Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
Spazio promozionale a cura di ProntoProfessionista.it

Diritto dei consumatori

Legge per il mercato e la concorrenza (2° parte)

Dopo più di due anni di iter parlamentare arriva la nuova legge per favorire lo sviluppo e la tutela del consumatore

Legge per il mercato e la concorrenza (2° parte) - Dopo più di due anni di iter parlamentare arriva la nuova legge per favorire lo sviluppo e la tutela del consumatore

Dopo più di due anni è diventata legge il DDL annuale per il mercato e la concorrenza, in osservanza dei principi emanati dall'Unione europea in materia di libera circolazione e apertura dei mercati. Secondo il Ministero dello sviluppo economico, la prima Legge annuale per il mercato e la concorrenza serve per stimolare la crescita e la produttività, riduce il costo dei beni e servizi ad appannaggio dei consumatori che potranno sborsare meno per i beni acquistati e i servizi usufruiti, promuove l’innovazione e attrae gli investitori esteri. La Legge norma differenti aree: assicurazioni, pensioni complementari, comunicazioni, poste, energia, ambiente, banche, avvocati, notai, ingegneri, odontoiatri, farmacie, trasporti e turismo.  

 

Vediamo gli altri punti principali sulle ultime otto aree appena elencate, mentre nella prima parte dell’articolo sono state illustrate le novità che riguardano le prime sei aree. 

 

Banche: al momento della richiesta di un mutuo, il consumatore ha diritto a poter scegliere una polizza accessoria diversa da quella offerta dalla banca nella quale si sta accendendo il mutuo stesso a patto che la polizza accessoria scelta dal consumatore abbia caratteristiche equivalenti. Sul fronte del leasing, è stata tipizzata la disciplina del leasing finanziario, compreso il grave inadempimento. Dunque, ci sarà maggiore certezza e trasparenza nelle transazioni.  

 

Farmacie: E’ stato eliminato il tetto massimo di 4 farmacie per farmacista con la possibilità di creare nuovi negozi costituiti in forma di società di capitali (con tetto al 20% a livello regionale. E’ stata inoltre prevista la liberalizzazione degli orari: ogni farmacia, quindi, potrà decidere l’orario di apertura, tenendo però conto dell’obbligo di orario minimo. Ciò significa che si potranno trovare più farmacie aperte più a lungo. Per fare in modo che le farmacie siano distribuite equamente su tutto il territorio nazionale, è stato previsto il trasferimento delle farmacie “soprannumerarie” dei piccoli comuni in altri comuni della medesima regione. Infine, per quanto riguarda i farmaci, via libera al bugiardino anche in formato digitale.  

 

Traporti: per promuovere la concorrenza, adeguare l’offerta di servizi alle nuove tecnologie e contrastare l’abusivismo tra taxi e noleggi con conducenti, è stata data la delega al Ministero dei Trasporti e al Ministero dello Sviluppo Economico per riformare l’intera disciplina. Sul fronte del trasporto locale con metro e bus, diventerà obbligatorio fornire il servizio di biglietteria elettronica così come sarà obbligatorio pubblicare la carta dei servizi relativa ai rimborsi e agli indennizzi.  

 

Turismo: come diffuso dal Ministero, “sono state abolite le clausole contrattuali che prevedono la parità tariffaria nei rapporti tra gli intermediari di qualunque natura (online e offline): le strutture turistico-ricettive potranno offrire sconti maggiori rispetto ai prezzi praticati dalle "piattaforme on line””.  

 

Avvocati: gli avvocati avranno l’obbligo di fornire un preventivo per le loro prestazioni ai clienti anche se questi ultimi non lo chiedono. Tale obbligo tutela i consumatori da tariffe concordate a voce che poi non risultano essere quelle effettive al momento dell’emissione della fattura da parte del professionista. In questo modo si persegue una maggiore trasparenza. Sul fronte degli avvocati, sarà possibile costituire società tra legali con soci di capitale.  

 

Notai: è stato previsto un numero maggiore di notai in base alla densità di popolazione. Infatti, il rapporto di 1 notaio per ogni 7.000 abitanti passa a 1 notaio ogni 5.000 abitanti provocando maggiore concorrenza. A tal proposito, inoltre, il notaio potrà pubblicizzare il proprio onorario. Inoltre, ogni notaio potrà operare in tutta la Regione o nel distretto della Corte d’appello a seguito dell’aumento dell’area territoriale in cui potrà esercitare la propria professione.  

 

Ingegneri: E’ stata prevista la “possibilità per le società di ingegneria di accettare commesse da privati, assoggettandole ad alcuni requisiti già previsti per altri liberi professionisti (es: obbligo di copertura assicurativa, indicazione nominativa dei professionisti responsabili del progetto).  

 

Odontoiatri: Sono state previste “nuove regole per l'esercizio dell’attività odontoiatrica in forma societaria: maggiori garanzie per i clienti e per l'esercizio della professione (es. obbligo del possesso dei titoli abilitanti, norma "anti-abusivismo").

articolo del

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta