Anche Equitalia va in ferie


Sospese le notifiche delle cartelle esattoriali fino all’8 gennaio 2017
Anche Equitalia va in ferie

Anche Equitalia va in ferie. L’amministratore delegato Ernesto Maria Ruffini ha firmato un provvedimento tramite il quale è stato deciso il blocco (quasi) totale dell’invio delle cartelle esattoriali nel periodo natalizio e fino all`8 gennaio 2017.

I contribuenti, quindi, potranno festeggiare il Capodanno "sereni", senza il timore di avere brutte sorprese. Non tutti, però, perché lo stop non riguarda gli atti cosiddetti inderogabili che saranno comunque notificati.

Il provvedimento riguarda circa 380mila atti da notificare.

Ecco la comunicazione ufficiale pubblicata da Equitalia sul suo sito.

Zero cartelle a Natale, congelati 380mila atti
Stop alle cartelle, congelati quasi tutti gli atti della riscossione. È il provvedimento assunto dall’Amministratore Delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini che consentirà a migliaia di italiani di non avere brutte sorprese sotto l’albero, almeno fino alla Befana. Dal 24 dicembre all’8 gennaio 2017 era previsto l’invio di poco meno di 450mila cartelle. Non è e non può essere un blocco totale in quanto alcuni atti cosiddetti inderogabili saranno comunque notificati anche durante queste due settimane, anche se in buona parte attraverso la posta elettronica certificata.
«È un time out, una sospensione che rientra nel quadro di riforma di un sistema di riscossione che deve essere più dalla parte dei cittadini e non contro - spiega l’ad Ernesto Maria Ruffini -. I progetti messi in campo nei 18 mesi della mia guida e col nuovo Consiglio di amministrazione dimostrano, con i numeri, che era stata intrapresa la strada giusta e che si può fare riscossione e recupero dell’evasione anche stringendo un patto di fiducia con imprese e cittadini».

Articolo del: