Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
Spazio promozionale a cura di ProntoProfessionista.it

Diritto del lavoro

Ok al reddito di inclusione, fino a 485 euro al mese

Sarà attivo dal prossimo 1° gennaio 2018 il nuovo REI, il reddito di inclusione, che sostituisce il Sia, il sostegno all'inclusione attiva

Ok al reddito di inclusione, fino a 485 euro al mese - Sarà attivo dal prossimo 1° gennaio 2018 il nuovo REI, il reddito di inclusione, che sostituisce il Sia, il sostegno all'inclusione attiva

Sarà attivo dal prossimo 1° gennaio 2018 il nuovo REI, il reddito di inclusione, che sostituisce il Sia, cioè il sostegno all'inclusione attiva.  

 

Il Rei è un sostegno finanziario destinato ai nuclei familiari che versano in gravi difficoltà economiche e che si trovano nella soglia di povertà. E proprio il contrasto alla povertà e l’inserimento nel tessuto sociale e lavorativo dei soggetti più disagiati e bisognosi sono gli obiettivi del Governo che ha stanziato 1,18 miliardi di euro per il 2017 e 1,7 miliardi di euro per il 2018.  

 

Il Rei è un reddito aggiuntivo che viene erogato mensilmente ai nuclei familiari che presentano una determinata situazione economica di disagio. Nello specifico:  

- l’Isee non deve essere superiore a 6 mila euro  

- il valore del patrimonio immobiliare del nucleo familiare, diverso dalla casa di abitazione, non deve essere superiore a 20 mila euro  

 

Secondo le stime sono 400 mila le famiglie che avrebbero diritto a percepire il Rei, pari a circa 1,8 milioni di persone, di cui 800 mila minori.   Il beneficio economico del Rei è pari a 190 euro mensili nel caso in cui il nucleo familiare sia composto da una singola persona fino a un massimo di 485 euro mensili (pari all'assegno sociale per gli over 65 senza reddito) nel caso in cui il nucleo familiare sia composto da una cinque o più persone.  

 

Tra coloro che chiederanno di ottenere il Rei, avranno la priorità:  

- le famiglie con minori o disabili  

- gli over 55 anni che risultano disoccupati  

- le donne in stato di gravidanza  

 

E’ importante sottolineare che hanno diritto al Rei anche coloro che svolgono un’attività lavorativa, fermo restando il requisito di avere un valore Isee non superiore a 6 mila euro. Il beneficio, invece, è negato alle famiglie in cui anche solo uno dei componenti percepisce la NASpI o un altro ammortizzatore sociale per la disoccupazione involontaria.

La durata massima dell’erogazione del Rei è di 18 mesi, che però, può essere rinnovata dopo sei mesi di stop della fruizione.

articolo del

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta