Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Se non supera i 4 anni la pena va sempre sospesa

Per la Consulta l’ordine di esecuzione va sospeso anche se la pena superi i 3 anni e sia inferiore ai 4

Se non supera i 4 anni la pena va sempre sospesa - Per la Consulta l’ordine di esecuzione va sospeso anche se la pena superi i 3 anni e sia inferiore ai 4

Con la Sentenza 2 marzo 2018, n. 41 la Consulta ha stabilito che è possibile ottenere l'affidamento in prova ai servizi sociali qualora la pena da scontare, anche come residuo di maggior pena, non superi i 4 anni, mentre l'art. 656 del codice di rito prevede che solo nel caso in cui la pena da eseguire sia inferiore a tre anni il pubblico ministero emetta, contestualmente all'ordine di esecuzione, l'ordine di sospensione onde consentire al condannato di presentare istanza per accedere alle misure alternative alla detenzione. 

Il caso è quello di un soggetto condannato an una pena superiore a 3 anni ma inferiore a 4, e per il quale l’ordine di esecuzione emesso dalla Procura non era stato sospeso. Il condannato si è così rivolto al giudice competente per ottenere una dichiarazione di inefficacia del provvedimento, e che dunque ha sollevato questione di legittimità costituzionale in relazione agli artt. 3 e 27 Cost. in quanto l’omesso adeguamento del limite quantitativo di pena previsto dall'art. 656 comma 5 c.p.p. a quello indicato ai fini dell’affidamento in prova “allargato” (originato dalla legge svuota carceri) ha determinato un disallineamento sistematico, venendosi a creare discriminazione tra coloro che, dovendo espiare una pena detentiva non superiore a tre anni, usufruiscono della sospensione dell’ordine di esecuzione in vista dell’accesso all’affidamento in prova ordinario, e coloro che, destinati ad espiare una pena detentiva compresa tra tre anni e un giorno e quattro anni, non possono accedere all’istituto alternativo

La Corte Costituzionale ha così dichiarato l’art. 656, comma 5, cod. proc. pen. costituzionalmente illegittimo, nella parte in cui si prevede che il pubblico ministero sospenda l’esecuzione della pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non superiore a tre anni, anziché a quattro anni. 

La stessa Consulta ha infatti evidenziato infatti come la genesi e lo sviluppo dell’istituto delineato dall’art. 656, comma 5, cod. proc. pen. abbiano disvelato che “immanente al sistema, e tratto di imprescindibile coerenza intrinseca di esso”, sia sempre stato “un tendenziale parallelismo tra il limite di pena indicato dall'art. 656 ai fini della sospensione dell’ordine di esecuzione e il limite di pena previsto ai fini dell’accesso alla misura alternativa alla detenzione” tant'è che con con la legge 27 maggio 1998, n. 165, l’art. 656 cod. proc. pen. è stato modificato per introdurre l’automatica sospensione dell’esecuzione della pena detentiva, entro un limite pari a quello previsto per godere della misura alternativa, proprio con lo scopo di evitare che la carcerazione venisse temporaneamente disposta nei confronti di chi avrebbe poi potuto godere di una misura pensata per favorire la risocializzazione extramuraria; mentre, con successivi interventi normativi, si è provveduto a far corrispondere all’incremento della soglia di accesso alla misura alternativa una pari elevazione del limite stabilito ai fini della sospensione. 

Mancando di elevare il termine previsto per sospendere l’ordine di esecuzione della pena detentiva, così da renderlo corrispondente al termine di concessione dell’affidamento in prova allargato, il legislatore non è incorso in un mero difetto di coordinamento, ma ha leso l’art. 3 Cost. Si è infatti derogato al principio del parallelismo senza adeguata ragione giustificatrice, dando luogo a un trattamento normativo differenziato di situazioni da reputarsi uguali, quanto alla finalità intrinseca alla sospensione dell’ordine di esecuzione della pena detentiva e alle garanzie apprestate in ordine alle modalità di incisione della libertà personale del condannato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Massimo Titi - Roma (RM)

AVV. MASSIMO TITI

Avvocati / Penale

VIA VITTORIO ARMINJON 8

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Dolo eventuale e colpa cosciente

A distinguere le due tipologie di elemento soggettivo è il diverso atteggiamento mentale che il reo ha nei confronti della verificazione dell'evento

Continua

Costituzione di p. c. e sostituzione processuale

Il sostituto processuale può proporre costituzione di parte civile solo in caso di presenza della p.o. o rilascio procura ad hoc

Continua

La distrazione della p.o. non determina aggravante

In tema di furto la circostanza aggravante della destrezza non è configurabile quando l’agente approfitti della distrazione della persona offesa

Continua

Pregressi dissidi non integrano la premeditazione

Per i giudici di legittimità la premeditazione non può essere confusa con la semplice preordinazione di mezzi

Continua

Dolo eventuale incompatibile con il reato tentato

La S.C. ribadisce che l'elemento psicologico nella forma del dolo eventuale è incompatibile con il tentativo di omicidio

Continua

Concorso di persone o connivenza non punibile?

Il Tribunale di Roma ha ribadito che la mera consapevolezza della presenza dello stupefacente non è reato, ma semplice connivenza non punibile

Continua

Nessuna misura se mancano concretezza e attualità

La S.C. conferma il principio secondo cui il pericolo di reiterazione deve essere concreto e attuale per legittimare l'adozione della misura cautelare

Continua

La sola ubriachezza in servizio non è reato

Secondo il Tribunale Militare di Roma non è sufficiente provare il solo stato di ubriachezza per configurare il reato ex art. 47 n. 2 e 139 co. 2 cpmp

Continua

Accesso abusivo nel profilo FB dell'ex: è stalking

Secondo gli Ermellini anche i reiterati accessi nel profilo FB altrui contribuiscono ad integrare le condotte previste dall'art. 612 bis c.p.

Continua