Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
Spazio promozionale a cura di ProntoProfessionista.it

Esperti in Commercialisti sul territorio nazionale

CERCA esperti in Commercialisti

Consulenza e assistenza societaria e contrattuale

Fare azienda con l’e-commerce, ancora in crescita

Gli scambi elettronici crescono del 17% nel 2017 e i prodotti superano per la prima volta i servizi

Fare azienda con l’e-commerce, ancora in crescita - Gli scambi elettronici crescono del 17% nel 2017 e i prodotti superano per la prima volta i servizi

Il mercato del commercio elettronico continua a crescere a passo spedito. Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Osservatorio eCommerce B2C promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, l’e-commerce è aumentato di ben 17% rispetto al 2016 registrando un giro di affari pari a 23,6 miliardi di euro.  

 

I dati sono riferiti agli scambi B2C (Business to Consumer), ovvero quelli tra le aziende che offrono beni e servizi sul mercato e i consumatori finali. E per la prima volta, la spesa per l’acquisto dei prodotti online supera quella per l’acquisto dei servizi. Elemento, questo, che fa capire come i modelli di business in Italia stanno cambiando e come l’e-commerce stia diventando sempre di più un metodo vincente per le aziende che vogliono aumentare la propria clientela.  

 

Osservando più nello specifico i dati diffusi dall’Osservatorio eCommerce B2C e da Netcomm, il giro di affari generato dalla vendita dei servizi è aumentato del 7% in più rispetto al 2016 generando scambi per un valore di circa 11,4 miliardi di euro. Tale cifra, si è detto, è stata superata per la prima volta dagli scambi generati dalla vendita e acquisto di prodotti online, cresciuti del 28% rispetto all’anno scorso per un ammontare di circa 12,2 miliardi di euro (pari quindi al 52% degli scambi totali che ammontano a 23,6 miliardi di euro). 

 

Nonostante a livello aggregato la domanda di prodotti superi quella dei servizi, a farla da padrona nella classifica di scambi online sono i servizi legati al turismo. Gli italiani hanno effettuato scambi del valore di circa 9,2 miliardi per l’acquisto di biglietti dei treni, degli aerei o per la prenotazione di alberghi e case vacanze, pari al 7% in più rispetto all’anno scorso.   Ma le percentuali di crescita più elevate sono riservate ai prodotti. In valori assoluti, i più ricercati sono quelli informatici ed elettronici che hanno generato scambi per circa 4 miliardi di euro e sono aumentati del 28% rispetto al 2016. Stesso trend di crescita (28%) lo ha registrato anche il mercato online dell’abbigliamento che raggiunge i 2,5 miliardi di euro scambiati. Ma la percentuale più alta di crescita se l’aggiudica il Food&Grocery nel settore dei prodotti. Aumentano di ben 41% rispetto al 2016 generando scambi pari a circa 900 milioni di euro.  

 

Complici dell’aumento senza arresto del mercato elettronico sono anche i tablet e gli smartphone, sempre più diffusi tra la popolazione. Un acquisto su quattro, infatti, è stato fatto attraverso tablet o smartphone. Basti pensare che la percentuale era del 4% nel 2013 ed è arrivata al 25% nel 2017. Ciò significa che in mercato sempre più globalizzato e digitalizzato, dove i device sono strumenti di lavoro, ma sempre più anche strumenti di svago e di acquisto, le aziende devono trovare nuove soluzioni per stare al passo con i tempi e per trovare nuove strade per raggiungere la propria clientela.  

 

Avviare un commercio elettronico, però, non è cosa semplice e non bisogna improvvisarsi, perché potrebbe essere controproducente. Per questo, è consigliabile affidarsi a un commercialista esperto. Cercatelo nel nostro sito. Il primo contatto in studio è gratuito!

articolo del

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta