Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Lei, Lui e...i suoi figli - Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

E’ molto frequente oggi avere delle relazioni con uomini/donne che hanno dei figli da precedenti unioni, figli che ad un certo punto entrano a far parte anche della nostra relazione attuale, ponendoci di fronte a difficoltà, dubbi. 

Il nostro/a partner può non essere sempre disponibile per noi perché deve dedicare del tempo ai suoi figli (festività, fine settimana, vacanze), deve occuparsi di alcuni aspetti della loro vita (scuola, malattie, ecc.). E  che succede se  questi vivono con noi e ci troviamo ad assistere a comportamenti che non avremmo mai accettato o permesso? 

 

Sorgono in noi rabbie e insicurezze legate al futuro della nostra relazione o al potenziale confronto col bimbo/a o con l’ex del nostro/a partner, proviamo rabbia e gelosia che ci fanno mettere in atto ripicche e recriminazioni che a lungo andare creano malessere anche nella nostra relazione. 
I figli dei nostri partner diventano così il terzo membro della relazione, i nemici con cui competere o dalla cui accettazione è legato il futuro della nostra relazione.
In questa situazione siamo di fronte a dei confini confusi, in cui ognuno invade ruoli e funzioni di altri e in cui il bambino può essere triangolato e divenire il bersaglio delle nostre rabbie verso il partner, o il “pretesto” per l’altro per svincolarsi dalla relazione.   


Come possiamo gestire meglio questa situazione? 


Occorre ridefinire prima di tutto un confine chiaro: quel bambino/a non è figlio/a nostro ma il figlio/a del nostro compagno/a, è il frutto di un’altra relazione. Il bambino/a e il nostro partner sono una realtà che esiste a prescindere da noi, hanno un legame che va rispettato mantenendo la giusta distanza.
Rispettare tale confine ci permette di non sostituirci ai genitori naturali, noi non potremmo mai esserlo. Assumere la giusta posizione aiuta  il bambino/a ad accettarci, anche lui o lei sta facendo i conti con una nuova realtà il suo genitore con accanto un altro uomo o un’altra donna.
Il nostro partner deve aiutarci a stabilire questo confine, anzi questo può essere un obiettivo della coppia. 


La relazione è dunque la cornice in cui osservare le difficoltà che viviamo. Il bambino/a, salvo casi particolari di difficile gestione o convivenza, è un capro espiatorio e concentrarsi solo su di lui crea ancora maggiore distanza con il partner.
E’ utile poterne parlare con il nostro/a partner perché insieme potremmo trovare nuove risorse nella relazione e definire un nuovo equilibrio  di coppia.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza psicologica

Dr.ssa Marzia Dileo - Roma (RM)

DR.SSA MARZIA DILEO

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

VIALE ANGELICO, 205

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Il tempo della “Non-Esistenza”

La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

La violenza sulle donne è "cosa nostra"

La violenza di genere come problema sociale

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Il bisogno e la paura dell’altro

Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network

Continua

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua