Arriva “Estimare”, la nuova app del Demanio per valutare gli immobili


L’app Estimare calcola il valore di mercato degli edifici attraverso il procedimento sintetico-comparativo
Arriva “Estimare”, la nuova app del Demanio per valutare gli immobili

L’Agenzia del demanio, durante il convegno “Estimare. Diamo il giusto valore agli immobili” di qualche settimana fa, in occasione della XXXV assemblea annuale dell’Anci, ha presentato “Estimare”, una nuova applicazione totalmente gratuita ed intuitiva, da utilizzare direttamente dal proprio smartphone, utile per calcolare il valore dei fabbricati e semplificare il processo di stima immobiliare.

 

Nata dall’esigenza di uniformare e digitalizzare l’attività estimale svolta dalle Amministrazioni inserite nel conto economico consolidato della Pubblica Amministrazione, “Estimare” è stata presentata e condivisa per diventare uno strumento utile per gli addetti del settore immobiliare che si trovano a dover indicare il valore di un immobile da vendere o da affittare.

 

La nuova applicazione “Estimare” è stata sviluppata interamente dall’Agenzia del Demanio, con la collaborazione del Politecnico di Milano e della Scuola Politecnica dell’Università degli Studi di Palermo e si preannuncia come uno strumento dalle notevoli potenzialità e utilità per i professionisti che operano nel settore delle compravendite e locazioni immobiliari.

 

Infatti, grazie ad “Estimare”, è possibile “individuare il più probabile valore di mercato di un immobile e può essere utilizzato, già dalle prime fasi dei sopralluoghi, per inserire dati e immagini utili a comporre la stima, con un notevole risparmio di tempo ed energie”.

E’ più semplice, quindi, calcolare il prezzo di vendita o di locazione di un’unità immobiliare attraverso un procedimento di stima sintetico-comparativo, anche se in futuro il procedimento sarà integrato con algoritmi di stima che consentiranno di valutare immobili più complessi e aree edificabili.

Inoltre, “Estimare” consente di conservare tutte le stime effettuate per crearsi una vera e propria banca dati immobiliare, con l’ulteriore vantaggio di condividere le informazioni sugli immobili in tempi brevi.

 

“I 327 pareri di congruità emessi quest’anno hanno generato un risparmio complessivo di 4,2 milioni di euro sugli acquisti di immobili da parte di Enti pubblici e 3 milioni di euro sui contratti di affitto”, ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia del Demanio, Riccardo Carpino. “Si tratta di un’attività che mira all’efficienza e all’economicità della gestione e che merita di essere valorizzata perché il patrimonio pubblico è una risorsa importante per agire sul fronte della generazione di risparmi”.

 

Le amministrazioni pubbliche, sia centrali che locali, per poter acquistare, vendere o affittare immobili devono rivolgersi all’Agenzia del Demanio e richiedere la congruità del prezzo. Il parere viene rilasciato dalla Commissione di Congruità, l’organo interno all’Agenzia che garantisce il controllo della spesa pubblica nelle operazioni immobiliari.

 

“Estimare”, infatti, è nata proprio per semplificare l’attività della Commissione di Congruità nel fornire pareri. Adesso, la semplificazione si rivolge anche a tutti gli altri operatori del settore in maniera semplice e gratuita.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Intermediazione immobiliare