Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza gestionale

STOP alla solidarietà negli appalti

Committenti e appaltatori non saranno più costretti a richiedere la certificazione di regolarità ritardando i pagamenti alle imprese

STOP alla solidarietà negli appalti - Committenti e appaltatori non saranno più costretti a richiedere la certificazione di regolarità ritardando i pagamenti alle imprese

Il decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, approvato dal Consiglio dei Ministri il 30 ottobre 2014, ha definitivamente abrogato la responsabilità solidale fiscale negli appalti, sopprimendo i commi 28, 28-bis e 28-ter dell’art. 35 del D.L. n. 223/2006, convertito dalla legge n. 248/2006.
Una novità positiva, dunque, visto che tale solidarietà si traduceva in una farraginosa burocrazia sia per gli appaltatori che per i committenti.
La norma soppressa prevedeva:  

- la responsabilità dell’appaltatore con il subappaltatore per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovuto dal subappaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del rapporto, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto 

- una sanzione amministrativa pecuniaria, in capo al committente, da 5.000,00 a 200.000,00 euro, nel caso in cui lo stesso avesse pagato il corrispettivo all’appaltatore senza aver prima ottenuto dallo stesso la documentazione attestante che i versamenti fiscali, scaduti alla data del pagamento del corrispettivo, fossero stati correttamente eseguiti, eventualmente anche dal subappaltatore. 

 

Erano previste diverse modalità per effettuare il controllo

- acquisire, prima del versamento del corrispettivo, documentazione adeguata per verificare che gli adempimenti fossero stati correttamente eseguiti dal subappaltatore 

- ottenere, da uno dei professionisti abilitati al rilascio del visto di conformità e degli abilitati alla trasmissione telematica, una asseverazione attestante che gli adempimenti fossero stati regolarmente effettuati 

- ottenere dal subappaltatore una dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 contenente: a) il periodo nel quale le ritenute sui redditi di lavoro dipendente erano state versate; b) gli estremi del modello F24 con il quale i versamenti delle ritenute non scomputate, totalmente o parzialmente, erano stati effettuati. 

 

Ora, come anticipato, preso atto che la disciplina prevista dai commi 28, 28-bis e 28-ter dell’art. 35 del decreto legge n. 223/2006 implicava "oneri amministrativi sulle imprese che si sono rivelati non proporzionati rispetto all’esigenza di contrastare i fenomeni di frode e di evasione fiscale riscontrati nell’esperienza operativa da parte di coloro che utilizzano lavoratori in nero" il Governo ha deciso di abrogarla.
Per l’efficacia della soppressione occorre solo attendere la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e quindi l’entrata in vigore del provvedimento. Un volta pubblicata la soppressione però non avrà effetto retroattivo, e dunque relativamente ai periodi pregressi la solidarietà nonchè le sanzioni a carico del committente, restano.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza gestionale

Studio Busin - Peschiera Borromeo (MI)

Studio Busin

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Liberazione 27

20068 - Peschiera Borromeo (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, amplia ed estende il Reverse Charge a nuovi casi. Le modifiche sono ancora oggetto di interventi e chiarimenti

Continua

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, introduce nuove casistiche di Reverse Charge ancora oggetto di chiarimenti ed interventi

Continua

Fattura elettronica per le PA chi sono i soggetti?

La Finanziaria del 2008 ha introdotto ll’obbligo che ogni fattura destinata alle PA debba essere emessa in formato elettronico.

Continua

I beni significativi limitano l'aliquota agevolata

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di applicazione dell'iva al 10% in caso di acquisto ed installazione di infissi

Continua

Scia-Imprese, controllo entro 60 giorni

Maggiori certezze per chi deve utilizzare la Scia per avviare un'attività di impresa regolamentata da leggi specifiche

Continua

Il buono acquisto alla stregua del denaro contante

Sempre più aziende, per omaggi e promozioni, si affidano al sistema dei buoni acquisto e dei buoni regalo. Ecco un piccolo vademecum

Continua

Associazioni con sponsorizzazioni scontate

Cambia la percentuale di detrazione IVA forfetaria dal 90% al 50% per le spese di sponsorizzazione delle associazioni

Continua

Semplificazioni verso l'estero

Cosa cambia per le operazioni con lettere di intento, servizi intracomunitari e scambi con paesi Black List

Continua

Esportazioni indirette anche dopo 90 giorni

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito la non imponibilità delle esportazioni dirette per le uscite dal territorio Ue dopo i 90 giorni

Continua