata nel decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133

Il cambio di destinazione d'uso si concretizza attraverso un diverso utilizzo di un fabbricato o una porzione di esso, secondo le disposizioni impartite dal decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, il c.d. Testo Unico Edilizia.  ll cambio destinazione uso originario di un fabbricato o parte di esso, richiede procedure autorizzative differenti a seconda:
- che il mutamento comporti l’esecuzione di opere edilizie;
- che il mutamento non comporti l’esecuzione di opere edilizie;
- della zona territoriale omogena in cui avviene il mutamento. 

 

Con il decreto n.133/12/09/2014, l’articolo 23-ter del Testo Unico per l’edilizia ha considerato quattro classi specifiche: residenziale e turistico-ricettivo, direzionale-produttiva, commerciale, rurale. 

Il mutamento di destinazione d’uso può essere con o senza opere: nel primo caso si considera mutamento strutturale di destinazione d’uso. Questo sta a significare che il passaggio da destinazione residenziale a direzionale è mutamento di destinazione d’uso perché si passa da una categoria a una diversa, mentre il passaggio dalla destinazione direzionale a quella produttiva, oppure dalla turistica a residenziale, non è mutamento di destinazione d’uso rilevante ai fini della legislazione edilizia. 

 

Per quel che concerne l’identificazione delle categorie prevale la legge regionale: alcune regioni hanno già una regolamentazione normativa dei cambi d’uso con categorie diverse da quelle del decreto Sblocca Italia. Vi sono Regioni in cui la destinazione turistico-ricettiva è considerata a se stante e non associata alla destinazione residenziale oppure in cui la destinazione direzionale è autonoma rispetto alla destinazione produttiva. 

 

La rilevanza di un cambio di utilizzo come formale variazione delle destinazione d’uso implica dover ottenere permessi e pagare oneri, la non rilevanza sta a significare di regola meno casi in cui bisogna conseguire un titolo edilizio e meno spese per contributi di costruzione.
In alcune leggi regionali è previsto che sono onerosi i mutamenti delle destinazioni d’uso anche in assenza di lavori edilizi, solo nei casi in cui si verifica il passaggio dell’una o dell’altra delle categorie censite. L’onerosità è commisurata alla differenza tra gli oneri dovuti per la classe della nuova destinazione d’uso e quelli dovuti per la destinazione in atto con obbligo di versamento del conguaglio. 

 

L’art. 23 considera una norma di carattere generale, ovvero che il mutamento della destinazione d’uso all’interno della stessa categoria funzionale è sempre consentito: la legislazione regionale, comunque, potrebbe disporre diversamente e, nel caso specifico, la sua considerazione prevale sulla legge nazionale. Lo stesso concetto è per i piani regolatori e, in generale, per gli strumenti urbanistici regionali che posso vietare il cambio di destinazione d’uso anche all’interno della medesima categoria.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
2 Commenti

Giuseppina Lot

01/02/2015 18:40

Un'immobile adibito a ristorante, restaurato 15 anni fà, ha al 1° piano una zona acatastata come magazzino. Vorrei trasformare questa zona in sala da pranzo, come x il piano terra. Non sono previsti lavori di adeguamento, ne ampliamento ( Bagni e parcheggi ) sono proporzionati allo standard. Come devo procdere? La pregherei di rispondermi più velocemente possibile in quanto devo procedere ..Grazie per la sua risposta.

Rispondi

In risposta al commento di Giuseppina Lot

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Gianni Gatto

07/02/2015 13:38

Buon giorno
la mia perplessità è:
in un condominio con uso abitativo A/3 è possibile aprire al 2° piano un ufficio aperto al pubblico con solo la dichiarazione di cambio d'uso da abitativo a promiscuo?-
Cioè nel ns condominio di 12 unità abitative costruito negli anni 50 un condomino ha ricevuto in eredità un appartamento insieme al fratello può aprire uno studio di assicurazione dove ci sarà flusso di persone estranee per pagare le quietanze? Premetto che non c'è alcun regolamento condominiale.
La residenza e solo cartacea inquanto questa persona realmente non ci vive.
grazie

Rispondi

In risposta al commento di Gianni Gatto

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in
Geometri

Studio Tecnico Geom. Giuseppe Santoriello - Cava de` Tirreni (SA)

Studio Tecnico Geom. Giuseppe Santoriello

Geometri / Studio Tecnico

Viale Degli Aceri 18

84013 - Cava de` Tirreni (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

LE DONAZIONI

DONAZIONI DIRETTE E INDIRETTE

Continua

Posto auto condominiale

La delibera condominiale, secondo la cassazione, non vale per l'assegnazione esclusiva dei posti, ma occorre un atto notarile

Continua

Cosa si intende per originaria destinazione d'uso

Originaria destinazione d'uso di un locale

Continua

Regolarità catastale, analisi e domande

Che cos'è la regolarità catastale

Continua

Cos'è l'attestato di prestazione energetica

E` un documento che certifica il fabbisogno energetico di un edificio

Continua

Il frazionamento catastale

Quando e come si esegue il frazionamento di unità urbane e quello dei terreni?

Continua

La figura del preposto

Il preposto nella sorveglianza della tenuta dei ponteggi nei cantieri edili

Continua

Risparmio energetico

La comunicazione all'Enea va inoltrata entro 90 giorni dal collaudo

Continua

Che cos'è il certificato di agibilità

Certificato di agibilità, quando và richiesto?

Continua

Benefici prima casa

L`immobile in corso di costruzione rientra tra i requisiti per aver diritto alle agevolazioni fiscali

Continua

Prima casa e agevolazioni

Le agevolazioni per la prima casa quando si eredita

Continua

Permesso di costruire per la variazione dei volumi

E` necessario il permesso di costruire e non la sola Dia (oggi Scia) nel caso in cui si modifichi la volumetria di un edificio

Continua

Costruzione abusiva

Violazione delle distanze minime, ammissibile l`acquisto per usucapione

Continua

Sottotetto: abusi edilizi

Qual è la multa da pagare se si realizza un sottotetto più alto di quello regolarmente assentito

Continua

Demolizione parziale degli edifici abusivi

La demolizione parziale degli edifici abusivi deve essere fattibile

Continua

Realizzazione di un porticato

Permesso di costruire per la realizzazione di un porticato

Continua

La differenza tra compensato e MDF

Confronto tra due materiali di utilizzo comune, compensato e MDF

Continua

Requisiti minimi per abitazioni

Un locale deve rispondere a diversi requesiti minimi per essere giudicato abitabile

Continua

Che cos'è l’accertamento di conformità

E` possibile sanare gli abusi edilizi `formali`, ovvero le opere realizzate in assenza di permesso di costruire

Continua

Insegne ed impianti pubblicitari permanenti

Autorizzazioni per l`installazione di insegne ed impianti pubblicitari permanenti

Continua

Accorpamento unità immobiliari

Fusione immobiliare, che cos'è e come ottenerla

Continua

Quando si usa la CILA o la CIL in edilizia?

Comunicazione Inizio Lavori Asseverata e Comunicazione Inizio Lavori: come si usano e quando

Continua

Costruzione di una tettoia senza il Permesso di costruire

Costruire una tettoia senza permesso è un abuso edilizio

Continua

Furti in condominio

In caso di furto in un appartamento, se viene utilizzato il ponteggio posto sulla facciata, chi ne risponde?

Continua

Permesso di costruire per i gazebo

Occorre il permesso di costruire anche per i gazebo dei ristoranti sui marciapiedi nei centri storici

Continua

Aprire una attività commerciale

Documentazione e iter amministrativo per l'apertura di una nuova attività

Continua

Rideterminazione del valore di acquisto dei suoli

Riapertura dei termini per rideterminare il valore di acquisto dei terreni edificabili e con destinazione agricola delle partecipazioni non negoziate

Continua

Gli incentivi per ristrutturare casa

Per fruire della detrazione fiscale del 50% per i lavori di manutenzione straordianaria è necessario pagare con bonifico bancario o postale

Continua

Immobili di lusso

Quando un immobile è considerato di lusso non usufrisce delle agevolazioni per la prima casa

Continua

L'usucapione e i confini

Quando scatta l'usucapione e cosa determina

Continua

Le tabelle millesimali

Cosa sono le tabelle millesimali in un condominio.

Continua

La muffa: un fenomeno da evitare

Il fenomeno della muffa negli appartamenti durante l'inverno aumenta in modo esponenziale

Continua

Accatastamento dei fabbricati

Quali sono i documenti da presentare per accatastare un fabbricato? A chi si presentano?

Continua

Accatastamento degli impianti fotovoltaici

Ai fini catastali gli impianti fotovoltaici sono opifici

Continua

SCIA: segnalazione certificata di inizio attività

Che cos'è la segnalazione certificata di inizio attività edile, chi la fà, come si presenta

Continua

Comunicazione inizio lavori (C.I.L.)

Pratica per manutenzione straordinaria ed altri interventi

Continua

Sicurezza sui luoghi di lavoro

Obblighi del Datore di lavoro - adempimenti

Continua

Comunione dei beni acquistati durante il matrimonio

I beni acquistati durante il matrimonio, anche separatamente, da ciascuno dei coniugi ricadono nella comunione dei beni

Continua

Il tecnico e la sindrome dell'edificio malato

Dagli effetti sulla salute umana agli studi sulla qualità dell`aria degli ambienti interni

Continua

Condominio

Come suddividere gli oneri per i pluviali

Continua

Muri di confine

Costruzione in aderenza dell`art. 877 del c.c.

Continua