Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali - Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono  da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

L’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, legge 300/1970, ha sempre fornito spunto di discussione e di analisi, per molteplici motivi ed aspetti. 

 

Il capitolo, riguardante il risarcimento del danno da licenziamento, attraverso una ”indennità commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto maturata dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione, dedotto quanto percepito, nel periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative”, proprio nell’ultimo capoverso, è stata oggetto di precisazione in molte sentenze 

Ciò, non perché esistano dubbi interpretativi o pareri giurisprudenziali discordanti, ma perché alcuni datori di lavoro, soccombenti nei giudizi di licenziamenti, ritengono di voler detrarre quanto percepito a titolo d’indennità previdenziali (cassa integrazione, mobilità ed anche pensione), dal risarcimento imposto dal giudice. 

La questione è stata, già da molto tempo, affrontata, e risolta, della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, attraverso la pronuncia del 13 agosto 2002 n.ro 12195; In caso di licenziamento illegittimo del lavoratore, il risarcimento del danno spettante a quest’ultimo a norma della legge n. 300 del 1973, art. 18 commisurato alle retribuzioni perse a seguito del licenziamento fini alla riammissione in servizio, non deve essere diminuito degli importi eventualmente ricevuti dall’interessato a titolo di pensione, atteso che il diritto al pensionamento discende dal verificarsi di requisiti di età e contribuzioni stabiliti dalla legge, sicché le utilità economiche che il lavoratore ne ritrae , dipendono da fatti giuridici del tutto estranei al potere di recesso del datore di lavoro, si sottraggono all’operatività della regola del compensatio lucri cum damno. Tale compensatio, d’altra parte, non può configurarsi neanche allorché, eccezionalmente, la legge deroghi ai requisiti del pensionamento, anticipando, in relazione alla perdita del posto di lavoro, l’ammissione al trattamento previdenziale, sicché il rapporto tra la retribuzione e la pensione si ponga in termini di alternatività, né allorché il medesimo rapporto si ponga invece in termini di soggezione a divieti più o meno estesi di cumulo tra la pensione e la retribuzione, posto che in tali casi la sopravvenuta declaratoria di illegittimità del licenziamento travolge “ex tunc” il diritto al pensionamento e sottopone l’interessato all’azione di ripetizione di indebito da parte del soggetto erogatore della pensione, con la conseguenza che le relative somme non possono configurarsi come un lucro compensabile col danno, e cioè come un effettivo incremento patrimoniale del lavoratore”. 

Tale principio, è stato ribadito dalla Suprema Corte di Cassazione, nella recentissima ordinanza 1725 del 28 gennaio 2014 che così conclude “È in questa prospettiva che deve escludersi la possibilità di detrarre dal risarcimento del danno il trattamento pensionistico percepito dal lavoratore, non potendo ritenersi tale attribuzione acquisita, se non in modo apparente e del tutto precaria, al suo patrimonio”. 

La Suprema Corte di Cassazione, nella sentenza n. 24447/2009 rimarca: “Premesso che il trattamento economico CIGS ha natura previdenziale, va infatti ribadito, in linea con l’orientamento consolidato di questa Corte, a partire da Cass. S.U. 13 agosto 2002 n. 12194 (cfr., tra le altre, Cass. 14 giugno 2007 n. 13871 e 14 febbraio 2005 n. 2928) che nell’ipotesi di licenziamento dichiarato illegittimo, le somme medio tempore percepite dal lavoratore a titolo di trattamento previdenziale (pensione, indennità di mobilità o trattamento CIGS) si sottraggono alla regola della "compensano lucri cum damno", e quindi non vanno sottratte dal risarcimento danni conseguente all’annullamento, commisurato alle retribuzioni perdute, in quanto tali somme perdono il loro titolo giustificativo con l’annullamento del licenziamento e devono pertanto essere restituite, su sua richiesta, all’ente previdenziale”. 

Sentenza 6906 del 20 marzo 2009: “Una volta affermato che il licenziamento era illegittimo e che il rapporto doveva considerarsi a tempo indeterminato, vi era continuità giuridica del rapporto, e, di conseguenza, il pensionamento non poteva costituire un fatto ostativo alla ripresa del rapporto.”… “L’incompatibilità tra la percezione di un trattamento pensionistico e quella di una retribuzione per lavoro subordinato non costituiva una causa di impossibilità di reintegrazione nel posto di lavoro ma comportava semmai una causa di sospensione dell’erogazione della prestazione pensionistica per il precettore del reddito”. 

In sintesi: è principio consolidato che il cd. aliunde perceputm non riguarda qualunque somma che il lavoratore abbia percepito dopo la cessazione del licenziamento dichiarato illegittimo, ma solo quelle collegate al mancato svolgimento della prestazione lavorativa, come le retribuzioni percepite dal lavoratore alle dipendenze di altro datore di lavoro. Restano, dunque, escluse dalla regola della ‘compensatio lucro cum damno le somme percepite dal lavoratore a titolo di trattamento previdenziale (pensione, indennità di mobilità o trattamento CIGS). 

Se così non fosse, si arriverebbe all’assurdo che la comunità, attraverso l’istituto previdenziale, debba pagare una parte delle conseguenze dell’illecito comportamento di un datore di lavoro. 

 Avv. Ernesto Maria Cirillo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Continua

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Continua

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua