Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Infiltrazioni al garage. Chi paga le spese?

Ripartizione delle spese per la riparazione del soffitto del box garage e del pavimento del sovrastante cortile condominiale

Infiltrazioni al garage. Chi paga le spese? - Ripartizione delle spese per la riparazione del soffitto del box garage e del pavimento del sovrastante cortile condominiale

Il Caso: un sovrastante cortile adibito ad accesso pedonale dell’immobile condominiale presenta dei danni alla pavimentazione e alla guaina e ciò determina il danneggiamento per infiltrazioni nel piano interrato dell’edificio, nello specifico ad un box garage di proprietà esclusiva di un condomino il quale non utilizza l’accesso pedonale sovrastante. 

La giurisprudenza di legittimità tende a prediligere l’applicazione dell’art. 1125 c.c. a tale fattispecie. “Le spese per la manutenzione e ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto.” 

In altre parole, le spese di manutenzione/riparazione della pavimentazione dell’area condominiale sono a carico di tutti i condomini, escluso il proprietario dei locali sottostanti, mentre le spese di manutenzione/riparazione del soffitto dei locali sottostanti sono a carico del solo proprietario esclusivo, il quale non può pertanto chiedere il rimborso al condominio

“Nel caso in cui il solaio di copertura di autorimesse (o di altri locali interrati) in proprietà singola svolga anche la funzione di consentire l'accesso all'edificio condominiale, non si ha una utilizzazione particolare da parte di un condomino rispetto agli altri, ma una utilizzazione conforme alla destinazione tipica (anche se non esclusiva) di tale manufatto da parte di tutti i condomini. Ove, poi, il solaio funga da cortile e su di esso vengano consentiti il transito o la sosta degli autoveicoli, è evidente che a ciò è imputabile in maniera preponderante il degrado della pavimentazione, per cui sarebbe illogico accollare per un terzo le spese relative alle necessarie riparazioni, ai condomini dei locali sottostanti. Sussistono allora le condizioni per una applicazione analogica dell'art. 1125 c.c.., che stabilisce che le spese per la manutenzione e la ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute, in via generale, in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto: tale disposizione, infatti, accolla per intero le spese relative alla manutenzione di una parte di una struttura complessa (il pavimento del piano superiore) a chi con l'uso esclusivo della stessa determina la necessità di tale manutenzione, per cui sì può dire che costituisce una applicazione particolare del principio dettato dall'art. 1123, 2 comma, c.c.” (Cass. Civ. n. 15841 del 19.07.2011). 

Dovrà escludersi invece l’applicazione dell’art. 1126 c.c. il quale potrà invece trovare certa applicazione nel caso di condomino proprietario esclusivo del lastrico solare o che ne ha l’uso esclusivo. In questo caso infatti è ravvisabile l’uso particolare rispetto alla normale funzione di copertura che tale lastrico svolge, con conseguente più rapido degrado dello stesso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina - Latina (LT)

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina

Avvocati / Civile

Via Sisto V 19

04100 - Latina (LT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Impero Austro-Ungarico e cittadinanza italiana

I discendenti di persone nate nel territorio dell'Impero Austro-Ungarico hanno ancora possibilità di essere riconosciuti cittadini italiani?

Continua

Assicurazione obbligatoria avvocati

Le nuove disposizioni normative in tema di assicurazione professionale per gli avvocati

Continua

L'obbligo del preventivo scritto per l'avvocato

Il DDL concorrenza ha introdotto l'obbligo per l'avvocato di redigere sempre un preventivo di spesa scritto, anche se non richiesto dal cliente

Continua

Doppio cognome per i figli

Dal 2017 è possibile per i neogenitori scegliere di aggiungere al cognome paterno del proprio figlio anche quello materno

Continua

Fisco e canoni di locazione non percepiti

Se il conduttore non paga i canoni, il locatore è comunque obbligato a pagare le corrispondenti tasse?

Continua

Come ci si separa o si divorzia consensualmente?

La legge attualmente vigente mette a disposizione delle coppie che intendono separarsi o divorziare diverse procedure per raggiungere questi obiettivi

Continua

Prevenire è meglio che sfrattare

Le procedure di sfratto di conduttori morosi sono lunghe e farraginose. Per evitarle si può solo prevenire e minimizzare il rischio della morosità.

Continua

La ex moglie ha perso il diritto al mantenimento?

In caso di separazione o divorzio, se l’ex-coniuge è in grado effettivamente di lavorare, l’altro coniuge non dovrà più versare il mantenimento

Continua

La cittadinanza italiana per discendenza da donne

Il diritto alla cittadinanza deve essere riconosciuto anche a tutti i discendenti delle donne italiane nate prima del 1948 ed emigrate in altri paesi

Continua