Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza agronomica ed estimativa

Non solo bonus verde!

Il Legislatore offre un incentivo per la realizzazione di terrazzi e giardini. Ma non è l'unico modo per risparmiare sulla gestione del verde

Non solo bonus verde! - Il Legislatore offre un incentivo per la realizzazione di terrazzi e giardini. Ma non è l'unico modo per risparmiare sulla gestione del verde

Il Legislatore, da quest’anno, offre un incentivo per la realizzazione di aree verdi al fine di migliorare la qualità dell'aria e dell'ambiente delle nostre città. Si tratta di un contributo importante e innovativo per il panorama italiano ma che, come vedremo, non è l’unico modo per risparmiare nella gestione del verde. 

 

Il bonus verde

Il bonus – introdotto con la Legge di bilancio 2018 – si manifesta sotto forma di un risparmio fiscale pari al 36% delle spese sostenute per la progettazione, la realizzazione, la manutenzione straordinaria e la ristrutturazione di giardini e terrazzi privati e condominiali. Lo sgravio fiscale è esteso anche agli impianti accessori quali, per esempio, pozzi e impianti di irrigazione, ed è valido anche per tetti verdi e giardini pensili. Il valore del bonus è detraibile nelle dichiarazioni fiscali dei 10 anni successivi l’intervento.

L'importo massimo su cui è possibile calcolare la detrazione al 36% è pari a 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. Ciò significa che, nel caso di lavori su aree verdi condominiali, il tetto massimo per il quale si può godere della detrazione è pari a 5.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari condominiali (solo a uso abitativo). È interessante notare che il limite riguarda la singola abitazione e non è relativo al singolo proprietario il quale può quindi godere di un bonus per ognuna delle unità immobiliari – per esempio seconde case – di cui dispone.

In ogni caso è fondamentale che la spesa sia opportunamente tracciata e documentata. Per questo, tuttavia, è sufficiente che gli importi corrispondenti alle fatture da saldare siano corrisposti tramite bonifico.

I risparmi di una gestione professionale

Se il bonus verde è un elemento tangibile di risparmio, sebbene “spalmato” su un lungo periodo di 10 anni, vi è un altro modo per ridurre le spese relative alla gestione del verde, un modo che non richiede conferme legislative o interventi in sede di dichiarazione dei redditi.

In una recente giornata di studi organizzata dall’Associazione dei Comuni virtuosi ho presentato dati interessanti circa i risparmi che si possono ottenere andando a intervenire sulla programmazione della manutenzione. Ho dimostrato, numeri alla mano, che una progettazione attenta consente risparmi annui molto importanti, nell’ordine del 20-40%. Come? Intervenendo solo laddove necessario, progettando gli interventi di manutenzione straordinaria con la stessa attenzione e perizia tecnica che si adotta nel caso di nuove realizzazioni. Dal momento che nel “verde” si lavora con materiali vivi, occorre prevederne le modalità di sviluppo, l’adattabilità al giardino o al terrazzo, la risposta delle piante alle cure colturali (in particolare le potature).

E come sempre, una consulenza mirata e personalizzata, svolta nell’interesse esclusivo del Committente è il modo migliore per evitare conflitti di interesse che spesso caratterizzano i “costruttori” del verde.
Per maggiori informazioni consultate il mio sito www.lucamasotto.it  

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza agronomica ed estimativa

Luca Masotto Dottore Agronomo - Concorezzo (MB)

Luca Masotto Dottore Agronomo

Agronomi, forestali, Zoonomi, Biotecnologi / Dottori agronomi

Via Sant`agata 7

20863 - Concorezzo (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Alberi e siepi: quale distanza dai confini?

La presenza di alberi siepi o arbusti situati in prossimità dei confini è un frequente motivo di contenzioso fra vicini. Come affrontare il problema?

Continua

La gestione degli alberi condominiali

Dal censimento botanico alla gestione del rischio: come trattare i nostri alberi in contesto urbano

Continua

Espropriazioni di pubblica utilità: beni rurali

La valutazione dell'indennizzo di esproprio di un'azienda agricola è un'operazione complessa da analizzare tra estimo, economia, politica e marketing

Continua

Stabilità degli alberi: come si valuta?

Cosa determina la stabilità degli alberi? Una disciplina ancora poco conosciuta ma già ampiamente utilizzata anche nelle aule giudiziarie

Continua

Il giusto quesito per l'accertamento preventivo

L’ATP è uno strumento di urgenza utile a chiarire gli aspetti tecnici che hanno provocato un vizio. Fondamentale porre un buon quesito al CTU.

Continua

Soluzioni per aziende agricole sovraindebitate

Una procedura permette alle aziende agricole sovraindebitate di stralciare in tutto o in parte i propri debiti

Continua

Schianto di alberi: chi paga i danni?

Comprendere le cause biomeccaniche che hanno provocato lo schianto di un albero è di fondamentale importanza per inquadrare il responsabile dei danni

Continua