Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Licenziamento disciplinare

La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

Licenziamento disciplinare - La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

L’immediatezza della contestazione ex art. 7, ex legge 20 maggio 1970  è essenziale nell’ambito di un licenziamento disciplinare al fine di assicurare una difesa effettiva al lavoratore.
Tale principio va visto non in modo assoluto ma relativo in quanto, in alcune vicende, anche con riferimento alla complessa organizzazione del datore di lavoro, la tempistica per accertare e valutare un determinato comportamento del lavoratore non può essere immediata come prescrive l’art. 7 dello Statuto. 

 

Facciamo il caso di furto aziendale. Lo stesso potrebbe essere attuato con modalità particolari, ad es. prelevando piccoli quantitativi di merce o di denaro in modo costante nel tempo di modo che l’accertamento dello stesso potrebbe verificarsi solo dopo particolari verifiche. Peraltro le giustificazioni che il lavoratore può fornire a seguito della contestazione possono richiedere ulteriore tempo per valutarle nella loro concretezza

Quello che va comunque rispettato è il principio della buona fede e correttezza nell’attuazione del rapporto di lavoro al fine di evitare, per il datore di lavoro, l’avvio di procedimenti privi dei dati essenziali di quanto oggetto di contestazione e per il lavoratore di vedersi contestati fatti a considerevole distanza dal loro verificarsi e sui quali, magari, non sarebbe neanche in grado di ricostruire la vicenda. 

 

La Cassazione ha statuito (cfr.  sent. n. 1101/2007; n. 4502/2008; n.7409/2010) che vanno sempre ben tenuti presente i contrapposti interessi al fine di valutare la sussistenza o meno dell’immediatezza della contestazione finalizzata ad un licenziamento disciplinare, specificando che l’intervallo di tempo trascorso tra il fatto oggetto dell’addebito e la sua contestazione si giustifica non in relazione alla necessità di un accertamento integrale e compiuto del fatto medesimo, ma all’esigenza per il datore di lavoro di acquisire conoscenza della riferibilità del fatto, nelle sue linee essenziali, al lavoratore medesimo.
Da ultimo è opportuno evidenziare che per il datore di lavoro sarà comunque essenziale verificare nel concreto quanto stabilito dal CCNL di riferimento, in quanto, proprio nello stesso, potrebbe essere rinvenuta una più stringente normativa in tema di sanzioni disciplinari e relativa tempistica.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti

Con il Jobs Act il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

Continua

JOBS ACT, le nuove assunzioni

Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

Continua

Jobs act: le novità

Con il Jobs act viene mutata la normativa lavoristica semplificando la costituzione del rapporto di lavoro

Continua

Associazione in partecipazione

Contratto associativo con il quale si ricompensa una attività lavorativa con gli utili che possono derivare dalla partecipazione in associazione

Continua

Contratto a termine, nuova formulazione

Il contratto a termine, recentemente, ha subito diverse modifiche. La più rilevante è data dalla possibilità di stipulare contratti privi di causa

Continua

Appalto e interposizione fittizia di manodopera

A quali condizioni può intendersi genuino un appalto con utilizzo di manodopera da parte del committente. Conseguenze e sanzioni per appalto illecito

Continua

Tutela della maternità

La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Continua

Mobbing e dequalificazione

Svuotamento delle mansioni e configurazione del Mobbing

Continua

Obblighi del committente - Decreto Fare

Responsabilità del committente nei confronti del personale dipendente da altre aziende

Continua

Licenziamento e periodo di comporto

Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Continua