Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Semplificazioni fiscali: abrogazione mod. 770

Come abrogare la dichiarazione 770 con i dati in possesso della PA

Semplificazioni fiscali: abrogazione mod. 770 - Come abrogare la dichiarazione 770 con i dati in possesso della PA

Semplificazioni fiscali: 770 – una dichiarazione da abrogare


Il modello 770, dichiarazione dei sostituti d’imposta riportante l’ammontare delle ritenute operate e versate al fisco nonché i dati retributivi e previdenziali dei lavoratori subordinati o equiparati occupati nell’anno precedente, grava annualmente sui imprese e professionisti come adempimento annuale avente scadenza il 31 luglio, prorogato puntualmente nel mese di settembre per via del ristretto calendario di scadenze fiscali che causerebbero l’ingolfamento degli studi professionali con il rischio di involontari errori e conseguenti sanzioni.
L’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha richiesto a più riprese lo slittamento definitivo della presentazione al 30 settembre ma sia il Governo che l’Agenzia delle Entrate, tramite poco convincenti motivazioni, sono sempre stati contrari.

In passato i governi, a decorrere dal 2009, avevano pianificato che tale adempimento passasse da annuale a mensile, in concomitanza con l’invio delle deleghe F24 o Uniemens, ma tale buona intenzione fu nel tempo disattesa per il tramite di vari rinvii fino da essere completamente annullata dall’art. 51 del decreto del fare.
Facendo un esame dei dati trasmessi mensilmente da imprese e professionisti alla PA si nota che...

oggi:
- i dati retributivi e previdenziali del personale ed equiparato sono inviati all’INPS mensilmente tramite Uniemens, mentre ad oggi manca una trasmissione delle ritenute operate e versate all’erario. I dati concernenti le ritenute si inviano tramite 770.

dal 2015:
- l’art. 2 dello schema di Decreto delegato prevede che i sostituti di imposta debbano trasmettere entro il 7 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento i dati risultanti dalle certificazioni rilasciate dal sostituto di imposta.
Rimane invariato l’invio dell’Uniemens e del 770.

Si denota che, con questo nuovo adempimento, il 770 risulta essere una doppia dichiarazione contenente dati già in possesso della PA, seppure con una tempistica di trasmissione diversa.
Se il Governo e l’Agenzia delle Entrate si fossero confrontati con l’Ordine dei Consulenti del Lavoro si sarebbe trovato un modo ben più efficiente per far trasmettere i dati richiesti in modo più semplice e senza scadenze annuali che comportano puntualmente nuove norme e software come ad esempio:
1 – far confluire i dati relativi alle ritenute versate ed operate all’interno della denuncia Uniemens;
2 – far predisporre alla Sogei un modulo “F24-ST” con il codice fiscale del percipiente e la ritenuta operata;

I due punti di cui sopra rappresentato un suggerimento pratico dettato da un professionista che con tali scadenze convive e sono sempre soggetti a migliorie, ma nulla toglie che, oggi, anche con il nuovo adempimento previsto nel 2015, sia tecnicamente possibile eliminare il modello 770 con i dati inviati nel corrente anno poiché attualmente l’Agenzia delle Entrate, seppur disaggregati, è in possesso di tutti i dati. L’aggregazione perfetta si avrebbe attuando uno dei due punti suggeriti ma, in ogni caso, la dichiarazione 770 andrebbe abrogata con decorrenza 1° gennaio 2015 in quanto ad oggi risulta essere una duplicazione di dati già in possesso della PA.
La semplificazione a tutti i livelli è possibile, basta solo che il legislatore chieda consiglio agli addetti ai lavori, nel caso specifico i Consulenti del Lavoro.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti senza dipendenti non pagano l'IRAP

Il Professionista che opera in assenza di personale dipendente e strumenti accessori di elevate entità è esonerato dal versamento dell'IRAP

Continua

I CED esclusi dalla Consulenza del lavoro

Le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del Lavoro. Le attività ausiliarie non permettono l'assorbimento della qualifica professionale

Continua

Licenziabile il dipendente che lavora in malattia

Licenziabile il lavoratore che svolga altri lavori all'interno della sua proprietà, pregiudizievoli al suo stato di salute

Continua

Illecito il CO.CO.PRO in assenza del contratto

In assenza della stipula del contratto tra le parti il CO.CO.PRO. è nullo e va convertito in lavoro subordinato sin dall'origine

Continua

Licenziamento per assenze discontinue

Licenziabile per giustificato motivo oggettivo il dipendente assente anche discontinuamente

Continua

Disciplinare il licenziamento per scarso rendimento

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310/2015, stabilisce la legittimità del licenziamento disciplinare per scarso rendimento

Continua

Apprendistato senza progetto formativo: convertito

Apprendistato senza progetto formativo: convertito in lavoro subordinato

Continua

INPS - Restituzione dei contributi prescritti

Grazie alla sottrazione alla disponibilità delle parti del regime della prescrizione, l'INPS non può trattenere somme non dovute in origine

Continua

ALT ai CED sulla Consulenza del Lavoro

Sentenza del Consiglio di Stato sull'attività dei CED

Continua

Legittimo licenziamento per assenza ingiustificata

Licenziato in tronco il lavoratore assente per almeno tre giorni senza giustificazione

Continua

Reintegro nel posto di lavoro per assoluzione

Reintegrazione nel posto di lavoro perduto per ingiusta detenzione e assoluzione

Continua

Uscire dalla crisi: come fare

Analisi e strategia aziendale per far uscire le aziende dallo stato di crisi

Continua