Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Sell in may and go away or...la tempesta perfetta

Flash sulla situazione attuale dei mercati finanziari: uno sguardo sul mondo

Sell in may and go away or...la tempesta perfetta - Flash sulla situazione attuale dei mercati finanziari: uno sguardo sul mondo

Vecchio "adagio" borsistico: "vendi a maggio e scappa"... anche le Borse ed i mercati finanziari vivono di stagionalità. I "frutti" si sarebbero poi potuti raccogliere dopo l'estate, a settembre. Maggio vuole dire stagione assembleare, pubblicazione di bilanci, pagamento dividendi perciò prese di profitto. Settembre ed ottobre reinvestimento in ottica di fine anno.  Molti di noi si ricordano poi le estati roventi con i "crolli" di agosto o gli attacchi speculativi sulle divise sempre nello stesso periodo: una certa "rarefazione" degli scambi coincidente con le ferie estive favoriva "scorribande" e accelerazioni, aumento della volatilità. Poi le banche centrali con le politiche espansive hanno "addolcito" anche questi movimenti. Nel corso di questa prima parte del 2018 qualcosa però sembra cambiare, e non solo per le vicende politiche ed economiche interne.   Siamo, si dice, in una fase di ciclo economico "maturo", le politiche monetarie degli Stati Uniti (che resta economia leader, le cui decisioni, conseguentemente hanno un impatto fondamentale in quelle degli altri paesi) hanno iniziato un ciclo di inversione (si parla di 3, forse 4 rialzi da qui a fine anno), il petrolio è salito parecchio nell'ultimo periodo con implicazione sull'inflazione, il Dollaro statunitense si rafforza creando qualche "grattacapo" ai paesi emergenti più indebitati (nuova crisi Argentina?), l' Europa ed il Giappone hanno perso un po' di "momentum" economico nel 1° trimestre (il Giappone addirittura in PIL negativo), per la Banca Centrale Europea è iniziata la fase di discussione sul futuro degli strumenti di espansione straordinari sin qui adottati e peraltro il prossimo anno (fra poco più di sei mesi quindi) Mario Draghi passerà il testimone presumibilmente ad un collega tedesco, le politica estera e commerciale del presidente Trump sembra ridisegnare gli equilibri ai quali eravamo abituati (basti pensare, in chiave europea ed italiana all' IRAN), a novembre negli Stati Uniti vi saranno le elezioni di "mid-term" che ridisegneranno la composizione delle Camere, in Europa il processo di integrazione e rilancio sembra essere lontano dal raggiungere gli obbiettivi che i leader europei si erano dati dopo l'eclatante risultato del referendum sulla Brexit e da ultimo, l'Italia, ancora la seconda economia manifatturiera a livello Europeo ma con il secondo debito pubblico dell'Area, si avvia verso la formazione di un governo sostenuto da una coalizione che si definisce di cambiamento e che in passato non ha mancato di esprimere critiche nei confronti della Commissione Europea.  Il T-BOND USA scadenza 10 anni ha superato la soglia d'attenzione del rendimento 3%: ciò a "scatenato" una sorta di reazione a catena che tra divise e obbligazioni ha interessato praticamente tutti i mercati di riferimento.   Il "volano" titoli dello Stato - banche (il settore più pesato sul FTSEMIB) è arcinoto: non dimentichiamo che tutt'ora l'indice della Borsa italiana ha ampiamente sovra performato gli omologhi degli altri paesi.  Alcune cose erano ormai nell'aria (cambiamento sul fronte tassi d'interesse), del debito pubblico italiano non c'è molto da dire se non ricordare che abbiamo bisogno di crescita per ripagare gli interessi e che il ns livello di rating, che piaccia o no è un po' ..."bassino". Anche la volatilità (banalmente ampiezza media dell'oscillazione delle quotazioni rispetto ad un punto - mi scuseranno gli "statistici") è stata e probabilmente (ed è tutt'ora influenzata) dai "Q.E" delle banche centrali e perciò ci si può attendere un ritorno verso valori storicamente medi o "normali". Certo che i ritorni attesi, generalmente parlando, sono bassi e richiedono tempo...cioè nervi saldi! Perciò obiettivi temporali chiari, asset allocation coerente, diversificazione (valutaria, geografica, settoriale, tematica, ecc...), contenimento dei costi ed efficienza fiscale con strumenti idonei, utilizzo di tutte le soluzioni disponibili in termini di risparmio, investimenti, previdenza, polizze, ecc...  L'inflazione resta sotto controllo e storicamente "bassa", le previsioni parlano ancora di crescita economia per il corrente anno e, anche se in misura minore, anche per il prossimo, le politiche monetarie degli istituti centrali non sono ancora avviate verso un "irrigidimento" severo delle condizioni.   Perciò check-up della propria personale asset allocation e interventi ove troppo sbilanciati su determinati fattori. Una cosa è certa: i mercati vanno "accompagnati", ma è dannoso (nel senso più economico del termine) lasciarsi influenzare dall'emotività e dalle oscillazioni di breve periodo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Chiavon Rag. Stefano Consulente Finanziario - Udine (UD)

CHIAVON RAG. STEFANO CONSULENTE FINANZIARIO

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

VIALE DEL LEDRA 14

33100 - Udine (UD)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il tempo, la risorsa più preziosa

Come il tempo influisce sui risparmi e gli investimenti, la pianificazione finanziaria e patrimoniale

Continua

Scenario in evoluzione

Quello che i mercati finanziari non vogliono (ancora) vedere: allarmi inascoltati. Cosa può fare il risparmiatore

Continua

Come si costruisce il rapporto cliente/consulente

Informazione, conoscenza, consapevolezza, personalizzazione, ascolto, fiducia: le parole "chiave" della relazione tra investitore e consulente

Continua

I rischi sono sempre in agguato...

Vecchie e nuove truffe del risparmio: attenzione ad uscire dal contesto

Continua

Risparmio e previdenza: un confine "labile"

Dove finisce il risparmio o dove inizia la previdenza: esigenze reali che possono trovare soluzione su strumenti complementari e con similitudini

Continua