Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Uscire dalla crisi: come fare

Analisi e strategia aziendale per far uscire le aziende dallo stato di crisi

Uscire dalla crisi: come fare - Analisi e strategia aziendale per far uscire le aziende dallo stato di crisi

Lo stato di crisi aziendale, in special modo della piccola e media impresa, spina dorsale dell'economia, e di conseguenza del lavoro dipendente, rappresenta l'argomento costante in ogni settore. 

Sono del parere che, per pianificare adeguatamente una strategia di ripresa, occorra prima capire quali sono le cause che portano un'azienda da una condizione attiva e operativa ad una di rischio default, specie se ciò accade in breve tempo. 

La cause più comuni derivano in primis dal calo di commesse e quindi di fatturato, e di conseguenza, in virtù della minore circolazione di denaro, anche al ritardo dei pagamenti delle commesse pregresse nonchè dei mancati pagamenti delle stesse.
Il quadro che si viene a creare porta ad una mancanza di liquidità che, nell'atto pratico, si traduce nell'accumulo di partite debitorie nei confronti degli istituti assicurativi, previdenziali, di credito ed erario, allo scopo di portare avanti l'azienda da una parte e la sopravvivenza personale dall'altra. 

 

Cosa fa normalmente un'imprenditore in questa situazione? Quello che farebbe in tempo di calo di fatturato, e cioè:

- cerca di recuperare quanto più possibile i crediti (ove riesce);
- rateizza le varie cartelle esattoriali che inizia a ricevere allo scopo di evitare pignoramenti e ganasce fiscali;
- accende prestiti con le banche attraverso l'uso dello scoperto di conto;
- ricerca finanziamenti presso enti appositi come la CRIAS se artigiano;
- rimanda una serie di pagamenti con i fornitori;
- pone i dipendenti in CIG se approvata dalla DPL oppure è costretto a licenziare;
- varie ed eventuali;

Si deve notare che tali azioni possono trovare riscontro quando il periodo di crisi è temporaneo, ma in uno stato persistente come quello che stiamo vivendo tali tentativi non fanno altro che peggiorare la situazione poichè, a lungo termine, costituiscono solo un palliativo, infatti, perdurando lo stato di crisi per oltre due anni (e noi siamo già al sesto) l'azienda non solo non ha risolto il problema, ma ha eroso il patrimonio aziendale e personale, si trova sempre più indebitata, con i costi fissi sempre alti e con un trend negativo di oltre il 30% se non il 40%. Se a questo aggiungiamo che l'impresa non può lavorare con la PA (la quale spesso ritarda anche più di sei mesi i pagamenti) poichè non può avere il DURC il quadro della disfatta è completo, ed il tutto anche dopo anni di florida e rinomata attività, avente come conseguenza finale, che si fa sempre più concreta, la prospettiva di chiusura dell'attività

 

Una situazione frustrante non solo dal punto di vista professionale, ma, se perdurante nel tempo, soprattutto da quello psicologico, la quale può portare, come purtroppo abbiamo visto, a gesti estremi, perchè la crisi attuale sta distruggendo l'intero comparto di mercato e di risorse umane che a sua volta si flette su tutto il sistema macroeconomico nazionale. 

 

Uscire dalla crisi: cosa fare 

Comprendere che nel medio-lungo termine non è gestibile un perdurante stato di crisi e lasciare la speranza di cambiamento della situazione economica e di mercato e guardare il presente sotto una prospettiva in forma annuale differente è il primo passo che un imprenditore deve fare, con la consapevolezza che non sarà possibile nel medio termine tornare ai livelli di fatturato degli anni precedenti. I passi successivi sono: 

 

1 - rinegoziare i crediti con i propri creditori anche in forma rateale, in modo da avere una disponibilità economica immediata con un certo grado di sicurezza; 

2 - riorganizzare dalla base le commesse, ossia l'appalto, la gestione ed i pagamenti (ad es. anticipo del 30% prima di iniziare ed a stati di avanzamento in corso d'opera), sulla base dei costi fissi (manodopera, consulenza, tassazione, contribuzione, varie) e variabili (possibili imprevisti e/o varianti in corso d'opera); 

3 - taglio delle spese come:  

- fermo dei mezzi non utili o anche la dismissione degli stessi se non c'è la prospettiva di utilizzarli nel medio-lungo termine; in questo modo vengono tagliati i costi di gestione e manutenzione. 

- ove possibile servirsi di una sede propria lasciando quella in affitto. In alternativa cercare una sede meno costosa, anche decentrata, che serva all'indispensabile; 

4 - ridurre le spese del personale: per molte aziende si tratta di una scelta dolorosa ma fortunatamente esistono degli ammortizzatori sociali che permettono al personale di avere ugualmente un sostentamento quale: 

- se in forza: cassa integrazione straordinaria (per imprese con più di quindici dipendenti);, cassa integrazione in deroga;, Aspi per crisi aziendale; 

- se licenziati: se mancano le risorse negoziare il pagamento degli arretrati e del TFR;, indenità di mobilità, indennità di mobilità in deroga;, Aspi;, Mini Aspi; 

5 - rinegoziare le partite debitorie sia con gli istituti di credito che con eventuali fornitori; 

6 - evitare, ove possibile, di accedere ad ogni forma di finanziamento ed ogni tipo di spesa/investimento a meno che questa non sia assolutamente necessaria; 

7 - orientare lavoro e risorse verso una fascia clientelare disposta a rispettare le condizioni di cui sopra, in modo da lasciare fuori dal vostro quadro aziendale commesse poco o per nulla redditizie; 

8 - aprirsi a collaborazioni con altre aziende che possono coadiuvarvi in modo da ridurre ulteriormente i costi; 

 

Con i suggerimenti di cui sopra, con impegno e tenacia, è possibile uscire dallo stato di crisi e mantenere il sistema dell'MPM (mercato, prodotto e management), a patto di applicare le strategie aziendali in modo approfondito e analizzare anche ogni apparentemente insignificante minaccia economica che trovate sul campo, evitando assolutamente di minimizzare. 

Naturalmente quanto sopra espresso rappresenta una guida di massima, mentre ogni singolo caso dovrà essere esaminato e trattato sia dal Consulente del lavoro che da quello fiscale. 

 

C.d.L. Marco Angelo Zimmile

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti senza dipendenti non pagano l'IRAP

Il Professionista che opera in assenza di personale dipendente e strumenti accessori di elevate entità è esonerato dal versamento dell'IRAP

Continua

I CED esclusi dalla Consulenza del lavoro

Le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del Lavoro. Le attività ausiliarie non permettono l'assorbimento della qualifica professionale

Continua

Licenziabile il dipendente che lavora in malattia

Licenziabile il lavoratore che svolga altri lavori all'interno della sua proprietà, pregiudizievoli al suo stato di salute

Continua

Illecito il CO.CO.PRO in assenza del contratto

In assenza della stipula del contratto tra le parti il CO.CO.PRO. è nullo e va convertito in lavoro subordinato sin dall'origine

Continua

Licenziamento per assenze discontinue

Licenziabile per giustificato motivo oggettivo il dipendente assente anche discontinuamente

Continua

Disciplinare il licenziamento per scarso rendimento

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310/2015, stabilisce la legittimità del licenziamento disciplinare per scarso rendimento

Continua

Apprendistato senza progetto formativo: convertito

Apprendistato senza progetto formativo: convertito in lavoro subordinato

Continua

INPS - Restituzione dei contributi prescritti

Grazie alla sottrazione alla disponibilità delle parti del regime della prescrizione, l'INPS non può trattenere somme non dovute in origine

Continua

ALT ai CED sulla Consulenza del Lavoro

Sentenza del Consiglio di Stato sull'attività dei CED

Continua

Legittimo licenziamento per assenza ingiustificata

Licenziato in tronco il lavoratore assente per almeno tre giorni senza giustificazione

Continua

Reintegro nel posto di lavoro per assoluzione

Reintegrazione nel posto di lavoro perduto per ingiusta detenzione e assoluzione

Continua

Semplificazioni fiscali: abrogazione mod. 770

Come abrogare la dichiarazione 770 con i dati in possesso della PA

Continua