Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Prescrizione nella responsabilità medica

Il diritto al risarcimento danni da responsabilità medica è soggetto a prescrizione quinquennale (contrattuale) o decennale (extracontrattuale)

Prescrizione nella responsabilità medica - Il diritto al risarcimento danni da responsabilità medica  è soggetto a prescrizione quinquennale (contrattuale) o decennale (extracontrattuale)

Il diritto di richiedere il risarcimento dei danni da responsabilità medica si estingue se il titolare non lo esercita entro un determinato tempo previsto dalla legge.
L’azione, che può essere esercitata per ottenere il risarcimento del danno invocando la responsabilità contrattuale, è soggetta alla prescrizione ordinaria decennale ex art. 2946 c.c. 

 

Quella esercitata per ottenere il risarcimento a seguito di responsabilità extracontrattuale è sottoposta, a norma di quanto previsto dall’art. 2947 c.c., ad un termine più breve di regola quinquennale.
I più recenti orientamenti giurisprudenziale e dottrinari tendono a considerare la responsabilità medica sempre sotto il profilo contrattuale e, quindi, con prescrizione decennale. 

 

La prescrizione del diritto al risarcimento, pertanto, sarà decennale sia in presenza di un vero e proprio contratto tra paziente e medico o struttura privata di riferimento per un eventuale intervento chirurgico, sia quando si un configuri un cd. “contatto sociale” che si instaura, ad esempio, tra il paziente e la struttura pubblica.
Il termine prescrizionale decorre, ai sensi dell’art. 2935 codice civile, dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere e, quindi, dal momento in cui si configuri l’evento dannoso o lo stesso si evidenzi come tale.
Nell’ambito della responsabilità medica, in particolare, il computo del termine di prescrizione deve avere inizio dal giorno in cui si sia verificata la lesione (intervento chirurgico errato, diagnosi sbagliata ecc...) oppure, nel caso in cui il paziente non si accorga immediatamente del danno subito, il termine ha inizio dal giorno in cui i sintomi si rendano evidenti e possano essere la conseguenza della specifica errata prestazione medica.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La denuncia ai Carabinieri è la prova del furto?

Nel caso in cui si resti vittima del furto di un automezzo, la sola produzione della denuncia di furto non è sufficiente a provare l'accaduto

Continua